ARRESTI PRESUNTI MILITANTI ETA

Loading

In un’operazione congiunta della polizia francese e della Guardia Civil spagnola, sono stati arrestati, ieri, in Normandia (sud ella Francia), tre presunti militanti di ETA.  Ibon Gogeaskoetxea, Gregorio Jiménez Morales,, Beñat Aguinagalde,  erano tra i più ricercarti dalle forze di sicurezza spagnole. La stampa spagnola da ampio risalto agli arresti sottolenando, come per altri arresti di questa natura, il ruolo, considerato moto importante,  che occuperebbero nella struttura organizzativa del movimento armato basco.


Related Articles

IRAQ: CONTINUA IL MASSACRO. 102 MORTI

Loading

Lunedì è stata la giornata più sanguinosa del 2010 in Iraq. Almeno 102 le vittime e decine i feriti dopo

SINISTRA INDIPENDENTISTA A CARTE SCOPERTE

Loading

La nuova iniziativa della sinistra indipendentista basca che è stata presentata sabato a Pamplona, definisce definitivamente gli ambiti in cui

TORTURA: TESTIMONIANZA DI BEATRIZ ETXEBARRIA

Loading

“EL COMISARIO” GRIDA E MI DICE CHE MI VIOLENTERA’ UN’ALTRA VOLTA”

 Verso le 4 del mattino del 1 marzo 2011 sfondano la porta. Mi prendono per i capelli e mi trascinano nella sala. Sono con il reggiseno e non mi lasciano vestire durante la perquisizione. Nella sala mi bloccano con violenza e cercano di mettermi le manette. Si arrabbiano perché sono piccole. Mentre sono seduta sul divano mi dicono “Vedrai che cinque giorni passerai”

Mi entrò un po’ di nausea durante la perquisizione del ripostiglio. Mi stringono fortemente sul braccio, mi lasciano degli segni. Mi mettono manette di corda e me le stringono sempre di più.

Mentre usciamo di casa mi minacciano: di non guardare, ne parlare con il mio compagno. Mi portano dove si trovava l’auto e mi proibiscono assistere alla perquisizione.

Mi portano dal medico forense di Bilbao: mi visitano attentamente: ho segni sui polsi per le manette, avevo le vene gonfie e qualche abrasione. Le braccia rosse, per il modo in cui mi tenevano, e rigide.

Mi fanno salire sul Patrol (automezzo in dotazione alla Guardia Civil). Mi obbligano a chiudere gli occhi e me li chiudono loro con una mano. Ascolto che dicono che devono incontrarsi con un’altra auto.

Si fermano. Un guardia civil che si fa chiamare “el Comisario”, viene a prendermi e cambiamo d’auto.  Quella di adesso non è un Patrol, è un’auto normale per lo spazio e l’altezza che percepisco nell’entrare. El Comisario inizia a gridarmi nell’orecchio e a minacciarmi: “Sono militare e sono addestrato ad uccidere”. Mi dice che ho due opzioni: parlare subito, o no. Noto come prendono una borsa e me la mettono sulle mani. Durante il viaggio verso Madrid mi danno colpi e schiaffi sulla testa e proferiscono continue minacce. Mi dicono che adesso si fermano e “ti lascio nuda, ti getto nella neve e ti apro come un canale”. El Comisario si toglie la giacca e inizia a strusciarsi sul mio corpo. L’altro poliziotto che stava al suo fianco “calma”  El Comisario però anche mi minaccia: mi applicano per due volte la “borsa” (viene collocata una borsa di plastica sul capo della vittim,a chiusa attorno al collo, per provocare  asfissia) nel tragitto verso Madrid.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment