LA STORIA NON SI RIPETE, PERÒ RIMA

Gara. Nicolas Sarkozy ha messo in atto la deportazione di centinaia di persone di etnia romaní e cittadinanza romena o bulgara. Prima li ha stigmatizzati pubblicamente, accusandoli in un discorso presidenziale televisivo di esser implicati nel “traffico, illegale, lo sfruttamento infantile, la prostituzione e il crimine”. Poi li arrestò e infine li deporta con una mancia di 300 euro in tasca. Lo Stato francese si aggiunge così ai paesi come Italia o Danimarca, che aveno preso simili misure, che annuncia a breve anche la Finlandia, le deportazioni di questi cittadini europei significano l’instaurazione di fatto di cittadini di prima e di seconda classe nella unione Europea. Quelli che godono di libertà fondamentali e diritti basilari, come la liberta di circolazione o i diritto di installarsi in qualsiasi parte del territorio della UE, e quelli a cui queste libertà e diritti on vengono riconosciuti.

Oltre alla rottura dei principi fondanti della UE, questa deriva conferma il fallimento della politica comune di integrazione della minoranza etnica più numerosa, con più di 15 milioni di persone. Da una deriva populista e il calcolo domestico, nel caso francese disputare il voto alla estrema destra di Le Pen, si amplifica il problema delle minoranze e la loro mancanza di incastro nel progetto europeo. Se c’è mai stato quello che certe istanze internazionali chiamano “problema romaní”, senza dubbio la via delle deportazioni di massa non contribuisce alla soluzione del problema. Al contrario.

Lo scrittore nordamericano Mark Twain disse che la storia non si ripete, però rima. Sicuramente, queste deportazioni proiettano sul presente l’ombra di un passato che portò milioni di persone nei campi della morte industriale. Allora il primo passo verso la totale disumanizzazione fu lo stereotipo. Iniziarono classificando i romaní come elementi antisociali. Adesso i politici approfittano di questo stereotipo per i loro calcoli e fini politic. Non è la stessa cosa, però rima.

Fonte: http://www.gara.net/paperezkoa/20100820/216516/es/La-historia-no-repite-pero-rima


Related Articles

Sakine, Fidan and Leyla: The search for justice continues

Eight years ago today the bodies of three revolutionary Kurdish women were found at a community centre in a Paris

LA CORTE SUPREMA DICE NO ALLA LEGALIZZAZIONE DI SORTU

La Corte Suprema spagnola ha negato status legale al nuovo partito della Izquierda Abertzale, Sortu. La Corte ha comunicato che

“LA RIVOLUZIONE TUNISINA INIZIO’ NELLE REGIONI E CONTINUA OGGI MOLTO ATTIVA”- Fahem Boukadous

Gara. Alma Allende. Tunisi. Fahem Boukadous è un giornalista che si trovava in prigione quando il popolo tunisino obbligò il

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment