BATASUNA: RICHIESTI 372 ANNI DI CARCERE

Mentre la sinistra indipendentista continua nel suo processo di costruzione di un processo democratico, lo stato spagnolo risponde con il carcere. La Fiscalia dell’Audiencia Nacional chiede una condanna di 372 anni di carcere per i 40 membri della disciolta Batasuna , nell’ambito del processo 35/2002 . L’accusa è di integrazione o collaborazione con ETA per la presunta “subordinazione” di Batasuna all’organizzazione armata basca quando il movimento indipendentista era legale. L’istruttoria venne aperta dal giudice Baltazar Garzon nell’aprile 2002 con l’arresto di 11 persone ed il successivo sequestro delle 75 Herriko Taberna, considerate le sedi sociali di Batasuna. Quattro mesi più tardi Garzon, decise in modo unilaterale senza nessun processo di sospendere le attività di Batasuna e la chiusura di tutte le sue sedi.  Una settimana dopo l’iniziativa di Garzon la Procura Generale  avanzò la richiesta di illegalizzazione dei partiti Herri Batasuna, Euskal Herritarrok e Batasuna al Tribunale Supremo. Il 27 marzo 2007 , il Tribunale Supremo accolse la richiesta con la motivazione di una presunta subordinazione di questi movimenti ad ETA.. La maggioranza degli imputati si trova attualmente in libertà provvisoria.. In carcere si trovano invece Analdo Otegi, arrestato nel ottobre 2009, con l’accusa di partecipare nella ricostruzione  del movimento indipendentista e nell’elaborazione della proposta di soluzione politica che ha dato luogo nel febbraio scorso al documento Zutik Euskal Herria, nel quale si riafferma la strategia di soluzione politica del conflitto basco spagnolo attraverso r un processo democratico con strumenti politici e democratici senza violenza ne ingerenze. Un altro imputato che si trova attualmente in carcere è José Luis Elkoro, promotore nel 1976 del movimento antifranchista dei sindaci democratici, per la condanna inflittagli nel macroprocesso 18/98. Nonostante le motivazioni addotte, integrazione e collaborazione con ETA, nel istruttoria del giudice Baltazar Garzon venne esplicitamente scritto che ETA non era altro “che l’ultima ratio. Perché anche se non fosse esistita ETA o la kale borroka, azioni di sabotaggio non si fossero  mai realizzate Batasuna per il suo modo di operare è da considerarsi una associazione illecita”, senza portare nessun elemento che giustificasse una tale affermazione. La maggiore richiesta di condanna, 12 anni di carcere, è per Arnaldo Otegi, Joseba Permach y Rufi Etxeberria, mentre per altri venti imputati vengono richiesti 10 anni. Si tratta di Karmelo Landa, Juan Kruz Aldasoro, Joseba Álvarez, José Luis Elkoro, Josu Iraeta, Adolfo Araiz, José Antonio Egido, Txekun López de Aberasturi, Karlos Rodríguez, Mikel Arregi, Esther Agirre, Miren Jasone Manterola, Floren Aoiz, Kepa Gordejuela, Isa Mandiola, Juanpe Plaza, Antton Morcillo, Santi Hernando, Xanti Kiroga y Jon Gorrotxategi. 8 anni vengono richiesti per José Luis Franco, Maite Amezaga, Joseba Garmendia, Juan Francisco Martínez, Juani Lizaso, Jaione Intxaurraga, Joseba Imanol Kortazar, Rubén Granados, Enrike Alaña, Agustín Rodríguez, Patxi Jagoba Bengoa, Idoia Arbelaitz, Izaskun Barbarias, Sabin del Bado, Bixente Enekotegi, Andrés Larrea y Pedro Félix Morales


Related Articles

Remembering the Hunger Strikers – National Commemoration Sunday August 23rd

  National Hunger strike March is on Sunday August 23rd. Assemble 2.15pm Bailigh at 2.15 to walk to New Inn,

LA CRISI ECONOMICA IN GRECIA: I RAGAZZI DEL FMI

Isidro Esnaola Gara. Domenica si sono riuniti i responsabili delle finanze dell’Eurogruppo per approvare il piano che ha preparato il

LETTURE DI UNA SENTENZA POLITICA

Dopo le reazioni a caldo, la sentenza contro gli esponenti della sinistra indipendentista mette in luce i motivi e le conseguenze di questo atto politico giudiziario. Sono molti gli elementi che appaiono. Che riguardano “le” questioni di fondo, il conflitto basco spagnolo e l’esistenza della sinistra indipendentista  ma anche la dialettica tra le forze politiche spagnole e basche.  La condanna a dieci anni a Otegi e Diez e a 8 a Jacinto, Zabaleta e Arkaitz ha fatto il giro del mondo anche per la “strana” lettura che comporta il leggere che sono stati/e condannati/e come dirigenti di una “banda armata” di cui chiedono la fine della azione armata…La magistratura alza una difesa corporativa alla sentenza. Baltazar Garzon, il giudice istruttore del caso in questione dice che la sentenza “è stata imparziale e equilibrata”, il che è per lo meno azzardato visto che la giudice, Angela Murillo, presidente della corte che ha giudicato Otegi e gli altri, si vide, dal Tribunal Supremo, revocata la sentenza contro Otegi in un altro processo per “manifesta mancanza di imparzialità con l’imputato”. Conde Pumpido, Procuratore Generale dello Stato, da parte sua dice che la sentenza “ci avvicina sempre di più alla pace”, che fa da eco a alla dichiarazione del 2003 dell’ allora Ministro degli Interni Acebes (PP) che considerava la chiusura manu militari del quotidiano in euskara, la lingua basca, Egunkaria, come di “una operazione in difesa e protezione dei diritti e delle liberta dei baschi, della loro cultura, del loro pensiero e della espressione della loro lingua in liberta”. Una idea tutta spagnola della democrazia – s’incarcera come “terrorista” chi chiede la fine della lotta armata e si “difende la cultura basca” chiudendo l’unico quotidiano in euskera-!!!

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment