TRIBUNALE SUPREMO ESCLUDE BILDU DALLE ELEZIONI

La coalizione elettorale Bildu, sostenuta da Eusko Alkartasuna e Alternatiba e da indipendenti è stata esclusa dalle elezioni amministrative del 22 maggio prossimo da un sentenza del Tribunale Supremo spagnolo. Come nel caso del partito Sortu, il massimo organo giudiziario spagnolo ha accolto  la richiesta d’impugnare le 250  liste elettorali di Bildu presentata  dalla Avvocatura dello Stato e dalla Procura Generale  su richiesta del Governo socialista di Zapatero e del Partito Popular . La motivazione è sempre la stessa: Bildu è una creazione di ETA. Una decisione che si basa su illazioni non suffragate da alcuna prova e dalla presenza nelle liste elettorali di candidati che erano stati presenti negli anni passati in altrettante liste elettorali della sinistra indipendentista. Nessuna di queste persone era imputata o aveva pendenze penali, era insomma, come si dice, con la “fedina penale pulita”. Una decisione provocatoria che ancora una volta ha diviso i giudici del Tribunale Supremo, 9 a favore e sei contro, con un inconsistente supporto probatorio che conferma l’irrisoria indipendenza della magistratura spagnola. Come aveva suggerito lo stesso ministro degli Interni Rubalcaba, la mente di questa operazione prettamente elettorale che guarda a togliere argomenti al Partido Popular,  la legalizzazione della sinistra indipendentista in tutte le sue forme organizzative ed elettorali è un strumento per condizionare la proposta politica di questa area sociale. E quindi di legalizzazione per adesso nulla da fare. Niente a che vedere con la lotta contro ETA, la quale tra l’altro mostra mese dopo mese di aver accettato un cammino di disattivazione della lotta armata. L’ultimo gesto è stato l’annuncio avvenuto attraverso una lettera inviata alla Confederazione degli impresari della Navarra e della Comunita Autonoma basca della sospensione dell’”imposta rivoluzionaria”,  le estorsioni con le  quali si autofinanziava l’organizzazione armata basca. E adesso? Tutte le forze politiche  presenti nel Paese basco, eccetto il PP e UPN, avevano manifestato la loro opposizione ad una illegalizzazione di Bildu. Cosi si era anche espresso l presidente della Comunita Autonoma basca Patxi Lopez. Carlos Garikoetxea, presidente della Comunita Autonoma basca dal 1980 al 1986 e poi fondatore con altro nel 1986 di Eusko Alkartasuna, aveva avanzato l’ipotesi che in caso di illegalizzazione si sarebbe riscorso alla giustizia europea per invalidare le elezioni. Il PNV che in vista delle elezioni radicalizza il suo discorso ha da parte su minacciato di non approvare la finanziaria del Governo Zapatero 2012, se non veniva legalizzato Bildu. Dichiarazioni roboanti per una politica quella dello Stato spagnolo prettamente inquisitoria, si usano termini come “contaminazione”, che ripropone in termini di legalità ed elettorali quanto fece il governo razzista sudafricano nei confronti del United Democratic Front, una coalizione di 600 organizzioni sociali e politiche, nel 1987, o il governo turco nei confronti dei candidati kurdi per le prossime elezioni legilsative. Nel caso basco a nulla servono gli statuti di Sortu che rifiutano la violenza “inclusa quella di ETA” o una dichiarazione individuale con la stessa motivazione come hanno fatto i candidati di Bildu. La Spagna, si la Spagna delle direzioni del PSOE-PP, quella della Guardia Civil e del monarca nominato da Franco, Juan Carlos de Borbon, non può “comprare” la dissidenza e quindi illegalizza. Non può normalizzare un movimento politico che chiede giustizia sociale  e autodeterminazione. E quindi lo esclude, lo criminalizza. Un politica miope di una classe politica che in generale è il prodotto di quel franchismo sociologico, il lascito di quarant’anni di dittatura che ha rappresentato la cultura profonda di una società che non ha ancora saputo fare i conti con la propria storia. E proprio per questo il Paese basco  mostra ancora una volta di non essere Spagna.


Related Articles

Londra: trattare con i talebani per uscire dal pantano afghano

Se la conferenza dell’Aia aveva cominciato a ipotizzare un dialogo con la parte più moderata dei taleban, quella di Londra

ROJAVA RESISTANCE: DAY 7-LIVE BLOG

18:14 Speaking about the agreement between the Autonomous Administraton of North and East Syria and the Syrian government for the

Kurds fear a return to the past

With the beginning of the peace process started by  the Kurdish leader Abdullah Öcalan, Kurds are moving back to the

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment