Autonomous Administration assessed latest developments

Autonomous Administration assessed latest developments

The Autonomous Administration of North and East Syria Executive Council co-presidents Abdulhamid El Mihbaş and Bêrîvan Xalid held a press conference on the Turkish state’s invasion attacks and recent developments in the region.

The press statement read by co-president Abdulhamid El Mihbaş reads as follows:

The attacks and massacres of the invading Turkish state and fascist mercenaries against the people of North and East Syria continue. The people of Rojava and North and East Syria, who have paid the greatest price in the fight against ISIS, are today under the attack of the invading Turkish state with ISIS and al-Nusra remnant fascist mercenaries with the approval and encouragement of the US and Russia, and they continue to pay heavy price.

The occupation forces are bombing and burning down villages, cities and living areas. Human rights are trampled on and war crimes committed on daily basis. Politician Havrin Khalaf, Qamishlo Armenian Church priest Hovsep Bedoyan and his father were murdered, hundreds of women and children were massacred and internationall banned weapons were used.

As the US and Russia made their attitude clear and remain silent, UN Secretary General António Guerres has also given legitimacy to the massacre of civilians and changing of the demography in Rojava and North and East Syria. This attitude only encourages Erdoğan, the fascist of the century.

The invading Turkish state’s acts in Afrin are known to all. The Kurdish people were displaced in hundreds of thousands and ISIS and al-Nusra mercenaries called Syrian National Army were settled in their place. Hundreds of women and children were abducted in Afrin where measureless looting and theft was committed. However, the United Nations and international forces continue to remain silent on the massacres against the Kurdish people and the demographic change in Afrin.

The goal of the century’s fascist Erdoğan and the invading Turkish state is to settle their mercenaries, who are made up of ISIS and al-Nusra remnants trained under the Turkish state’s roof, in the lands of Rojava-North and East Syria, primarily in Serekaniye (Ras al-Ain) and Gire Spi (Tal Abyad).

The whole world is a witness to the fact that it is the very self of the Turkish state that has trained, organised and supplied the ISIS. Abu Bakr al-Baghdadi was killed in the Turkish-controlled Idlib territory, 5 km to the Turkish border. ISIS Spokesman al-Muhajir was killed in Jarablus, which Erdoğan calls “the safest area in Syria”, while his sister was arrested in Azaz and his wife turned out to have been arrested by Turkey one and a half years ago. All available information shows that Erdoğan and the Turkish state are the partners of ISIS and al-Nusra, and threaten Europe and the world with ISIS mercenaries and refugees. Erdoğan grants himself the right to show his invasion plan map in the US before the eyes of the whole world, and to voice his decision to invade Rojava-North and East Syria and massacre the peoples living in the region. This is a great shame for the Syrian state, values of humanity and democracy and not a single person has responded to the desires and threats of fascist Erdoğan.

Separately, Turkey has pursued a quite deliberate policy and strategy on refugees. Opening its gates to refugees knowingly, the Turkish state has regularly settled them in the country. With this immoral and unprincipled method, he uses refugees as a means of threat and blackmail to humanity and Europe. Our call to the world and humanity is  to raise their voice and adopt a stance against the invasion and attacks targeting Rojava-North and East Syria, the demographic change and atrocities committed in the region.

It is clear that the invading Turkish state gets strength from the Erdoğan-Trump meeting. Erdoğan can easily tell Washington his plan to “settle one million refugees in Raqqa and Deir ez-Zor”. Erdoğan regards North and East Syria as his own lands and Syria as an Ottoman province. While Trump is supposed to tell Erdoğan that he has no right to invade the lands of another country, to change the demography, to displace and massacre Arab, Kurdish, Armenian and Christian peoples, he says that the ceasefire with the Kurds is holding very well. Before anything else, this has nothing to do with the truth. Nobody is happy about the massacre invasion. Hundreds of thousands have been forcibly displaced and people massacred with the Turkish state’s tanks, artilleries and fighter jets. The ceasefire decision will not be appreciated unless the occupation forces leave the lands of Kurds, Arabs and Christians they have invaded.

More than 10,000 ISIS mercenaries are arrested in detention centers across North and East Syria. The Kurdish, Arab and Christian people have sacrificed over 10,000 martyrs in their fight against ISIS that was also supported by the international coalition forces. Nobody other than the peoples of Rojava and North-East Syria should give themselves the right to make a plan over ISIS prisoners. Everyone should know that the true ISIS danger will emerge after today unless the Turkish state’s invasion attacks and massacres against our people are brought to an end.

To make sure that ISIS doesn’t constitute a renewed threat against humanity and is not revived by the Turkish state’s invasion attacks, we call upon the US, Russia, the International Coalition, European Union, Arab League, United Nations and Syria to respond to the Turkish invasion attacks and drive the occupation forces from our lands as soon as possible.

We have a call to the Syrian state. We hope that the Syrian state and Assad develop a solution-oriented attitude. As the peoples of North and East Syria, we never had an intention to split the Syrian lands. Claims and discourses that we seek to split the country do not reflect the truth. On the contrary, it is indeed us who counter such attempts. We have defended the Syrian lands and unity against invading ISIS/Al-Nusra gangs for 8 years. This victory is an honor for all the peoples in Syria. Nobody should have a plan on Syrian lands as we don’t, and Syria should remain as it was 8 years ago. The rightest thing is to accept and embrace each other, and to develop a language of solution. We are ready to do our part in order for all the peoples in North and East Syria to be granted their identities and rights.”



Related Articles

GIULIO GIORELLO. L’ALTRO OCCIDENTE. UN MOSAICO DI VISIONI PARZIALI CONTRO IL PREGIDUZIO.

TALKINGPEACE ha intervistato il filosofo e epistemologo Giulio Giorello

Nonostante i dibattiti, le affermazioni di principio su pluralismo e democrazia, l’Occidente mantiene una sorta di egocentrismo culturale, una definizione di superiorità rispetto alle altre culture…

Quando sento parlare di Occidente, non so che cosa si voglia dire. Cosa intendiamo? Le famose “radici” greche come dicono alcuni? O le “radici” cristiano-giudaiche, ma quanta ipocrisia in quel trattino, e poi quale Cristianesimo? Ha marcato di più la Controriforma cattolica a sud, o a nord l’Europa protestante? E dove finisce l’Europa a est? E fin dove si espande a ovest? Quasi tutti sono d’accordo nel dire, con Fernand Braudel, che il grande prolungamento a ovest è il continente americano. Ma poi, proseguendo ancora verso Occidente, attraverso l’Oceano Pacifico, arriviamo al Giappone. La terra è rotonda. I nomi valgono per quel che valgono, sono definizioni di comodo, ma non darei loro un valore di essenza. Quando si parla di “radici”, perché non pensare, poniamo, anche alle radici vichinghe, dato che anche i vichinghi hanno avuto la loro storia? E se guardiamo alle tre grandi religioni monoteistiche, l’Islam non è stato talora il nostro “Occidente” (ricordando, per altro, che Maghreb significa appunto occidente)? Pensiamo al grande esperimento di El Andalus, un progetto di coesistenza che certo non era tolleranza in senso stretto, ma ha comunque visto fiorire insieme in modo pacifico tre civiltà: quella islamica, quella cristiana e quella ebraica. Basta andare a Cordoba per ritrovare tracce di questo progetto che poi la Spagna – dalla Riconquista dei re cattolici a Franco – ha fatto di tutto per cancellare. Occupandomi di scienza, vorrei citare una frase del grande fisico Freeman Dyson: “ Non esiste un visione scientifica unica come non esiste un visione poetica unica. La scienza è un mosaico di visioni parziali e conflittuali. In tutte queste visioni c’è però un elemento comune: la ribellione contro le restrizioni imposte dalla cultura localmente dominante Occidentale o Orientale che sia. La visione della scienza non è specificatamente occidentale. Non più occidentale quanto possa essere araba o indiana o giapponese o cinese.” Una cosa simile ha detto Amartya Sen a proposito della democrazia.

El Estado español realiza cálculos, pero sus prejuicios interfieren en el resultado

Gara, editorial A pesar de ser un país habituado a jornadas de máxima tensión política, la noche del jueves al

I fratelli minori – il nuovo libro di Enrico Palandri

E’ uscito in questi giorni per Bompiani “I fratelli minori”, il nuovo romanzo di Enrico Palandri. Veneziano, Palandri ha lasciato l’Italia nel 1980 e dopo il successo di Boccalone (romanzo di una generazione, quella del ’77 ma anche di quella successiva e un po’ precursore come sostiene qualcuno del concetto di moltitudine negriana). Nei suoi libri come nella sua biografia personale si incrociano ricerca e un lavoro intenso sul sé, sulle relazioni fra persone, sull’andare e venire, sullo stare abbastanza bene ovunque ma mai benissimo in alcun posto. I fratelli minori è un po’ la conclusione di questo percorso di ricerca. Una fine dove trionfano le persone, e soprattutto le persone implicate le une nelle altre. La storia è su due livelli temporali, gli anni ’70 e gli anni 2000. I due fratelli Martha e Julian (un po’ inglesi e un po’ italiani) figli di un famoso cantante d’opera veneziano, scelgono l’una di cambiare identità per evitare il peso del padre (anche Martha vuole cantare opera) e l’altro – il fratello minore – cercherà tutta la vita di ‘evitare’ gli altri. Il ’77 e l’Italia degli anni di piombo entrano nel personaggio di Giovanni (fidanzato di Martha). Ma è il ragionare sull’identità, sull’esilio, sugli altri il cuore del libro. Perché sono le questioni con cui si dibatte Palandri da anni. “Ho iniziato questo libro – dice lo scrittore – diversi anni fa. Mi sono accorto che avevo scritto più o meno con la stessa voce, rivolgendomi a un nucleo di temi abbastanza simili tra di loro fin da un altro mio libro, “Le pietre e il sale. Voglio che il romanzo sia autonomo, – aggiunge – però per me è un po’ la conclusione di un percorso cominciato per me quando sono andato in Inghilterra nel 1980”.

Andare in un luogo diverso ha permesso anche di continuare a ragionare su quanto accaduto nel tuo passato, negli anni ’70.

Sì. I miei sono libri che hanno a che fare con lo spatrio, il fallimento degli anni ’70, il superamento di questo fallimento. Ma non come il superamento proposto in Italia, cioè sostanzialmente con la figura del pentimento e del ravvedimento. Io non mi sono né pentito né ravveduto, io mi sono continuato. Credo che il pentimento sia una brutta figura perché tende a nascondere il percorso che hai fatto, tenta di rinascere non sulla storia ma su un altro piano. E di questo non mi fido. Non che l’altro piano non esista, la metafisica è sempre qualcosa che accompagna ed è parallela. Ma non credo che si possa uscire dalla storia per andare nella metafisica. Per questo il pentimento come pura morale che si oppone a ciò che hanno prodotto le circostanze, le classi sociali, i conflitti, non mi interessa. Purtroppo questa è stata la figura con cui si sono chiusi gli anni ’70. Io penso che noi siamo stati sostanzialmente la prima generazione che usciva da Yalta, non solo in Italia, in Inghilterra e siamo stati bloccati dal compromesso storico, cioè dai custodi di Yalta, il partito comunista e la Democrazia cristiana che erano i custodi dell’accordo siglato nel secondo dopoguerra. Sia da destra che da sinistra hanno visto nei movimenti qualcosa di inaccettabile perché andava da un’altra parte, anche se era la stessa cosa che accadeva in Inghilterra, in Francia, in America. Ma qui è stato tutto legato alla storia del terrorismo che invece era un fatto minore, legato molto alla storia del comunismo e non dei movimenti, in cui si poteva passare dai movimenti ma per disperazione, per sfiducia nella società, nella possibilità di cambiare, di essere nella società. Nel terrorismo c’era proprio quell’atto disperato che ho cercato, nel libro, di rendere nel personaggio di Giovanni. Non voglio dire nulla in generale sul terrorismo, ma ho cercato di avvicinarmi alle motivazioni del fallimento personale, di esposizione alla differenza sociale che è un tema che ricorre un po’ in tutto in libro. Mi è interessato molto analizzare come i personaggi che ho costruito sentono la propria condizione sociale e quella degli altri e come questi cambiamenti di status hanno un effetto profondo nella vita sentimentale, quando pensano di innamorarsi, nei revanscismi, in quello che si trascinano. C’è come una storia sociale privata che è una specie di biografia del singolo.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment