I NEED SPAIN?

Loading

Si era presentato come il Governo della concordia, quello del PSE di Patxi Lopez, che avrebbe combattuto la logica dei “fronti”, etc, etc. I fatti, come la natura dei protagonisti, non potevano dare altro risultato che…l’opposto. Vinte delle elezioni perché escluso uno dei partecipanti, la sinistra indipendentista, PSE e PP hanno stretto un patto di ferro per fare della CAV una comunità spagnola come le altre. Questa ossessione alla spagnolità della comunità autonoma basca ha raggiunto ogni angolo della politica, della cultura, dello sport. Dalle previsioni del tempo, via quelle per le sette province, alle sigle sulle uniformi della Ertzantza,  dal “rinnovamento della EITB”, televisione pubblica basca, con un crollo del 50% dell’audience, con programmi come “il discorso del RE” di fine anno, fino allo sport, con la voglia di vedere le “furie rosse” calciofile e la Vuelta ciclistica a Espana in terra basca. Mentre per le “selezioni sportive basche”, sulla falsariga di quelle gallesi, scozzesi, nord irlandesi ostracismo totale.  Adesso arriva la promozione turistica associata Spagna-Euskadi, con lo slogan “I need Spain”. Più chiaro di così…Ad onor del vero come scrive il conservatore Diario Vasco, come ogni buona campagna pubblicitaria un risultato questa iniziativa del Governo di Patxi Lopez l’ha ottenuta: far parlare di se ma per adesso in Euskal Herria, viste le levate di scudi che ha provocato quella che sembra proprio una…. provocazione. Il portavoce del PSE José Antonio Pastor dice che “le critiche sono infantili e rispondono ad una ossessione malata per differenziarsi da Espana”, o forse sono una contestazione all’idea che dopo la Spagna…il nulla. Ora bisognerà verificare se i “turisti” attratti dallo slogan in terra basca saranno delusi dal constatare che da quelle parti la “necessita della Spagna”, per la miopia, e ossessione, dei suoi governanti, lascia molto a desiderare.


Related Articles

Ocalan chiede al PKK di prolungare cessate il fuoco

Loading

 

Dopo il nuovo incontro con emissari dello stato turco, il leader del PKK attraverso i suoi legali ha chiesto all’organizzazione kurda di estendere il cessate il fuoco per alcuni mesi. Ocalan aveva fissato il 15 giugno (tre giorni dopo le elezioni politiche) come data ultima per rivedere la sua posizione all’interno del processo delicato in atto in Turchia. Ocalan ha chiesto al parlamento e ai nuovi 36 deputati eletti con il Blocco Lavoro, Democrazia e Libertà di avviare al più presto la discussione sulla nuova costituzione e sulla soluzione della questione kurda

Kurdish leader Abdullah Ocalan extended the unilateral ceasefire which was declared by the PKK for an undisclosed time perod but said that the process should last within a few months.

Kurdish leader Abdullah Ocalan extended the unilateral ceasefire which was declared by the PKK for an undisclosed time perod but said that the process should last within a few months.
Ocalan had earlier stated that he will decide about the fate of the ceasefire on 15 June, three days after thr general elections in Turkey. Ocalan anounced his decision to extend the ceasefire in a meeting with his lawyers in Imrali Island High Security Prison where he is held for 11 years.

ARRESTATO VICE SINDACO SEMDINLI

Loading

          La co-presidente del BDP (Partito della Pace e la Democrazia) Gulten K??anak e Ahmet Türk

A flicker of hope in the Middle East crisis

Loading

The purpose of the French initiative is to try and inject some life back into the process through a peace conference to be held toward the end of this year

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment