COLOMBIA, AUMENTA VIOLENZA SESSUALE

Nuova Colombia. Secondo quanto denunciato dalla ong internazionale OXFAM, in Colombia l’omicidio di donne e la violenza sessuale sono in drammatico aumento. In uno studio di recente pubblicazione, vengono resi noti dati agghiaccianti: “489.687 donne hanno subito violenza sessuale dal 2001 al 2009, per una media di 6 donne ogni ora”, e più dell’80% degli stupri sono imputabili all’Esercito o ai paramilitari di Stato.

I dati non riflettono che una piccola parte della realtà, poiché per paura le vittime sono spesso costrette a tacere. Nella quasi totalità dei casi, i crimini restano impuniti, e diverse denuncianti sono state assassinate.
Le cifre evidenziano l’uso sistematico della violenza sessuale come pratica del terrorismo di Stato, utilizzato per lo sfollamento forzato delle popolazioni locali dalle zone di alto interesse economico.
Secondo quanto confessato da Carmen Rincón, ex integrante dei paramilitari delle AUC, il capo paramilitare Hernán Giraldo alias ‘El Patrón’, ha violentato almeno 50 bambine di meno di 15 anni, portate alle feste nelle quali Giraldo selezionava le sue vittime; quelle che non erano di suo gradimento, venivano date in pasto ai suoi paramilitari.
Militari e paramilitari colombiani utilizzano la violenza sessuale come arma di guerra, su mandato del narcogoverno, e godendo quindi della più totale impunità.

Fonte: http://www.nuovacolombia.net/Joomla/index.php?option=com_content&view=article&id=1600:0407-in-colombia-violenza-sessuale-in-drammatico-aumento-fra-2001-e-2009&catid=8:accordo-umanitario&Itemid=19


Related Articles

“Falsos positivos”, il documentario a Roma e Trento

Il documentario di Simone Bruno e Dado Carillo  racconta il caso colombiano dei crimini di Stato noto come “falsos positivos” . I

BILDU, LEGGE, MAGISTRATURA E POLITICA

Ammessa la coalizione Bildu, ammissione incerta fino all’ultimo, le elezioni del 22 maggio non potranno definirsi comunque “normalizzate”. Ci sono

IN EGITTO SI E’ RIUSCITI A UNIFICARE MOLTI SETTORI PER DIFENDERE LA STESSA CAUSA

Amal Ramsis, cineasta egiziana Gara. (..) Prima che se ne andasse Mubarak, dal mio punto di vista, Piazza Tahrir, era

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment