L’IMPERIALISMO COPRE GHEDDAFI Jorge Altamira

Aporrea. Mentre i titoli dei giornali mettono l’accento sulla sorte alterna delle operazioni militari di uno o dell’altro campo nello scontro tra il Governo libico e le unità della popolazione sollevata nell’est del paese, l’esito della crisi rivoluzionaria in Libia si gioca sul piano politico internazionale. Per iniziare, contro la propaganda che situa l’imperialismo nel campo oppositore a Gheddafi, il Financial Times (4/3) non ha dubbi nell’ indicare che “i milioni del petrolio ancora fluiscono verso Gheddafi”. Più precisamente, “I pagamenti per l’esportazione del petrolio crudo trovano la loro strada di ritorno al banco centrale di Libia e, potenzialmente, al controllo diretto del colonnello Gheddafi, come indicano funzionari occidentali di alto rango e commercianti contattati dal FT.”. le entrate per l’esportazione di un milione di barili di greggio giornalieri tra l’ultima settimana di febbraio e i primi giorni di marzo, totalizzarono 770 milioni di dollari. Essendo l’arma fondamentale della guerra il denaro, il contributo internazionale che riceve Gheddafi è decisivo per la sua performance militare. Significativamente, le “aggressive” posizioni adottate dalle Nazioni Unite e dalla NATO contro “leader maximo” della Libia non includono l’embargo petrolifero.

Nemmeno sono stati sequestrati ne congelati gli investimenti del Fondo Sovrano della Libia nelle maggiori multinazionali. Il nazionalista Gheddafi non ha destinato le riserve de moneta della Libia a pagare il debito estero – come si fa in Argentina -, bensì a integrare i capitali di Glaxo, Shell, Vodafone, British Petroleum, Exxon, Chevron, Pfizer, Halliburton, etc. (Urgente24.com). in questa lista non sono inclusi gli investimenti delle multinazionali in Libia, inclusi quelli della Cina. “nel 1977, Libia accorse in soccorso della FIAT e comprò il 15% delle sue azioni. La partecipazione del capitale libico in Fiat è del 2%: FIAT integra adesso il capitale di Chrysler, assieme al Tesoro degli Stati Uniti. Gheddafi possiede anche parte del capitale della Juventus. Con il primo ministro Berlusconi è alleato, attraverso Fininvest, in importanti mezzi di comunicazione. Gheddafi non ha smesso di ricevere i dividendi di questi investimenti sui suoi conti  in Europa dall’inizio della rivoluzione. E’ chiaro che l’imperialismo è lontano dal proposito di strangolare economicamente Gheddafi. Un intervento su questa ampia gamma di investimenti altererebbe il funzionamento delle borse internazionali”, e “corre il rischio che alcuni paesi arabi potrebbero ritirare il loro fondi….” (Urgente). La maggioranza di questi paesi gestiscono i loro eccedenti finanziari attraverso i Fondi Sovrani. “Più recentemente – riporta Le Monde (3/3)-, il Fondo Sovrano della Libia si è lanciato alla gestione finanziaria chiamata alternativa, mediante la creazione di un proprio fondo speculativo a Londra, FM Capital Partners, dotato di 3.000 milioni di sterline (4.500 milioni di dollari). In totale, secondo fonti ufficiali, questo portafoglio ha riportato, tra il 2006 e 2009, 2.400 milioni di dollari (e continua)”. Il chavista del nord Africa conta su un’enorme finanziamento mondiale per portare avanti la sua guerra contro le popolazioni ribelli.

Le promesse di blocchi militari non hanno avuto miglior destino. Dopo innumerevoli avvertimenti, della creazione di una zona di esclusione aerea per l’aviazione di Gheddafi  non si è fatto nulla. “Nulla di questo sembra  essere passato  – scrive il corrispondente di La Nacion (6/3)- incluso tra quelli che criticano la Casa Bianca per non appoggiare apertamente i ribelli”. Hanno le loro “ragioni”: “Mi piacerebbe poter consegnare armi alle forze di opposizione in Libia, però non so chi sono, a cosa  mirano, ammise il senatore repubblicano Lindsey Gram” (La Nacion). Gheddafi è, quindi, il “male minore”. L’imperialismo non ha messo il pollice verso contro Gheddafi; per farlo, attende che questi abbia piegato l’opposizione e che spinga la stessa  a porsi sotto la tutela dell’imperialismo. Obama, certamente, “intensifica le operazioni militari in Liba” (WSWS.org), che cita al New York Times, per denunciare la presenza sul mare antistante le coste della Libia della Unità di Spedizione della Marina, che dispone di una forza completa di aria terra e mare capace di proiettare la sua forza in modo immediato attraverso centinaia di chilometri, a partire dal mediterraneo o di una testa di ponte sulla spiaggia. Questo spiegamento, però, solo significa (e nient’altro) che l’imperialismo pretende arbitrare a proprio vantaggio un impasse sul terreno di guerra, ovvero dettare i termini della soluzione politica. Come spiega meglio l’editorialista del New York Times (La Nacion, 8/3): “Senza sparare un solo colpo, una operazione relativamente passiva che impieghi un aereo che ostruisca i segnali nello spazio aereo internazionale, potrebbe intralciare la comunicazione del governo libico con le sue unità militari”. Se questo non viene fatto è perché la libertà di azione dell’aviazione di Gheddafi funziona come una estorsione, da parte di Obama, al blocco di forze rivoluzionarie che si sono sollevate contro il dittatore pro imperialista. Era questo l’incarico che aveva una forza di commados britannici che sbarcò nel est del paese e fu arrestata dai comitati rivoluzionari.

Il fatto è che nel campo oppositore c’è una forte crisi politica,  che ha come questione di fondo la formazione  “di un governo di transizione” diretto dall’ex ministro della giustizia di Gheddafi, Mustafá Abdel-Jalil (Stratfor, 8/3). Abdel-Jalil è l’uomo dell’ imperialismo, che ha proposto una amnistia per Gheddafi e per la celebrazione di elezioni in 90 giorni. La formazione del governo cerca di porre fine alla attività autonoma dei comitati, precisamente per superare la diffidenza che provocano nell’imperialismo, ”l’anarchia” che regnerebbe nel campo rivoluzionario. Una maggioranza di questo governo è composta da funzionari dell’alta gerarchia che ha abbandonato Gheddafi. Le compagnie petrolifere hanno cessato virtualmente la produzione nei giacimenti dell’est. Secondo alcune fonti, questo governo pretenderebbe organizzare una marcia di conquista verso ovest, cosa che implica una copertura militare straniera, almeno con una formula che neutralizzi l’aviazione di Gheddafi, per questo ha chiesto una dichiarazione internazionale che vieti lo spazio aereo. Però, dal suo inizio, il 17 febbraio,  l’avanzamento della rivoluzione non si à avuto in questo modo, bensì attraverso sollevazioni rivoluzionarie in successive città.  E’ questa la strada da seguire, però per fare questo bisogna porre fine a questo governo che è stato formato alle spalle dei comitati. Un governo realmente rivoluzionario svilupperebbe una ampia agitazione nazionale per produrre nuove sollevazioni popolari.

Fonte : http://po.org.ar/articulo/po1167066/imperialismo-encubre-gaddafi


Related Articles

PROTESTE CATALANE

Oggi manifestazione a Barcelona alla quale hanno aderito tutte le forze politiche catalane escluso il Partido Popular, per protestare contro

Otro «accidente» antidemocrático de Turquía – GARA

      El BDP kurdo calificó el ataque aéreo del Ejército turco, que provocó la muerte de 35 civiles,

PAESE BASCO 2012: GLI OSTACOLI AL NUOVO SCENARIO

Che la situazione politica nel Paese basco sia cambiata profondamente in questi due ultimi anni è chiaro a molti ma

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment