1 MAGGIO A TAKSIM ANCHE PER LA PACE (VIDEO)

Loading

Trentadue anni e finialmente i lavoratori della Turchia sono tornati a celebrare il 1 maggio nella piazza Taksim, a Istanbul. Oltre duecentomila persone si sono riversate nella piazza per eccellenza della vecchia Costantinopoli. Una grande festa di popolo, dove la parole d’ordine e gli slogan sono stati strettamente ‘operai’ (no alla disoccupazione, lavoro per tutti) ma anche direttamente collegati al mondo operaio. Grande infatti la richiesta di pace. Al governo dell’AKP i lavoratori kurdi e turchi, armeni, laz, circassi, hanno chiesto pace.  Il governo islamico dell’AKP l’anno scorso aveva ripristinato la festa nazionale chiamata dal padre della patria, Mustafa Kemal Ataturk, festa di primavera. Ma ancora l’anno scorso la piazza Taksim è stata vietata ai lavoratori. Quest’anno invece, dopo estenuanti trattative condotte dai sindacati, la celebre Taksim è ritornata in mano ai sindacati e alla gente. “Inadatta a concentrazioni di massa”, così era stata dichiarata Taksim fino a quest’anno. Nel 1977 in occasione del 1 maggio, migliaia di lavoratori vennero attaccati vigliaccamente da uomini armati. I morti furono almeno trentaquattro. Gli assalitori non furono mai presi, ma la piazza venne vietata ai lavoratori.
Le celebrazioni del 1 maggio in Turchia sono associate, purtroppo, con le immagini della violenza della polizia. In genere si comincia una settimana prima con arresti preventivi: centinaia di persone vengono poste in stato di ferme, dopo raid mirati, a associazioni, gruppi politici, sindacati. La giornata del 1 maggio negli ultimi anni si è conclusa con oltre mille arresti e con pesanti cariche della polizia.
Aver ottenuto la riapertura di Taksim per i sindacati e per i lavoratori è una grande vittoria. Anche considerato il prezzo pagato, in termini di repressione. Per Suleyman Celebi, presidente della confederazione Disk (il sindacato rivoluzionario) ci sono soprattutto “due ragioni che hanno portato all’apertura di Taksim. Da una parte la lotta dinamica del sindacato, sia a livello nazionale che internazionale. L’altro fattore – aggiunge – è legato alla congiuntura interna del paese, visto che la decisione di aprire Taksim rientra nelle iniziative di democratizzazione e riforma messe in atto dal governo dell’AKP che già guarda alle prossime elezioni generali”. Per Sami Evren, presidente del sindacato del pubblico impiego, Kesk, lotte come quella recentissima dei lavoratori della Tekel, “hanno giocato un ruolo importante anche nella decisione di restituire Taksim ai lavoratori”. Anche per Evren il governo guidato da Recep Tayyip Erdogan ha gli occhi fissi sulle prossime elezioni. Perché non si può nascondere che la crisi economica, la conseguente disoccupazione crescente e le lotte, hanno contribuito a una minor popolarità dell’AKP. La lotta della Tekel è stata per molti versi più che un campanello d’allarme e non solo per il governo. Il paese si è come risvegliato davanti alle immagini quotidiane dei lavoratori della ex fabbrica statale di alcool e tabacco che per due mesi hanno lottato per contrastare i cambiamenti (in peggio, ovviamente) previsti nelle loro condizioni di lavoro.
Sul legame tra 1 maggio e elezioni punta anche Mustafa Özta?k?n, presidente di Petrol-??. “In questi otto anni di governo – dice – l’AKP ha cercato di creare questa immagine di partito e governo impegnato a lavorare per la democratizzazione del paese. Ma la maschera – aggiunge – cadeva ogni 1 maggio”.

vedi una clip qui


Related Articles

EUSKAL HERRIA; UNO SCIOPERO COME CHIAVE DI LETTURA (VIDEO)

Loading

Lo sciopero di ieri Hego Euskal Herria, le province basche del sud, ha diverse letture. La prima che sono le

Modernità capitalista e la questione kurda: intervento di Toni Negri

Loading

In search of the Commonwealth

Antonio Negri

1. Empire and Multitude raised many problems and questions: it was pointless to define these again in Commonwealth, and of no use to try to solve them. Rather, it was better to begin anew and, on the basis of the concepts we had developed, dwell on the question of what the political is today. What is subversive politics? What partage of the social does it involve? How can capital be fought today? By moving on from the debates around those books, we are convinced we can confront the unsolved problems with renewed strength. But after ten years of work on Empire and Multitude, when sat down to write Commonwealth, our convictions had strengthened and our perceptions matured: contemporaneity had been re-defined, and the time when the prefix post- could define the present was over. We had certainly experienced a transition, but what were the symptoms of its end?

In particular, our impression was that the concept of democracy was being re-evaluated. During the War on Terror, this concept had been worn out by the frenzied propaganda of the neo-conservatives, and political science had witnessed the emergence of issues that could no longer be comprehended with the concept of democracy. To simplify, we refer to what Rosavallon tries to grasp and qualify in his latest book (La contre-démocratie. La politique à l’âge de la défiance), when he states: ‘the republic and the comportments of modern populations have left something profound behind that cannot be found again, something obscure that can no longer be explained’. In this way Rosavallon tries to define sentiments of mistrust and impotence, those figures of de-politicisation that arise out of contemporary democracy. And almost against his own wishes, he adds that ‘political democracy’ has become the name for the consolidation of a ‘mixed regime’ that includes counter-democracy, a ‘democracy of exception’.

IPOCRISIA NUCLEARE

Loading

Jonathan Tirone. Bloomberg/ICH. Investigatori della Nazioni Unite che vennero incaricati di redigere un rapporto sulle capacità nucleari di Israele non

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment