LA SINISTRA INDIPENDENTISTA SUI FATTI DI DAMMARIE-LES-LYS

Dinnanzi ai gravi fatti avvenuti ieri nella località francese di Dammarie-Les-Lys risultati nella morte di un agente della polizia francese, la Sinistra indipendentista vuole manifestare quanto segue:

– la Sinistra Indipendentista esprime il suo rammarico e dispiacere per la morte verificatasi nelle vicinanze di Parigi.

– Il fatto accaduto ieri  segue il ritrovamento del corpo del militante basco Jon Anza tra evidenti sospetti che inducono a definirlo come un caso di guerra sporca.

– Ambedue i fatti si inquadrano in una realtà del conflitto politico, che è priorità della Sinistra Indipendentista superare. La Sinistra Indipendentista fa appello all’insieme della classe politica ad agire con responsabilità nella ricerca di una azione politica comune indirizzata alla risoluzione di un conflitto che non deve protrarsi ancor più nel tempo.

– La versione diffusa sui fatti sembra indicare che si sia trattato di uno scontro fortuito tra membri di ETA e la polizia francese. Nonostante si tratti di un caso fortuito e non di un’azione premeditata di ETA, non bisogna togliere gravità a quanto accaduto.

– Adesso più che mai dobbiamo consolidare il Processo Democratico messo in moto dopo il dibattito, processo basato sulla attivazione popolare e l’accumulazione di forze che deve essere portato avanti esclusivamente attraverso mezzi politici e democratici in assenza di ogni tipo di violenza. La sinistra Indipendentista, qui e adesso, ribadisce il suo impegno con la scommessa politica contemplata nella risoluzione Zutik Euskal Herria!.

– Dinnanzi all’incertezza ed alla frustrazione che fatti come questo generano nella società di Euskal Herria, la Sinistra Indipendentista considera che:

– L’organizzazione armata basca Euskadi Ta Askatausuna dovrebbe riaffermare la sua posizione favorevole allo sviluppo di un Processo Democratico espressa nel suo comunicato pubblicato in gennaio.

– Tutti le parti in causa, specialmente Euskadi Ta Askatasuna e gli Stati spagnolo e francese devono assumere impegni chiari e concreti rispetto a questo processo.

Sinistra Indipendentista

17 marzo 2010


Related Articles

ABERRI EGUNA: FOTOGRAFIA DI UN PAESE

Dal 1932, il giorno di Pasqua, viene celebrato in Euskal Herria, il giorno della patria. Como avviene ormai da anni

Öcalan: New mechanism needed to advance progress

BDP (Peace and Democracy Party) parliamentary group deputy chair ?dris Baluken spoke to Sterk Tv about Monday’s meeting with Kurdish leader Abdullah Öcalan in ?mral? prison. Baluken was accompanied by Pervin Buldan while co-chair Selahattin Demirta? was prevented from going to the island.

Baluken said Öcalan said that he continued to work intensively on the project he has put forward for the achievement of a solution to the Kurdish question.

“Mr. Öcalan states that he is working for one year now and the result of his efforts have enabled the allayment of public concerns as well as a remarkable progress towards a solution. He expresses that the government’s opportunist and unilateral approach towards the process has however created critical problems to the creation of a favourable environment and the start of a negotiation process”, Baluken said.

Baluken said Öcalan put emphasis on the fact that it was indispensable for the government to launch a deeper negotiation process and to take some urgent steps in order for the continuation of the process.

Baluken remarked that the Kurdish leader thought his deep work for peace should get legal recognition and the state should also perform some work on a legal basis.

ATTENTATI IN NORVEGIA

Sette morti per una bomba esplosa, alle 15.27, nel cuore di Oslo che ha investito anche gli uffici del primo

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment