Lettera da un carcere turco

In una dichiarazione fatta uscire dal carcere di Istanbul dove è detenuto da due settimane, lo scrittore ed editore Ragip Zarakolu (arrestato nell’ambito della cosidetta operazione KCK- Unione delle Comunità del Kurdistan) scrive: “La mia detenzione e accusa di essere membro di una organizzazione illegale è un’intimidazione nei confronti di tutti gli intellettuali e democratici di Turchia e una parte della campagna in atto per isolare i kurdi”. Zarakolu ha chiesto a tutti di reagire contro questa ondata di arresti che è diventata una campagna di linciaggio sociale. Zarakolu, arrestato con altre 43 persone accusate di far parte del KCK (il braccio urbano del PKK, come lo definiscono i magistrati), compresa la Prof. Bursra Ersanli, ha sottolineato che i documenti ritrovati nella sua casa e definiti dalla polizia “prove di reato”, sono documenti che si trovano nelle case di un qualsiasi editore o scrittore. Tra le cose sequestrate, il libro di Ender Onder intitolato `Habiba´, il libro di Dogan Özgüden `Giornalisti senza stato´, il libro di Yüksel Genç´ intitolato `Processo di pace´, una bozza editata del libro `Il Genocidio armeno nei documenti tedeschi´e la bozza del libro `Un lavoro sulla storia orale armena´.

  • Zarakolu ha sottolineato che il governo deve avere risposte da dare nei confronti del suo arresto (eseguito prima della sua partecipazione a una serie di conferenze a Berlino e all´Università Americana Colgate ed altre a Los Angeles e Michigan) come degli altri arresti. Zarakolu ha anche sottolineato che le sue carte bancarie sono state bloccate e poste sotto sequestro, Zarakolu ha voluto richiamare l´attenzione anche sull´incertezza che circonda la data del processo. “Non mi è stata fatta alcuna domanda circa l´organizzazione illegale della quale sono accusato di essere membro.Mi sono solo state chieste informazioni circa i lavori che scrivo o edito, sui discorsi che ho fatto e sulle riunioni pubbliche a cui ho partecipato” ha detto Zarakolu.
    Qui sotto un comunicato di International Freedom of Expression Exchange:


Related Articles

20 NOVEMBRE ELEZIONI ANTICIPATE IN SPAGNA

L’annuncio delle elezioni anticipate, la scadenza naturale era nel marzo 2012, è stata data oggi dal presidente, ormai uscente, Zapatero.

Irish America and the Peace Process

Part of Sinn Féin’s success in the USA has been our ability to draw support from both Democrats and Republicans. We have very deliberately stayed out of domestic US politics and elections

SUPPORT DERRY’S MARCH FOR JUSTICE

GR receives and is pleased to publish Civil Rights Campaigner Vincent Coyle’s appeal for support for this year’s Bloody Sunday march. The March for Justice will be on January 31st 2016. Assemble 2.30pm, Creggan Shops, Derry

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment