ARRESTI KURDI IN ITALIA E FRANCIA

Undici arresti in Italia, quindici in Francia, un centinaio tra indagati e fermati. E’ il bilancio dell’operazione ‘dogum’ (matrimonio) guidata dalla Digos di Venezia che ha coinvolto tutta Italia. Gli arrestati sono dieci kurdi e un italiano. L’accusa è di associazione con finalità di terrorismo (270 bis del codice penale). In Francia la stessa inchiesta ha portato a undici arresti e decine di perquisizioni, a Marsiglia e in altre città.

La decisione di procedere con arresti e perquisizioni è stata accelerata dal fatto che in Toscana, secondo gli inquirenti veneziani, era in corso un campo di addestramento del PKK, il partito dei lavoratori del Kurdistan. Nell’agriturismo colpito dal blitz della polizia sono stati trovati una settantina di giovani kurdi, tra “reclute e reclutatori”, come ha sottolineato il dirigente della Digos veneziana, Diego Parente, provenienti da varie città italiane e europee.

L’inchiesta, hanno detto gli inquirenti, è cominciata nel settembre del 2008 e si è sviluppata seguendo quello che è stato definito “l’anello di collegamento tra Francia e Italia”, un cittadino con passaporto turco con residenza a Venezia e ricercato anche in Francia. Il procuratore capo Vittorio Borraccetti ha sottolineato che “l’indagine riguarda la frangia armata del PKK” e che “la struttura si occupava solo della formazione ideologica per l’indottrinamento. Escludiamo che ci sia stata attività militare in Italia, come è stato fatto probabilmente all’estero”. Il procuratore ha aggiunto che “la prima fase, quella svolta in Italia, si occupava dell’addestramento ideologico dei militanti che in una seconda fase, in altri paesi europei, sarebbero stati formati anche militarmente prima di andare in Turchia”.

Il capo della Digos, Parente, ha spiegato che il “reclutamento dei giovani avveniva al limite del sequestro di persona”, spesso contro la volontà dei genitori dei ragazzi. “Di tre donne – ha aggiunto Parente – abbiamo le prove che sono state reclutate. Una è ora detenuta in Francia, una seconda è stata ritrovata nel campo di addestramento in Toscana”.

Il responsabile della direzione centrale della polizia di prevenzione, Fabio Berrilli, ha spiegato che “questa è la prima indagine del genere in Italia nei confronti di una struttura ramificata in Italia e all’estero facente campo alla frangia armata del PKK”. Berrilli ha aggiunto che “le persone reclutate erano tutti ragazzi giovanissimi. In un campo di addestramento abbiamo trovato un ragazzo di soli 16 anni. Alcuni di loro avevamo problemi famigliari e dalle intercettazioni abbiamo riscontrato che era impedito loro di avere contatti con l’esterno. Ciò indica la difficoltà dell’organizzazione a contattare e a reclutare soggetti già integrati nel tessuto sociale. Il reclutamento avveniva verso persone deboli”.

L’avvocato Arturo Salerni, che difende alcuni degli arrestati, sottolinea la “sproporzione tra i pochissimi elementi che sembrano in mano agli inquirenti e l’operazione con un centinaio di perquisizioni. Non sono state trovate armi – dice – in Toscana c’erano esuli kurdi in un agriturismo, non in un luogo clandestino che discutevano”.

Il PKK è nella lista delle organizzazioni terroristiche europee. E la Turchia non è considerata un paese in guerra (con le stesse accuse degli 11 arrestati ieri, un anno fa sono stati assolti sei cittadini marocchini: reclutavano e addestravano militanti da mandare in Iraq, riconosciuto paese in guerra). Il PKK sta osservando un cessate il fuoco unilaterale dal marzo 2009. Una scelta presa per favorire condizioni in cui possa maturare un dialogo con Ankara per arrivare a una soluzione negoziata del conflitto cominciato nel 1984.


Related Articles

GABI MUESCA: nord e sud Euskal Herria, una lotta comune

Intervista di Fermin Munarriz

Gara Fu militante clandestino del nord (militò in Iparreterrak (IK), organizzazione armata del Paese basco nord,  nata nel 1972). Venne arrestato ed incarcerato, scappò e venne nuovamente arrestato. Passò 17 anni nelle carceri francesi dove ancora ci sono 150 donne e uomini baschi. Per tre anni rimase in totale isolamento. Si dibatteva come un leone in gabbia ed arrivò a fare flessioni alle tre del mattino per combattere il freddo nella cella. Sentì odio però non si lasciò vincere. Ne piegare. Uscì e continuò a lavorare per la dignità di tutte le persone incarcerate. Oggi lavora in Emaus. E per il suo paese. Mantiene la sua coscienza “abertzale” intatta, Trasmette energia e determinazione. Sa che vincerà.

Il suo libro autobiografico si titola “la nuque raide” (La nuca eretta) perché un direttore di un carcere disse che lei non ha mai piegato la testa. Che cosa fa un prigioniero per non piegarsi?

E’difficile dirlo… Il carcere è disegnato per spezzare il prigioniero, però con alcuni non riescono. Nella mia casa ho appreso fin da piccolo che cos’è la dignità e, entrato in carcere, come militante sapevo perché ero là e che l’obiettivo della prigione era romperti. Per questo fui subito cosciente che anche là dovevo continuare ad essere io padrone della mia vita e non i carcerieri. Questa è la ragione per la quale ho resistito 17 anni senza piegarmi.

Come nacque la sua coscienza di sinistra e “abertzale”?

Da bambino appresi l’euskara a casa, però lo persi poco a poco nella scuola francese. A 15 anni i miei genitori mi dissero che dovevo recuperarlo e partecipai a dei corsi. Scoprì che l’euskara era qualcosa di incantevole. Ed in quel momento in Iparralde era abbastanza trascurato e molta gente lo disprezzava. La presa d’atto di quella situazione fu, forse, l’origine della mia coscienza nazionale.

D’altro canto, ha 17 anni entrai a lavorare in una fabbrica. Lì vidi che non ero rispettato come lavoratore e rapidamente nacque in me la coscienza di classe. Per questo, fin da giovane ho avuto una coscienza “abertzale” e di sinistra.

Perché decise di aderire e militare in Iparreterrak?

Con quanto ho spiegato prima il cammino era facile. IK esisteva e si presentava come una organizzazione che lottava per la liberazione nazionale e sociale. Per tanto, per me, entrarvi a far parte era un percorso naturale. Analizzavo le azioni di IK e pensavo che i suoi militanti avevano ragione. A Parigi non ascoltano ciò che i baschi di Iparrralde diciamo in modo legale per le strade, nelle manifestazioni…Non ascoltano niente: per tanto, è necessario rafforzare la nostra voce mediante piccole azioni affinché a Parigi ci ascoltino. Però una cosa è pensarlo ed un’altra è chiedersi “cosa faccio io”. E cos’ì entrai in IK, come giovane abertzale cosciente che desiderava contribuire con il proprio sforzo alla lotta.

Suppongo che questa è una decisione difficile: la lotta armata può significare il carcere, la morte….Lei ha conosciuto i lati più amari: diversi suoi compagni sono morti – Diddier Lafitte, incluso, al suo fianco (Diddier Lafitte venne ucciso l’1 marzo 1984 a Bayona da un poliziotto francese in una operazione nella quale venne arrestato Gabi Muesca )– e ha anche trascorso 17 anni in carcere..

Passa poco tempo è si è coscienti della gravità di una decisione come questa. Questo lo sappiamo e come “abertzales” siamo coscienti che il nostro obiettivo è vincere. Un giorno vinceremo però sappiamo che la lotta è lunga e che prima di allora si può incontrare la morte o il carcere. Tenendo in considerazione che diversi miei compagni sono morti e sono stati feriti gravemente, io poteri considerarmi fortunato di vere conosciuto solo la prigione: e dico fortuna perché, come persona e militante, ho appreso molte cose in carcere.

IK dimostrò che il conflitto basco non era una cosa solo di Hego Euskal Herria (nello stato spagnolo)?

Dimostrammo che una parte del popolo basco esiste nel nord, che Euskal Herria non sono solo le comunità del sud, ma anche del nord, che non esiste Euskal Herria senza Iparralde.

Perdura in Ipar Euskal Herria il patrimonio politico di IK?

E’difficile dire che grazie a noi è avvenuta la tal cosa..Ciò che esiste oggi è il lavoro di tutti. Non mi piace dare più importanza ai militanti di IK che, per esempio, ai professori di SEASKA (movimento per l’alfabetizzazione in euskara in Iparralde)..Tutti gli abertzale hanno la stessa importanza; e sappiamo che unendo tutte queste forze possiamo vincere.

Come euskaldunes (basco, colui che parla euskara) e come abertzales abbiamo conseguito insegnare al mondo che siamo baschi e che vogliamo essere solo baschi. Prima di IK molta gente diceva che quelli di Iparralde erano baschi però francesi. Non possiamo lasciare il nostro futuro in mano dei politici di Parigi o Madrid perché sappiamo che vogliono che il nostro popolo scompaia.

Come vede le relazioni tra gli abertzales del nord e del sud?

Stanno sempre più migliorando perché in questi ultimi venti anni si sono creati legami non solo nell’ambito politico, ma anche in quello culturale, in quello commerciale…che fanno si che ci conosciamo meglio. Per molto tempo, per la gente di qui, quelli dell’altro lato erano spagnoli, però poco a poco abbiamo dimostrato che siamo uguali: baschi. Per secoli siamo stati separati, però c’è qualcosa che ci unisce al di là di tutto: la nostra lingua e la nostra cultura. E’ caduto un tabù perché ci siamo conosciuti mutuamente. E penso che la nostra lotta deve rafforzare questi vincoli a tutti i livelli: tra i bambini, tra gli sportivi, tra i lavoratori….

Si dice che il razzismo è la paura a ciò che non si conosce. E vediamo, ad una altro livello, che ci è passato lo stesso: tra la gente di Iparralde ed Hegolade è esistita una “muga” (frontiera, confine) che ci ha impedito conoscerci per secoli. Credo che questa muga stia cadendo anche grazie al lavoro degli abertzales. Sono contento nel vedere che giovani di qua vanno nell’altro lato a studiare nell’Università o a lavorare…Così si costruisce Euskal Herria del futuro.

Rosemary Nelson: 12 anni in attesa della verità

Il 15 marzo 1999 poco dopo le 8 del mattino, come tutte le mattine, l’avvocata Rosemary Nelson è uscita di

LA PENA DI MORTE NEGLI USA IN FREDDE CIFRE – Yolanda Monge

        El Pais. Le cifre – sono ottimiste – dicono che le esecuzioni negli Stati Uniti sono

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment