ETA DISPOSTA A VERIFICA INFORMALE DELLA TREGUA

Euskadi Ta Askatasuna (ETA) ha dichiarato in un comunicato di essere pronta “ad accettare un meccanismo di verifica informale” del cessate il fuoco permanente e verificabile pronunciato il 10 gennaio scorso. Questa disponibilità da parte di ETA arriva nonostante l’atteggiamento di chiusura dei governi di Madrid e Parigi che, dice l’organizzazione basca “non vogliono che la comunità internazionale verifichi il cessate il fuoco permanente e generale di ETA. Non lo vogliono perchè verrebbe confermato che è tale, permanente e generale e che di conseguenza l’unica violenza che esiste oggi in Euskal Herria è quella degli stati”.

Il governo spagnolo ha dichiarato di voler vedere la dichiarazione di cessazione definitiva della lotta armata da parte di ETA. Il ministro della giustizia Francisco Caamaño ha sottolineato che è importante che il cessate il fuoco si consolidi.

Qui l’articolo di GARA sul comunicato di ETA


Related Articles

LA SINISTRA INDIPENDENTISTA SUI FATTI DI DAMMARIE-LES-LYS

Dinnanzi ai gravi fatti avvenuti ieri nella località francese di Dammarie-Les-Lys risultati nella morte di un agente della polizia francese,

SINISTRA INDIPENDENTISTA: PRIMI APPOGGI INTERNAZIONALI

L’avvocato sudafricano e mediatore in diversi conflitti politici internazionali, Bryan Currin, ha definito importantissima l’assunzione “unilaterale ed incondizionata” dei principi

NUS in solidarity with Bogazici University

NUS National President Larissa Kennedy said the student body, which represents some 600 affiliated further and higher education institutions across the country, has a proud track record of international solidarity.

”NUS UK has from its outset been an internationally engaged national union that seeks to organise for social justice in solidarity with other students across the world,” she said.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment