1 MAGGIO A TAKSIM ANCHE PER LA PACE (VIDEO)

Trentadue anni e finialmente i lavoratori della Turchia sono tornati a celebrare il 1 maggio nella piazza Taksim, a Istanbul. Oltre duecentomila persone si sono riversate nella piazza per eccellenza della vecchia Costantinopoli. Una grande festa di popolo, dove la parole d’ordine e gli slogan sono stati strettamente ‘operai’ (no alla disoccupazione, lavoro per tutti) ma anche direttamente collegati al mondo operaio. Grande infatti la richiesta di pace. Al governo dell’AKP i lavoratori kurdi e turchi, armeni, laz, circassi, hanno chiesto pace.  Il governo islamico dell’AKP l’anno scorso aveva ripristinato la festa nazionale chiamata dal padre della patria, Mustafa Kemal Ataturk, festa di primavera. Ma ancora l’anno scorso la piazza Taksim è stata vietata ai lavoratori. Quest’anno invece, dopo estenuanti trattative condotte dai sindacati, la celebre Taksim è ritornata in mano ai sindacati e alla gente. “Inadatta a concentrazioni di massa”, così era stata dichiarata Taksim fino a quest’anno. Nel 1977 in occasione del 1 maggio, migliaia di lavoratori vennero attaccati vigliaccamente da uomini armati. I morti furono almeno trentaquattro. Gli assalitori non furono mai presi, ma la piazza venne vietata ai lavoratori.
Le celebrazioni del 1 maggio in Turchia sono associate, purtroppo, con le immagini della violenza della polizia. In genere si comincia una settimana prima con arresti preventivi: centinaia di persone vengono poste in stato di ferme, dopo raid mirati, a associazioni, gruppi politici, sindacati. La giornata del 1 maggio negli ultimi anni si è conclusa con oltre mille arresti e con pesanti cariche della polizia.
Aver ottenuto la riapertura di Taksim per i sindacati e per i lavoratori è una grande vittoria. Anche considerato il prezzo pagato, in termini di repressione. Per Suleyman Celebi, presidente della confederazione Disk (il sindacato rivoluzionario) ci sono soprattutto “due ragioni che hanno portato all’apertura di Taksim. Da una parte la lotta dinamica del sindacato, sia a livello nazionale che internazionale. L’altro fattore – aggiunge – è legato alla congiuntura interna del paese, visto che la decisione di aprire Taksim rientra nelle iniziative di democratizzazione e riforma messe in atto dal governo dell’AKP che già guarda alle prossime elezioni generali”. Per Sami Evren, presidente del sindacato del pubblico impiego, Kesk, lotte come quella recentissima dei lavoratori della Tekel, “hanno giocato un ruolo importante anche nella decisione di restituire Taksim ai lavoratori”. Anche per Evren il governo guidato da Recep Tayyip Erdogan ha gli occhi fissi sulle prossime elezioni. Perché non si può nascondere che la crisi economica, la conseguente disoccupazione crescente e le lotte, hanno contribuito a una minor popolarità dell’AKP. La lotta della Tekel è stata per molti versi più che un campanello d’allarme e non solo per il governo. Il paese si è come risvegliato davanti alle immagini quotidiane dei lavoratori della ex fabbrica statale di alcool e tabacco che per due mesi hanno lottato per contrastare i cambiamenti (in peggio, ovviamente) previsti nelle loro condizioni di lavoro.
Sul legame tra 1 maggio e elezioni punta anche Mustafa Özta?k?n, presidente di Petrol-??. “In questi otto anni di governo – dice – l’AKP ha cercato di creare questa immagine di partito e governo impegnato a lavorare per la democratizzazione del paese. Ma la maschera – aggiunge – cadeva ogni 1 maggio”.

vedi una clip qui


Related Articles

Comienza el curso político tras unas vacaciones que no lo han sido para el acoso y los recortes – Gara

        Gara.El comienzo del nuevo curso político llega marcado por un verano en el que la atención

Gli affari della famiglia bin Laden nel Regno Unito

Riproponiamo un articolo sugli interessi della famiglia bin Laden nella city. Il testo è stato pubblicato nel 2003.

Intervenendo ad un dibattito organizzato dal comitato inglese contro la guerra, Mehmet, un profugo afghano, ha ricordato che “nell’assurdità violenta e drammatica di questa guerra condotta da Usa e Gran Bretagna contro il mio paese, c’è una cosa che rende ancora più tragico quello che sta succedendo: bin Laden è un prodotto del vostro mondo, di quel mondo occidentale e civilizzato che oggi spara missili contro la popolazione inerme e ridotta alla fame dell’Afghanistan”.
Ha ragione Mehmet, si è detto e scritto ormai tante volte. Ma la memoria dei “potenti”, come si sa, è corta. Cortissima quella di Tony Blair, alleato di ferro del presidente americano George W. Bush, che promette di “distruggere il terrorismo in maniera permanente e totale” e che lancia la sua “fatwa” civile e occidentale contro bin Laden e il regime dei Taleban che lo proteggono, “un governo retrogrado, che non rispetta i diritti umani e che tratta le donne senza alcun rispetto e in maniera violenta e repressiva”. Anche con i soldi inglesi.

EL 15M ROMPE OTRO TOPICO Y LLENA MADRID EN VERANO.

Periodismohumano. Juan Luis Sanchez. El movimiento 15m ha pulverizado este domingo otro tópico del manual político tradicional: no hagas manifestaciones en verano, y menos en Madrid, que se queda vacía en julio y agosto. Que por algo Alejandro Amenabar rodó la escena de Abre los ojos de la Gran Vía vacía un domingo de verano.

Y, sin embargo…

Decenas de miles de personas, probablemente más que en la primera manifestación del 15 de mayo, han marchado desde Atocha hasta Sol, ocupando varias calles, improvisando recorridos y confluyendo finalmente en la plaza de sus amores, que les recibía con una pancarta en cada bocacalle: “Bienvenida, dignidad”.

Madrid recibía este fin de semana a miles de personas que se habían sumado a alguna de las “marchas indignadas” que han recorrido cientos de kilómetros en las últimas semanas por toda España y que forman parte de los planes de verano del 15M en su empeño por no perder la tensión durante los meses de verano. La apuesta era arriesgada: una caminata bajo el sol coordinada desde diferentes ciudades y con final necesariamente masivo en la Puerta del Sol. Objetivo cumplido.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment