SORTU, ILLEGALE SI, NO, FORSE….

Loading

La “fermezza” ostentata contro l’evidenza dei fatti dal Governo Zapatero incomincia ha mostrare segni….della confusione. El Pais oggi titola che nelle informative della polizia e Guardia Civil emerge “la continuità di Sortu con Batasuna”. Queste  informative  sono state trasmesse dal Ministero degli Interni assieme agli statuti del nuovo partito della sinistra indipendentista alla Procura Generale e all’Avvocatura che trasmetteranno la domanda al Tribunale Supremo che dovrà decidere sulla legalità o meno di Sortu. D’altro canto il muscoloso ministro degli Interni spagnolo Rubalcaba, nel parlamento spagnolo, si dice convinto che “l’attuale tregua di ETA è quella definitiva”. Insomma il Governo Zapatero cerca di stare con un piede in due staffe, cosciente del passo epocale della sinistra indipendentista ma altrettanto cosciente della pressione del PP su l’unica materia di stato dove c’è sintonia con il partito di Mariano Rajoy.  Questa insistenza sulla continuità con Batasuna è l’arma che il Governo ha deciso di utilizzare visto che per la Legge sui Partiti del 2002 e le successive modifiche del gennaio 2011, un partito politico o lista elettorale potrebbe essere illegalizzata se si prova la sua continuità con una precedente formazione illegalizzata.

Di questo avviso è il deputato del PP, Bermudez Castro uno dei “padri” della legge sui partiti per il quale – come riporta oggi il quotidiano Deia – gli “statuti di Sortu – dove si afferma che la vera pace arriverà con il negoziato – sono il “trasfondo” della strategia “condivisa” con la banda (ETAndr). Per questo il dirigente del PP ha voluto ricordare che l’obiettivo che non deve essere perso di vista è “la sconfitta dell ETA” e questa passa – continuò- per una condanna da parte della sinistra indipendentista della organizzazione armata, esiga la sua dissoluzione e la consegna delle armi,chieda perdono alle vittime e si sottoponga, inoltre, a un periodo di “lunga verifica”, che va ben oltre le elezioni di maggio, poiché, in queste circostanze e dopo i precedenti, la democrazia deve avere con loro una “esigenza superiore”.


Related Articles

Agresión de Rusia a Ucrania: reacciones oficiales en América Latina

Loading

Los Estados de América Latina han condenado oficialmente el accionar de Rusia, realizado en abierta violación a varios principios básicos del derecho internacional público

Urgent call for an international response to Turkish military invasion of South Kurdistan

Loading

Earlier this morning, between 3 AM and 6 AM local time, the Turkish Armed Forces initiated a large-scale cross-border military offensive in the region of Garê in South Kurdistan (Northern Iraq). Turkish airstrikes targeted the villages of Guzê, Meyrokê, Siyanê, Çemşerîtkê, Yekmalê and Kanîsarkê, and soldiers were dropped into the region with Cobra and Sikorsky helicopters. Kurdistan Workers’ Party (PKK) fighters have been fighting since dawn to repel the invading forces, and heavy clashes are ongoing.

GUERRA AI NO TAV. MA LA VALLE RESISTE – video

Loading

Hanno sfondato. Lancio di lacrimogeni ovunque. E’ il messaggio di questa mattina alle 8. La guerra. Il governo ha scelto

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment