SCIOPERO GENERALE IN EUSKAL HERRIA

Lo sciopero generale indetto dalla maggioranza sindacale basca, ELA, LAB, ESK, STEE-EILAS, HENE, Hiru per il 29 giugno contro la rifroma del mercato del lavoro approvata dal Governo Zapatero ed avvallata dai Governi autonomi della CAV e della Navarra  era stato annunciato dopo la manifestazione di migliaia di lavoratori che si è svolta domenica scorsa a Bilbao. La manifestazione indetta per reclamare sovranità nelle relazioni del lavoro proponeva una della misure che i sindacati baschi considerano necessaria per affrontare una politica governativa iniqua che salvaguarda le grandi corporazioni e ricchezze a scapito dei lavoratori dipendenti e delle classi popolari in generale.  Lo sciopero hanno sottolineato i leader sindacali baschi è contro “un riforma che è la peggiore dalla Transizione (1976) ad oggi”. Significativo il tentennamento dei sindacati di ambito spagnolo che in questi decenni hanno avuto un ruolo importante nel avallare molte delle riforme del mercato del lavoro che tra le altre conseguenze, ha portato la Spagna ad essere, ciclicamente,  uno dei paesi europei con la più alto tasso di disoccupazione e di precariato. Pur avendo contestato i pacchetto di misure economiche e di riforma del mercato del lavoro, CCOO e UGT minacciano o sciopero generale ma non concordano ancora sulla data. Solo CCOO ha voluto non rimanere indietro in Euskal Herria convocando uno sciopero generale nelle province basche lo stesso giorno, il 29 giugno, della maggioranza sindacale basca, ma “non avvallando le stesse rivendicazioni” si sono affrettati a dire i rappresentanti del sindacato spagnolo


Related Articles

LA “SALVEZZA” DEI PAESI INDEBITATI – Gara.

          Le reazioni provocate, la settimana scorsa, dall’annuncio del referendum in Grecia sul secondo piano di

JON ANZA, AUMENTANO SOSPETTI E PROTESTE

Ieri a San Sebastian, 8000 persone hanno dato vita ad una manifestazione con convocata dal movimento pro amnistia per denunciare

PAESE BASCO: CONFESSARE PER CONFERMARE ACCUSE

  Gara. Un nuovo tassello per dimostrare il procedimento inquisitorio della azione di polizia e giudiziaria spagnola contro la dissidenza

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment