Afghanistan: fermati tre operatori italiani di Emergency – Enirco Piovesana

Peacereporter

Sono accusati di coinvolgimento in un complotto per uccidere il governatore dell’Helmand. Emergency: ” Accusa ridicola”

Tre operatori italiani dell’ospedale di Emergency a Lashkargah, nella provincia meridionale di Helmand, sono stati fermati dalle forze di sicurezza afgane e dalle truppe britanniche Isaf (entrate armate nell’ospedale: VIDEO) con l’accusa di coinvolgimento in un complotto per organizzare attentati suicidi e per assassinare il governatore locale, Gulab Mangal.
I tre italiani sono Marco Garatti, coordinatore medico del progetto di Emergency in Afghanistan, Matteo Dell’Aira, infermiere capo dell’ospedale di Lashkargah, e Matteo Pagani, logista dello stesso ospedale.
Assieme a loro sono stati fermati altri sei dipendenti afgani dell’ospedale.
Secondo Daud Ahmadi, portavoce del governatore di Helmand, le forze di sicurezza che hanno fatto irruzione nell’ospedale di Emergency hanno trovato nel magazzino dell’ospedale giubbotti esplosivi, granate e armi da fuoco.
Non si sa dove i nove fermati siano detenuti. La sede milanese dell’ong non e’ ancora riuscita a parlare con loro.

La reazione di Emergency. “Quando abbiamo provato a chiamare il telefono di uno dei nostri operatori – ha dichiarato Maso Notarianni, responsabile comunicazione di Emergency – ha risposto un uomo che si e’ qualificato come appartenente alle ‘forze britanniche Isaf’, ci ha assicurato che gli italiani erano con lui e stavano bene, ma non ce li ha passati”.
“L’accusa di un qualsiasi complotto o del favoreggiamento di qualsiasi azione violenta è assolutamente ridicola”, ha detto Notarianni. “Chiunque, qualsiasi afghano medio, ridirebbe del fatto che qualunque membro dello staff di Emergency possa complottare alcunché. Dal ministro Frattini ci aspettiamo che faccia immediatamente rilasciare i nostri medici e che esiga che la situazione torni alla normalità. L’ospedale di Lashkargah opera in una situazione difficile nella provincia di Helmand è in corso da settimane un’operazione militare che ha colpito molti civili, che spesso non potevano ricevere alcun soccorso”.
La Farnesina, dal canto suo, “ribadisce la linea di assoluto rigore del governo italiano contro qualsiasi attività di sostegno diretto o indiretto al terrorismo in Afghanistan, così come altrove” e che “i medici italiani in stato di fermo lavoravano in una struttura umanitaria non riconducibile ne’ direttamente ne’ indirettamente alle attività finanziate dalla cooperazione italiana”.

La parole di Gino Strada. Per Gino Strada, fondatore di Emergency, “Le accuse mi sembrano delle assurdità talmente grosse da non prenderle in considerazione. Mi auguro che nessuna anima bella le prenda in considerazione: e’ come se in Italia si facesse circolare la voce che Don Ciotti sta complottando per uccidere il papa, e mi scuso con il mio amico per questo esempio. È vero – continua Strada – che il progetto che Emergency sta portando avanti in Afghanistan non è finanziato dalla cooperazione, ma ha ricevuto la ‘conformità’ del ministero degli Esteri, termine tecnico per dire che la Farnesina riconosce quel progetto e lo avalla, quindi non è vero che si possono tirare fuori”. Sulle armi rinvenute nell’ospedale, Strada ha detto: “Non posso escluderlo, come non posso escludere che qualcuno possa entrare con una pistola in qualunque ospedale italiano”.
Emergency in Afghanistan, e soprattutto in quella regione, è un testimone scomodo di quanto fanno le forze di occupazione e una specie di governo ai danni della popolazione”, continua Strada. “Siamo scomodi perché’ abbiamo denunciato che veniva addirittura impedito di assistere i civili feriti nella recente campagna di attacchi dove bambini e donne sono stati colpiti duramente. Sono in molti in questa zona a partecipare all’occupazione militare, fra cui gli italiani”.


Related Articles

Kurdistan turco. La pace possibile

Striscioni, urla, insulti. Il parlamento turco lo scorso 10 novembre si è trasformato in una sorta di ring. All’ordine del giorno l’annuncio ufficiale, per molti versi storico, da parte del ministro degli interni Besir Atalay della cosiddetta “iniziativa kurda”, ovvero il pacchetto di misure messe a punto dal governo per “risolvere” la questione kurda. Il ministro Atalay non è riuscito a pronunciare che poche parole prima di essere letteralmente travolto dagli insulti e dalle urla dell’opposizione.

ETXEBARRIA: IL CAMBIO POLITICO E SOCIALE E’ POSSIBILE

Talkingpeace intervista Rufi Etxebarria. Esponente storico della sinistra indipendentista basca, Etxebarria fu tra  i promotori del Foro d’Irlanda che apri la strada all’Accordo di Lizzara Garazi (1998). E’ stato tra gli interlocutori degli ultimi negoziati (2005-2007). Per la sua attività politica è stato arrestato in diverse occasioni. Il giudice Garzon lo incluse, in primo momento, nell’inchiesta che portò all’ arresto dei dirigenti della sinistra indipendentista basca nell’ottobre scorso, con l’accusa di aver elaborato la proposta politica per una soluzione del conflitto basco spagnolo attraverso vie unicamente “politiche e democratiche”. La sua posizione venne poi stralciata. Etxebarria ha passato due anni in carcere dal 2007 al 2009 con l’accusa di essere dirigente della disciolta Batasuna.
Nel dibattito realizzato dalla sinistra indipendentista basca emergono due necessita: aprire nuovi spazi per costruire un processo democratico e anche riflettere sulla necessità di un cambio nella strategia della sinistra indipendentista. Pensate che sia principalmente la sinistra indipendentista che deve dare un impulso determinate per un cambiamento della situazione politica?
Se valutiamo la lotta portata avanti dalla sinistra indipendentista in questi ultimi trenta anni, potremmo trarre due conclusioni principali. Da un lato, abbiamo conseguito logorare gli ambiti politici autonomisti imposti dopo la riforma del regime con la morte di Franco ed abbiamo evitato che Euskal Herria venisse diluita nella “Spagna delle Autonomie”. Però d’altro canto, non siamo riusciti a superare la barriera che ci permetta costruire un nuovo ambito politico democratico che riconosca la territorialità di Euskal Herria ed il suo diritto a decidere sul suo futuro in modo libero. Durante questo processo di dibattito abbiamo discusso su quale deve essere la strategia da sviluppare della sinistra indipendentista per raggiungere l’obiettivo di questa fase politica, che noi denominiamo come “fase del cambio”.

Gerry Adams: prendere posizione insieme per un’Irlanda unita

Questo il testo del discorso pronunciato dal presidente del Sinn Fein, Gerry Adams, il 6 marzo 2010, al congresso del

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment