Non ho brindato con champagne però….non aspettatevi che piangiamo – Floren Aoiz

Gara. Hanno condannato Garzon. Non lo hanno messo in carcere, non l’hanno tirato giù dal letto alle prime luci dell’alba, ne lo hanno torturato…..Lo hanno inabilitato per 11 anni, però Garzon è la “vittima” con caratteri al neon, il simbolo della memoria delle vittime del franchismo. Che sfacciataggine!

Fino a quando non ebbe l’acqua al collo  non si era ricordato dei crimini franchisti, però decise di realizzare una accenno testimoniale,  per certo male elaborato come è suo costume,  che questa volta non era di aggrado a chi ha la padella dalla parte del manico. Garzon  si ingarbugliò nelle sue stesse ragnatele, nell’ intreccio di corruzioni, favori dovuti e richiesti, ansie di grandezza, fogne di stato, ambizioni frustrate, vendette, vanità e miserie. Tra pugnalatori e pugnalate.

Adesso lo hanno condannato per il grave errore di applicare la legge senza legge a quelli del Partido Popular. Questo, Garzon lo doveva sapere, non si può fare. La legge senza legge è stata pensata per i “terroristi”, quelli che lo stato considera suoi nemici. Contro di loro (noi, s’intende) tutto è giustificato, da una istruttoria di merda fino a perquisizioni senza autorizzazioni, accuse senza prove, registrazioni senza autorizzazioni, controllo delle comunicazioni con gli avvocati, manipolazione di documenti,testimonianze strappate con il tormento….Su questo terreno tutto era facile, però, attenzione, questo non si applica ai “democratici”. Garzon doveva saperlo, perché era uno che ha vissuto in questo mondo sporco.

Farsi passare per il furbo di turno non è intelligente. Volere volare troppo vicino al sole – che vecchia storia – mette in pericolo le ali e qualcos’altro. Nemmeno una lunga carriera costellata del sacrificio di qualsiasi  scrupolo sull’altare della ragione di stato serve per purgare il peccato di eccesso di vanità. Con certe cose non si gioca.

Con la prima sentenza del Supremo si è scatenata la ondata di solidarietà con Garzon. Vedremo che succede con gli altri processi pendenti, però anche se è vero che alcuni brinderanno con champagne, recuperando una espressione utilizzata in una lettera pubblica dalla figlia del condannato, ci sarà chi, al meno, vedrà con soddisfazione il fatto che Garzon ormai non potrà più perseguire nessuno per le sue idee, ordinare abili interrogatori, rovinare vite o chiudere giornali.

Convertire Garzon nel Cristo crocifisso tra gli accusati della trama Gürtel e i “terroristi” vendicativi non passa. Quelli della Gürtel e Garzon, Garzon e quelli della Gürtel, tutti sono andati a braccetto in difesa della legge senza legge contro Euskal Herria. Chi ha le mani più pulite? O forse meno sporche? Non si tratta di scegliere: ne gli uni ne gli altri.

Presentando Garzon come un simbolo delle libertà, i valori democratici e, non diciamo altro, la sinistra dimostra solo il disorientamento dei “progressisti” spagnoli. Progressisti che in un’epoca come questa di tagli bestiali, misure antisociali, crisi della monarchia e del modello di stato, invece di disegnare e costruire un progetto alternativo, convoca l’ennesima adunata attorno a Garzon. E poi non capiscono perché la sinistra basca è indipendentista.

Fonte: http://gara.net/paperezkoa/20120211/321371/es/No-he-brindado-champan-pero-no-esperaran-que-lloremos


Related Articles

Academics worldwide in solidarity with Boğaziçi University students for academic freedom

A global solidarity campaign has been launched with the students of Turkey’s Boğaziçi University who have been protesting for a month against the appointment of an AKP supporter as rector.

Féile An Phobail Abú

Wasn’t Féile an Phobail 2019 great? 11 days, covering over 300 events, which attracted tens of thousands people. Amazing

SPIRIT E TOMAHAWK, IN LIBIA SI PREPARANO LE NUOVE GUERRE

 

ARMI. In fumo centinaia di milioni, mentre Usa e Israele si attrezzano ad affrontare l’Iran

DI MANLIO DINUCCI

(tratto da nena news)

Il bombardamento aeronavale della Libia ha già mandato in pezzi la risoluzione del Consiglio di sicurezza: la no-fly zone «per proteggere i civili» è già stata imposta, ma i cacciabombardieri continuano ad attaccare. Tra questi i Tornado Ecr italiani che, appena vedono un radar o altro obiettivo «minaccioso», gli lanciano i missili Agm-88 Harm (fabbricati dalla statunitense Raytheon e pagati dai contribuenti italiani oltre 300mila dollari l’uno). Esplodendo, la testata investe l’area circostante con 13mila frammenti di tungsteno taglienti come rasoi. Non essendoci più un confronto militare globale, spiega l’Aeronautica, il Tornado viene usato oggi nelle «operazioni di risposta alle crisi». Non dice però che, a Ghedi Torre (Bs), vi sono Tornado italiani armati di bombe nucleari Usa B-61.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment