Deputato europeo arrestato da esercito israeliano

Il 4 novembre, il deputato europeo Paul Murphy del Gruppo confederale della Sinistra unitaria europea/Sinistra verde nordica è stato arrestato dall’esercito israeliano, insieme ad altri attivisti della Freedom Flotilla Waves.
Si trovava a bordo della nave irlandese MV Saoirse che, insieme alla nave canadese The Tahrir, navigava in direzione di Gaza per fornire aiuti umanitari alla popolazione palestinese nell’ambito delle operazioni di soccorso umanitario della Freedom Flottilla.
La marina israeliana ha utilizzato un potente cannone ad acqua contro il ponte della MV Saoirse.
I manifestanti sono stati presi in custodia della polizia israeliana, le autorità di immigrazione li accusano di aver tentato di entrare in Israele “illegalmente”.
In realtà, la nave è stata assaltata nelle acque internazionali durante il tragitto verso Gaza.
Il Movimento No TAV esprime la solidarietà a Paul Murphy, ricordando la sua vicinanza alla nostra ultraventennale lotta che ha espresso con la sua attività al Parlamento Europeo e con numerose visite in Valle Susa. Egli ha recentemente firmato una lettera contro la militarizzazione crescente del “non cantiere” de La Maddalena di Chiomonte indirizzata ai Presidenti del Parlamento Europeo, del Consiglio Europeo e della Commissione Europea. Il Movimento No TAV chiede l’immediata liberazione di Paul Murphy e di tutti gli attivisti che erano a bordo delle due navi.


Related Articles

OCALAN: AUTONOMIA DEMOCRATICA, RICONOSCIMENTO POLITICO

Nel suo incontro settimanale con gli avvocati, il leader del PKK, Abdullah Öcalan, ha affermato che la dichiarazione sulla “Autonomia

Amburgo 3-4-5 febbraio: modernità capitalista e la questione kurda,

Sfidare la modernità capitalista, concetti alternativi e la questione kurda. E’ il titolo della tre giorni organizzata da networkaq.net (che raccoglie una serie di associazioni kurde) all’università di Amburgo il 3, 4 e 5 febbraio.
Tre giorni di discussione e scambio teorico e pratico su quanto si sta muovendo a livello internazionale in materia di nuovi modelli di sviluppo e di governance. Una conferenza voluta dai kurdi che nonostante la guerra e la repressione in Turchia continuano a elaborare modelli alternativi di “convivenza” tra nazioni.
A discutere sono stati chiamati tra gli altri Immanuel Wallerstein, Toni Negri, Norman Paech ma anche i baschi della Sinistra Indipendentista impegnati in un processo finora unilaterale per la soluzione del conflitto basco-spagnolo attraverso il dialogo. Ci sarà anche una lecture dell’economista indiano Achin Vanaik mentre il giornalista kurdo Ferda Cetin analizzerà il ruolo dell’islam politico.

EL AGUJIERO NERO DE LA MEMORIA – Giovanni Giacopuzzi

          La memoria historica es un nudo gordiano que afecta a la politica espanola y vasca.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment