ESPLOSIONI A TRIPOLI – 23 MARZO

La CNN e Al Jazeera riportano che all’alba di stamani, nel giorno del terzo cessate-il-fuoco proclamato dalle truppe di Muammar Gheddafi, si sono udite alcuni esplosioni a Tripoli. Secondo la CNN non è chiaro al momento in quale zona della capitale si siano verificate le deflagrazioni. Nelle ultime notti le forze della coalizione occidentale hanno bombardato Tripoli con missili cruise. Ieri, martedì 22 marzo, il primo ministro libico al-Baghdadi Ali al-Mahmoudi aveva dichiarato il cessate-il-fuoco, il terzo dall’approvazione della Risoluzione 1973 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.


Related Articles

ERDOGAN MEETS DTP

  For the Prime Minister Erdogan, “it’s been a very, very important meeting. We’re in the middle of a process.

LIBERI I TRE OPERATORI DI EMERGENCY

Marco Garatti, Matteo Dell’Aira e Matteo Pagani, fino a questa mattina, domenica, detenuti presso una struttura dei servizi di sicurezza

Boris Pahor rifiuta il premio del sindaco di Trieste perchè non cita i crimini fascisti

Boris Pahor, scrittore triestino sloveno è un fiume in piena. A 97 anni racconta, racconta, senza mai stancarsi, senza mai perdere una volta il filo del ragionamento che ci tiene a fare, per ribadire che il fascismo è iniziato prima della salita al governo di Mussolini. Anche per questo quando lo scorso dicembre il sindaco di Trieste, Roberto Dipiazza (Pdl), gli voleva conferire la cittadinanza onoraria, Boris Pahor ha declinato l’invito. Ha ritirato invece quello che gli è stato conferito dall’associazione “Liberi e uguali”.

Cominciamo da qui. Perché ha rifiutato il riconoscimento del sindaco?

Quando ho saputo che volevano darmi un riconoscimento, ho saputo anche che il testo conteneva la mia sofferenza nei campi di concentramento tedeschi. Allora ho scritto al signor sindaco che lo ringraziavo per l’idea, solo che la mia vita non è stata segnata solo dal campo di concentramento tedesco. Prima ancora c’è stata la mia gioventù, segnata drammaticamente dal fascismo. Ho perduto un mucchio di anni perché la lingua slovena era proibita e io non ce l’ho fatta a fare il passaggio dalle elementari slovene alla quinta italiana. E non perché non fossi capace da un punto di vista intellettuale, ma perché non potevo diventare italiano per forza. Il regime voleva che tutta la popolazione risultasse italiana (gli sloveni, noi del Carso e del litorale sloveno, e quelli dell’Istria e della Croazia). Hanno cambiato nomi e cognomi alla gente in maniera che noi di fatto risultassimo spariti. Per farla breve, ho detto al sindaco: “io la avverto prima perché non voglio che lei mi dia il riconoscimento senza nominare il fascismo. Altrimenti lo rifiuterei”. Tutto là, insomma. Poi il sindaco, parlando di questo con i rappresentanti sloveni (qui ci sono due società che si interessano alla nostra cultura, una piuttosto di sinistra, l’altra piuttosto diciamo democratico-cattolica), ha deciso risposto che pretendevo di formulare io la motivazione. ‘A caval donato non si guarda in bocca’, ha detto. Al che non posso che rispondere che se mi avessero dato un cavallo l’avrei accettato, ma non posso accettare che si dica che sono stato in un campo di concentramento tedesco tralasciando la mia gioventù che mi è stata praticamente rovinata, non l’ho avuta io la gioventù.

 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment