Önder could be a candidate at next elections

Speaking at the opening of the BDP (Peace and Democracy Party) office in Istanbul’s Sancaktepe district, BDP Istanbul deputy S?rr? Süreyya Önder said that struggle of Kurds will continue with the HDP (People’s Democratic Party).
Önder congratulated the HDK for having unified over 40 organizations and underlined that the candidates of the party will be nominated together with the people, on contrary to other parties whose candidates – he said – are determined following a top-down decision process.

Remarking that the ruling government and the main opposition party nominated candidates who have no relations and connections with the cities they run in, Önder stressed that they on the other hand regarded mayors as persons managing the coordination in cities. “It is the people that must take place in the management”, he underlined and added that this truth has also been revealed by the Gezi resistance in the country.

BDP deputy noted that the candidates of the HDP will be nominated at the party congress which will take place in capital Ankara on 27 October.

Önder said he himself might also stand as a candidate in the coming elections, adding that some parties have already asked the BDP not to get ahead of them in the elections. “These people think we stand candidate as individuals. We run with our history and will. This is why it is not important who will be nominated in our party”, he added.


Related Articles

IL FILM DI JOSU MARTINEZ IN ITALIA – DATE

La storia di un popolo è formata da mille situazioni e storie personali che facilmente vengono dimenticate. Josu Martinez, regista di ‘Itsasoaren alaba’ (‘La figlia del mare’) pensa che raccogliere storie sia fondamentale, come restituirle agli spettatori.

La figlia del mare racconta la storia della ricostruzione di una memoria, personale ma nel contempo collettiva. La figlia del mare è Haize Goikoetxea che mette a disposizione questo suo viaggio nella memoria. Haize è figlia di Mikel Goikoetxea, ‘Txapela’, e aveva solo due anni quando il Gal ha ammazzato suo padre, militante di Eta. “Haize, – dice Josu Martinez, nato a Bilbao nel 1986 – mi ha chiesto un giorno di aiutarla a incontrare le persone che avevano conosciuto suo padre. In quel momento – continua Josu – non c’era affatto l’idea di un film. Si trattava della richiesta di aiuto di un’amica. Anzi, quando ho cominciato a pensare a filmare quegli incontri, mi sono sentito molto imbarazzato a chiederle di portare la telecamera”. Vinto l’imbarazzo il giovane regista fa la richiesta, che viene accolta con piacere da Haize.
Il risultato di questa collaborazione è un film che è un piccolo gioiello. Che si potrà vedere in Italia fra qualche giorno.

Qui sotto il calendario delle proiezioni e in allegato il manifesto delle giornate di Bergamo.
Clicca QUI per vedere il trailer del film

 

IL CASO GARZON: OMERTA’ STORICA E POLITICA

Il caso del giudice Baltazar Garzon sta scuotendo il  dibattito politico in Spagna. Il procedimento aperto nei suoi confronti dal

Se l’onda ci travolge. Nuovo cinema tedesco – Myriam Mereu

E’ possibile che nella Germania dei nostri giorni nasca una nuova autocrazia?Autocrazia deriva dal greco autos, “singolo”, e cratos, “potere,

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment