Le ultime parole di ?îrîn Elemhulî, impiccata in Iran

Vogliono che collaboro con loro.  Dopo molto tempo, prima del 2 maggio 2010 mi hanno trasferito per un interrogatorio nella sezione 209 del carcere  e ho dovuto ascoltare le loro accuse prive totalmente di fondamenta.  Volevano che collaborassi e cosi avrebbero sospeso la sentenza. Follia. Non c’era nulla da dire oltre alle cose che avevo già detto. In fin dei conti volevano che io ripetessi davanti alle telecamere quello che loro mi dicevano.  Io, però, non ho accettato.  Alla fine ha affermato colui  che si occupava delle mie eventuali dichiarazioni: ” Abbiamo cercato di aiutarti, ma visto che la tua famiglia non è disposta a collaborare siamo arrivati a questo punto.” A questo punto mi detto che non mi avrebbero rilasciato, ma che mi avrebbero impiccato.”


Related Articles

ZAPATERO, ETA, POMPIERI

Il Primo ministro spagnolo, José Luis Zapatero, ha definito “non solo insufficiente bensì vigliacca” la dichiarazione della sinistra indipendentista sulla

Itsasoaren Alaba: il film di Josu Martinez in Italia – date

Haize aveva un anno quando suo padre, Mikel Goikoetxea, “Txapela”, rifugiato basco di 27 anni venne ucciso nel 1984 dal

Timochenko: What happened to my heart?

On the road to peace, it got a little hurt.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment