Guler Zere rischia di morire in carcere

Guler Zere rischia di morire in carcere

  Guler Zere ha 37 anni, sta scontando una condanna a 14 anni per essere membro di una organizzazione della sinistra turca.  Quando era rinchiusa nel carcere di Elbistan le è stato diagnosticato un tumore alla bocca e al collo. Oggi Guler ha urgente e costante necessità di ricevere cure adeguate per la sua malattia. Nei giorni scorsi, grazie anche alla pressione dell’opinione pubblica turca e delle associazioni umanitarie, Guler è stata trasportata all’ospedale di Adana, nel reparto per detenuti. Ma ieri ha chiesto di essere riportata in carcere perchè le condizioni igieniche e sanitarie del reparto sono peggiori di quelle della prigione.  L’avvocata della giovane, Oya Aslan, ha confermato che per Guler era più rischioso stare in ospedale. Ma la legale sottolinea anche che la sua cliente ha bisogno di terapie quotidiane e il carcere si trova a un’ora e mezza dall’ospedale. La mamma della giovane per giorni in segno di protesta è rimasta seduta davanti all’ingresso dell’ospedale. Un rapporto medico conferma che la vita di Guler è a rischio e che il successo delle cure dipende molto dalla sua volontà di combattere e dall’assistenza dei suoi familiari. Ma Guler poteva ricevere una sola visita alla settimana e per appena 15 minuti.  
L’associazione diritti umani sottolinea che dall’inizio dell’anno sono morti sei detenuti con probemi di salute. E ribadisce che il trattamento riservato ai prigionieri malati non è per tutti uguale. Infatti alcuni detenuti nel processo Ergenekon, la gladio turca, sono stati rilasciati per problemi di salute. Mentre per i prigionieri politici questa possibilità non esiste.
Maggiori informazioni sul caso di Guler Zere si possono trovare su http://www.gulerzere.net/


Related Articles

Sonia Jacinto, Miren Zabaleta, Arkaitz Rodriguez, Arnaldo Otegi…..

Tra meno di un mese saranno trascorsi due anni dalla operazione di polizia che portò all’arresto di 10 esponenti della sinistra indipendentista basca tra cui Sonia Jacinto, Miren Zabaleta, Arkaitz Rodriguez e Arnaldo Otegi. Operazione diretta dal giudice Baltazar Garzon che cadrà in disgrazia di li a poco a causa del sistema politico che con tanto impegno e ardore si era impegnato a difendere. Quello nato dalla assoluzione del regime franchista. E quella ultima operazione contra la sinistra indipendentista racchiude simbolicamente il senso di una vicenda politica che oggi evidenzia anche a chi “non ha voluto vedere in questi anni” i termini della questione. Una democrazia che non poteva evolversi, quella spagnola, vista l’origine viziata dalla omertà politica istituzionale dell’origine franchista. La sinistra indipendentista, unica reale e concreta contestazione a questa mancata origine costituente democratica sia spagnola e di conseguenza basca delle istituzioni politiche, che sceglie di abbandonare la strategia politico militare e di lanciare/accettare la sfida sul terreno strettamente politico.

PM RESPINGE ESTRADIZIONE DIRIGENTE CURDO

Nell’ udienza che si è tenuta oggi presso la Corte d’Appello di Venezia, il Pubblico Ministero ha chiesto la scarcerazione

NUOVI ARRESTI PRESUNTI MILITANTI ETA

Oggi sono state arrestate due persone accusate di essere militanti di ETA, dalla polizia autonoma catalana, Mosos de Esquadra, nella

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment