Itsasoaren Alaba: il film di Josu Martinez in Italia – date

Haize aveva un anno quando suo padre, Mikel Goikoetxea, “Txapela”, rifugiato basco di 27 anni venne ucciso nel 1984 dal gruppo paramilitare GAL, nel Paese basco in Francia. Haize ripercorre la vita di suo padre attraverso la testimonianza di chi lo ha conosciuto. Sullo sfondo di questo percorso a ritroso nella memoria c’è il mare Cantabrico dove le ceneri di Mikel vennero sparse dopo il suo funerale. E’ un viaggio nella memoria di un parte del conflitto basco spagnolo che i mass media hanno volutamente riposto nel dimenticatoio. Ma soprattutto è la storia di una ragazza che vuole capire e ricostruire la figura di suo padre al di là dei miti che lo hanno accompagnato. Il dialogo interiore  pieno di domande che trovano risposte attraverso un ricostruzione storica ma soprattutto umana. La forza del documentario sta proprio nel ridare una dimensione profondamente umana spogliata del mito necessario che troppo spesso accompagna la memoria dei protagonisti di conflitti politici. Una dimensione umana che contribuisce in modo determinante a dare un contributo alla comprensione del significato profondo di un conflitto, delle drammatiche scelte di vita individuali. Haize ha voluto ripercorrere questo cammino emozionante e doloroso per conoscere quello che fino ad ora era un fantasma. Adesso amerà Mikel non solo perché era suo padre .Adesso Haize tornerà “sulla spiaggia del mare Cantabrico per avere una conversazione  con lui che nessuno ascolterà”.

LE DATE DEL FILM IN TOUR IN ITALIA

10 febbraio – Firenze, centro sociale CPA
11 febbraio – Napoli
12 febbraio – Bergamo
12 febbraio – Torino
13 febbraio – Genova
13 febbraio – Brescia
14 febbraio – Milano     


Related Articles

30 ANNI FA MORIVA BOBBY SANDS

Trent’anni fa, il 5 maggio 1981, Bobby Sands, detenuto repubblicano irlandese morì dopo 66 giorni di sciopero della fame. Bobby Sands e nove suoi compagni si lasciarono morire di fame nel carcere di Long Kesh, nei pressi di Belfast. I detenuti dell’Ira avevano 5 richieste : Il diritto di indossare i propri vestiti e non l’uniforme carceraria; il diritto di astenersi dai lavori penali, il diritto alla libera associazione, il diritto ad attività ricreative ed educative in accordo con le autorità carcerarie e il ripristino del condono della pena (venuto meno a causa della “dirty protest”). Oggi quel carcere è chiuso, vuoto. Ma resta il simbolo, con i suoi «H-blocks», blocchi H, della repressione inglese su quel pezzo di isola verde. Il simbolo dell’ostinazione con cui la Gran Bretagna ha continuato (e, seppure in modo diverso, continua) a passare letteralmente sopra i cadaveri di migliaia di persone pur di mantenere il controllo di quelle sei contee: anche quando (come del resto ha riconosciuto il governo di John Major, nel 1994) non aveva più interessi «né strategici, né economici, né egoistici » su quel territorio.

Coronavirus and economic crisis hit Amed

Amed (Diyarbakır) is one of the most important cities in the Middle East, Turkey and Kurdistan. It is the heart,

ERDOGAN VORREBBE TAPPARE LA BOCCA AI MEDIA

Sono già una cinquantina i giornalisti che hanno firmato la lettera di protesta alle dichiarazioni del premier turco Recep Tayyip

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment