GIORNALISTA “ARRESTA” LIEBERMAN. CENSURATO

Il servizi televisivi della Unione Europea sono stati protagonisti di un palese episodio di censura. Il giornalista irlandese del The Guardian, David Cronin, ha messo in atto una singolare forma di protesta contro il ministro degli Esteri israeliano Avigdor Lieberman, la cui avversità dai tratti razzisti contro gli arabi sono note, tra l’altro propose l’applicazione della legge sui partiti spagnola che ha il legalizzato Batasuna, per escludere dalla Knesset i partiti che rappresentano i palestinesi. Cronin, poco prima che iniziasse la conferenza stampa, si è rivolto al ministro israeliano gridando: “Questo è un arresto cittadino. Lei è colpevole dello stato di apartheid israeliano. Mi accompagni in commissariato”. I servizi di sicurezza sono immediatamente intervenuti contro il giornalista, che è anche corrispondente di Inter Press Service (IPS) a Bruxelles, portandolo fuori dalla sala mentre continuava a gridare “Liberate la Palestina”.

La scena, di appena dieci secondi,  venne trasmessa in diretta però fu eliminata dalle immagini che diffondono in differita il Servizio Audiovisivo Europeo (EBS) e la televisione interna del Consiglio Europeo  (TVNewsroom). EBS ha ammesso che è stata ritirata la parte del video in questione su richiesta del Consiglio della Unione Europea.

Per vedere il video della protesta: http://www.youtube.com/watch?v=_ZGBeVRL52A


Related Articles

Turkey: Syrians illegally deported into war before ‘safe zone’ is created

Amnesty International claims Turkey spent the months leading up to its military incursion into northeast Syria forcibly deporting refugees to

700 BAMBINI NELLE CARCERI TURCHE

I bambini, le principali vittime della guerra, sono quelli che continuano ad essere arrestati e ad essere soggetti a tortura,

Ocalan chiede al PKK di prolungare cessate il fuoco

 

Dopo il nuovo incontro con emissari dello stato turco, il leader del PKK attraverso i suoi legali ha chiesto all’organizzazione kurda di estendere il cessate il fuoco per alcuni mesi. Ocalan aveva fissato il 15 giugno (tre giorni dopo le elezioni politiche) come data ultima per rivedere la sua posizione all’interno del processo delicato in atto in Turchia. Ocalan ha chiesto al parlamento e ai nuovi 36 deputati eletti con il Blocco Lavoro, Democrazia e Libertà di avviare al più presto la discussione sulla nuova costituzione e sulla soluzione della questione kurda

Kurdish leader Abdullah Ocalan extended the unilateral ceasefire which was declared by the PKK for an undisclosed time perod but said that the process should last within a few months.

Kurdish leader Abdullah Ocalan extended the unilateral ceasefire which was declared by the PKK for an undisclosed time perod but said that the process should last within a few months.
Ocalan had earlier stated that he will decide about the fate of the ceasefire on 15 June, three days after thr general elections in Turkey. Ocalan anounced his decision to extend the ceasefire in a meeting with his lawyers in Imrali Island High Security Prison where he is held for 11 years.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment