I DEPUTATI DEL BLOCCO KURDO E DI SINISTRA NON VANNO IN PARLAMENTO

I deputati del Blocco kurdo e della sinistra Lavoro, Democrazia e Libertà hanno deciso questa mattina (giovedì) che non andranno in parlamento per protestare contro la decisione della Commissione elettorale che ha privato Hatip Dicle (eletto a Diyarbakir e attualmente in carcere) del suo mandato.

La decisione è stata presa dopo che ieri il DTK (Congresso della Società Democratica), organizzazione che raccoglie tutte le formazioni che hanno aderito al Blocco, aveva esplicitamente chiesto ai deputati eletti (36 in tutto) di boicottare il parlamento.

Il DTK aveva articolato la sua proposta in 7 punti:

1- Invitiamo il governo dell’AKP e il principale partito di opposizione in particolare a prevenire questa ovvia provocazione e a revocare assolutamente la decisione presa, inoltre invitiamo la grande assemblea nazionale a prendere urgentemente nelle proprie mani la situazione e ad aprire la strada a un processo democratico.

2 – Per la revoca urgente della decisione e per l’apertura di una strada che assicuri la rappresentanza democratica del nostro popolo attraverso il signor Hatip Dicle, noi chiediamo al nostro popolo di organizzare manifestazioni civili e democratiche in ogni luogo con uno spirito di mobilitazione patriottica.

3 – Come struttura civile e politica più rappresentativa del Kurdistan, il nostro congresso fa appello a tutte le sue componenti, organizzazioni e istituzioni, organizzazioni della società civile, singoli individui e opinion leaders a mostrare il loro più trasparente atteggiamento contro questa decisione fascista e a promuovere le loro attività democratiche.

4 – Allo stesso tempo, facciamo appello a tutte le nostre componenti per adottare tutte le istituzioni previste dall’Autonomia Democratica che è il progetto di soluzione del nostro popolo approvato attraverso il risultato elettorale e per implementarlo in tutti gli aspetti inclusa la proclamazione del processo di costruzione.

5 – In accordo con la decisione del nostro più importante partito, il BDP, che “nessuno degli eletti entrerà in parlamento se ne mancasse anche solo uno”, raccomandiamo urgentemente alla gente di pubblicizzare e dichiarare chiaramente la loro libera scelta alla Turchia e all’opinione pubblica mondiale.

6 – Con la consapevolezza che questa decisione antidemocratica è un duro colpo alla fratellanza fra i popoli, invitiamo tutti gli intellettuali, i democratici, le forze progressiste e rivoluzionarie della Turchia, il blocco del Lavoro, della democrazia e della Libertà in particolare, a stare a fianco della resistenza del nostro popolo per la libertà e la democrazia.

7 – Invitiamo tutte le organizzazioni per i diritti umani e la democrazia nel mondo, l’Unione Europea, la Commissione Europea, le Nazioni Unite in particolare, a esprimere la loro forte condanna nei confronti del governo e dello stato turco che perseguono una politica di distruzione e di negazione nonostante da parte nostra si insista indefinitamente su mezzi pacifici e democratici per risolvere la questione kurda, e a chiedere la revoca della decisione.


Related Articles

MODELLO TURCO

Talkingpeace.Trentacinque corpi avvolti in coperte di lana, disposti uno accanto all’altro su un sentiero di montagna bianco di neve. Sono le ultime vittime della guerra della Turchia contro i kurdi. Una guerra dimenticata dall’occidente, troppo interessato a dipingere la Turchia come “modello”.

Mercoledì notte F-16 dell’aviazione turca e droni senza pilota (l’ultimo acquisto delle forze armate di Ankara) hanno bombardato i pressi di un villaggio chiamato Roboski (Ortasu in turco) al confine con l’Iraq. Raccontano i testimoni di aver sentito un odore acre di bruciato, di carne bruciata. Gli abitanti di Roboski sono accorsi subito sul luogo, nonostante la neve. Sicuri di quello che avrebbero trovato. Di fronte a loro i corpi mutilati di decine di giovani e uomini, animali sventrati. Racconta al telefono un giornalista kurdo dell’agenzia DIHA di aver sentito un urlo squarciare il silenzio tetro di quella visione: una mamma disperata in cerca dei suoi due figli. Morti entrambi in quel bombardamento. Quel giornalista è uno dei pochi scampati al carcere nell’ultima offensiva delle autorità turche che hanno, in 24 ore, arrestato 49 giornalisti kurdi e di sinistra. Scomodi testimoni della guerra sporca condotta contro i kurdi sia con le armi che con il carcere e la repressione. Scomodi testimoni anche di quest’ultimo massacro.

Le foto dei corpi avvolti nelle coperte delle vittime di Roboski stanno facendo – lentamente – il giro del mondo. E intanto si cominciano a conoscere le biografie di questi uomini che le forze armate turche hanno “scambiato per terroristi”.

LIBERATELI, SONO ATTIVISTI POLITICI PERSEGUITATI DA MADRID! – MARCO SANTOPADRE

Alle 14 la sala delle conferenze stampa del Comune di Roma è già piena. Giornalisti spagnoli e colleghi italiani, ma

Hatefest

Loyalist intimidation has reached shocking new levels after sectarian graffiti appeared in south Belfast that threatens to ‘crucify’ Catholics

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment