EU says “hate speech” by high-level Turkish officials against LGBTI “unacceptable”

EU says “hate speech” by high-level Turkish officials against LGBTI “unacceptable”

Lead Spokesperson for Foreign Affairs and Security Policy Peter Stano expressed concern over Boğaziçi university and said that “hate speech displayed by high-level officials against LGBTI students and the closing of a LGBTI association is unacceptable.”

Lead Spokesperson for Foreign Affairs and Security Policy Peter Stano issued a statement on the detentions of students and developments around Boğaziçi university.

Stano said the “European Union is seriously concerned over the negative developments in Turkey in the areas of the rule of law, human rights and the judiciary,” and added that “the COVID-19 pandemic cannot be used as a means to silence critical voices. Hate speech displayed by high-level officials against LGBTI students during these events and the closing of a LGBTI association is unacceptable.

Stanno continued: “The detention of more than a hundred students exercising their legitimate right to freedom of assembly as well as the Istanbul governor’s decision to ban all kinds of meetings, demonstrations and marches in two districts covering the hinterland of the Boğaziçi university is a deeply worrying development, and goes against the authorities’ stated commitment to reforms towards EU values and standards.”

Stano called “on Turkey to respect its national and international obligations and to release those arbitrarily detained for exercising their right to peaceful assembly over the last weeks. The excessive use of force by the police against people using their right to freedom of opinion is contradictory to Turkey’s obligations as a candidate country and long-standing member of the Council of Europe.”


Tags assigned to this article:
Hate speechLGBTIprotestsSliderTurkey

Related Articles

Autonomous Administration: Our priority is defending our people

Entrevista con el responsable relaciones internacionales de la Administración Autónoma, Mohammed Hassan Poco antes de acabar la entrevista con Mohammed

ARNALDO OTEGI: ALLEANZA STRATEGICA INDIPENDENTISTA E PROGRESSISTA

RES PÚBLICA ha ottenuto una intervista in esclusiva con Arnaldo Otegi. In carcere dal 13 ottobre del 2009 accusato assieme ad altri  otto esponenti della sinistra indipendentista di contribuire alla elaborazione del documento di discussione nella sinistra indipendentista che è stato approvato alcune settimane fa. In esso si sancisce le vie esclusivamente politiche e democratiche per la costruzione, senza alcun tipo di violenza ed ingerenze, di un processo democratico. Un altro punto qualificante del documento è la creazione di un polo progressista e di sinistra indipendentista.

D: Il Tribunale di Strasburgo ha sancito l’illegalizzazione di Batasuna approvando, di fatto la Ley de los Partidos. A cosa attribuisce questa decisione? E’ la giustizia della Unione Europea cosi politicizzata come lo nello Stato spagnolo?

R: In primo luogo dobbiamo segnalare che se anche è vero che ci ha deluso profondamente questa decisione, è una decisione che ci aspettavamo. Ci ha deluso, in primo luogo, perché giuridicamente è una sentenza povera, poco argomentata e che ha sorpreso molti esperti in diritto per la sua scarsa costruzione giuridica, un fatto non abituale nella Corte di Strasburgo. Questo dato e che non fosse stata accettata per essere discussa nella Grande Camera (composta da 17 giudici ndt), nonostante fosse stata la stessa sezione del tribunale che decise di accogliere la denuncia a proporre  il trasferimento della causa alla Grande Camera vista la sua importanza (fatto questo a cui si oppose il regno di Spagna), ci porta a dire che ci sono state grandi pressioni da parte dello Stato spagnolo che hanno potuto influire in questa decisione. Noi sappiamo che per lo Stato spagnolo il conflitto politico basco è la principale questione di stato incluso a livello internazionale. Inoltre lo Stato spagnolo non è uno Stato che si caratterizzi per il suo rispetto verso istituzioni internazionali ed i principi d’indipendenza dei poteri giudiziari etc. Il profilo delle persone che abitualmente vengono nominate come giudici della Corte di Strasburgo lo testimonia; l’attuale giudice prima di essere nominato aveva collaborato con il PSOE o la Fondazione per la Libertà. Ed il suo predecessore era stato in precedenza rappresentante dello Stato nella Corte. Certamente non va a nominare giudici di riconosciuto prestigio ed imparzialità per esercitare una carica come è il caso di altri stati con un’ ampio trascorso democratico. Inoltre il fatto che non si senta vincolato dalle decisioni della

Bambini palestinesi svegliati nella notte per essere fotografati – Harriet Sherwood

         The Guardian». (traduzione Megachip), All’inizio di questa settimana sono andata a Nabi Saleh, un villaggio della

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment