GRAN BRETAGNA: VINCONO I CONSERVATORI (irisultati)

Dopo 34 anni la Gran Bretagna si trova senza una maggioranza assoluta nel parlamento di Westminster. I primi dati sulle elezioni legislative in Gran Bretagna danno la vittoria al partito Conservatore di David Cameron con il 36% dei voti pari a 278 seggi, seguito dal Partito Laburista di Gordon Brown con il 29% dei voti e 225 seggi. Delusione tra le file dei liberal democratici dell’ astro nascente della politica inglese Nick Clegg che ottiene il 23% dei voti e 48 seggi. I conservatori quindi non ottengono la maggioranza assoluta lasciando il campo aperto sulle possibili formule di governo. Nonostante la vittoria dei tories, il primo ministro uscente il laburista Gordon ha gà manifestato di cercare di formare un governo di minoranza o in colazione con altre forze. Da parte loro i conservatori avanzano l’ipotesi di un governo di coalizione e tra i possibili alleati gli unionisti del Irlanda del Nord.  Tra i risultati di queste elezioni ci sono alcune sorprese come il conseguimento di un seggio per verdi mentre il Partito Nazionalista Inglese, che nelle elezioni europee aveva ottenuto due seggi, non è riuscito a portare alcun deputato al parlamento inglese.  Intanto l’incertezza sulla formazione del nuovo governo scaturita da queste elezioni  ma anche le turbolenze speculative nel contesto della crisi greca hanno portato ad una svalutazione della lira sterlina.

Questi i risultati dopo lo scrutinio di 605 seggi su 650 per la Camera dei Comuni:

Partito Conservatore 288 seggi 36,2% dei voti; Partito Laburista 241 seggi (29%); Partito Liberal Democratico 51 seggi (22,9%); Partito Unionista Democratico (Partito unionista nordirlandese) 8 seggi (0,6%); Partito Nazionale Scozzese 6 seggi (1,7 %); Sinn Fein (repubblicano nordirlandese) 4 seggi (0,5%); Plaid Cymru (nazionalisti gallesi) 3 seggi (0,6%); SDLP (nazionalista nordirlandese) 3 seggi (0,4%); Green (ecologista) 1 seggio (0,9); Alliance Party (partito laico nordirlandese) 1 seggio (0,2%); altri 1 seggio (0,9%). Partecipazione 65% aventi diritto al voto (61% nelle ultime elezioni legislative del 2005)


Related Articles

ELEZIONI IN TURCHIA: PARLA IL CANDIDATO BDP KURKCU

Ertu?rul Kürkçü è uno dei candidati indipendenti sostenuti dal pro kurdo BDP (Partito della Pace e Democrazia) nel blocco denominato

ELOGI, INTERESSATI, USA AL PSOE

Il Dipartimento di Stato Statunitense, nel suo “Rapporto sul terrorismo nei Paesi nel 2009”, elogia il Governo autonomo basco del

Amburgo 3-4-5 febbraio: modernità capitalista e la questione kurda,

Sfidare la modernità capitalista, concetti alternativi e la questione kurda. E’ il titolo della tre giorni organizzata da networkaq.net (che raccoglie una serie di associazioni kurde) all’università di Amburgo il 3, 4 e 5 febbraio.
Tre giorni di discussione e scambio teorico e pratico su quanto si sta muovendo a livello internazionale in materia di nuovi modelli di sviluppo e di governance. Una conferenza voluta dai kurdi che nonostante la guerra e la repressione in Turchia continuano a elaborare modelli alternativi di “convivenza” tra nazioni.
A discutere sono stati chiamati tra gli altri Immanuel Wallerstein, Toni Negri, Norman Paech ma anche i baschi della Sinistra Indipendentista impegnati in un processo finora unilaterale per la soluzione del conflitto basco-spagnolo attraverso il dialogo. Ci sarà anche una lecture dell’economista indiano Achin Vanaik mentre il giornalista kurdo Ferda Cetin analizzerà il ruolo dell’islam politico.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment