Parigi. I due immondi fratelli siamesi

Parigi. I due immondi fratelli siamesi

Cui prodest? Era questa la domanda più immediata, e spesso più stupida, che media e politica usavano porre di fronte agli attentati (incomparabili, da tutti i punti di vista) che, qualche decennio fa, scuotevano in Italia la pubblica opinione e insanguinavano i marciapiedi.

Un quesito che, dovesse essere avanzato oggi, davanti al massacro di Parigi, avrebbe una risposta facile, persino scontata. Dalla strage che l’ISIS ha portato nello stadio, nelle strade, nei bar e nei ristoranti parigini, provocando decine e decine di morti, ne trarrà un beneficio politico solo il Front National di Marine Le Pen e le destre estreme. Come, a caldo, ha profetizzato Marek Halter, il filosofo francese che ha vissuto l’orrore del nazismo: «Ho una paura, che è quasi una certezza: quello che sta succedendo aiuterà la destra estrema, alle prossime elezioni guadagnerà milioni di voti. La chiamano già la guerra con l’islam. E stanno lanciando la guerra contro i rifugiati, perché i figli di quelli che scappano da Iraq e Siria vengono in Francia per uccidere. È la democrazia a essere in pericolo. La gente ha paura, e apre agli estremismi. Non è impossibile che domani ci siano attacchi contro i musulmani in Francia, o attentati alle moschee».

 

La nientificazione dell’altro

Una previsione che, almeno in parte, sembra già avverarsi in queste prime ore, se è vero che un incendio per rappresaglia sarebbe avvenuto nella “Jungle” di Calais, il ghetto nel nord della Francia dove sono ammassati migliaia di profughi e di disperati che vorrebbero raggiungere il Regno Unito. Intanto, Marine Le Pen ha definito l’immigrazione un’epidemia batterica. Del resto, anche da noi in passato si sono visti i Borghezio salire sui treni dei migranti con disinfettanti per pulire le carrozze dal contagio. Quando uomini e donne vengono considerati – e trattati come – insetti, vuol dire che viene negata l’altrui umanità. E se l’altro non è umano può, anzi deve, essere annullato. È successo sotto il tallone del nazismo, con la “soluzione finale” contro gli ebrei condotti alle camere a gas. È accaduto in Ruanda, dove, per preparare il genocidio del 1994, gli hutu incitavano allo sterminio degli “scarafaggi” tutsi. È successo e succede in ogni luogo dove l’uomo viene ridotto a cosa.

 

#?porteouverte

Eppure, di fronte all’odio omicida dello Stato Islamico, oltre alla paura, che a sua volta produce aggressività e violenza, a Parigi è scattata, immediata, naturale e preziosa, una reazione di solidarietà: l’hanno chiamata #?porteouverte, con i parigini che, mentre la notte era ancora straziata da sangue e confusione, hanno aperto le porte di casa ai feriti e a chi aveva timore di attraversare la città per tornare alla propria dimora.

Come in ogni guerra, anche in questa convivono e configgono il peggio e il meglio dell’essere umano. Perché, occorre dirlo, questa è una nuova forma di guerra; la definizione di terrorismo è insufficiente e persino fuorviante. Il terrorismo è un fratello minore e bastardo che reclama gli stessi diritti del maggiore, in questa Terza guerra mondiale, per come l’ha definita Papa Francesco, suscitando qualche alzata di sopracciglio, o peggio.

 

Le prime vittime di ogni guerra

Ma di questo si tratta. Di una guerra globale che, proprio come ormai in gran parte e da tempo fanno le guerre “tradizionali”, uccide civili. Una guerra che, come tutte le guerre, è profondamente ingiusta, muove dall’ingiustizia e provoca ingiustizia. Nasce dal calcolo e dall’odio e si nutre e si rafforza del calcolo e dell’odio che determina in reazione. Una guerra che, come tutte le guerre, vede come prime vittime la verità e i diritti umani.

Cui prodest? È una domanda spesso ottusa, che può essere persino sciacallesca. Quello che occorre chiedersi non è a chi giova, ma capire invece a chi nuoce l’odio che è stato seminato stanotte a Parigi. A patire sicuramente sono e saranno i diritti e le libertà di tutti, e per primi quelli di immigrati e rifugiati. È lì che va subito costruito un muro a difesa, pena l’escalation e la drammatizzazione dell’odio e del rifiuto, ingredienti altamente esplosivi in un mondo altamente destabilizzato.

Oggi, davvero, si può e si deve dire “Je suis Paris”. Ma, assieme, occorre riprendere a dire ad alta voce, in ogni paese e continente, qualunque siano la propria etnia, cittadinanza e religione, che i due immondi fratelli siamesi, guerra e terrorismo, vanno buttati fuori dalla Storia. Da subito. Per sempre.

 



Related Articles

Oil Nationaliazation and the 1953 Coup in Iran: A Conversation with Ervand Abrahamian

  Demonstrators in Iran during the 1953 coup, Frank Walsh Creative Commons. In August 1953, the U.S. and British governments

US and Afghan governments make contact with Haqqani insurgents

US and Afghan governments make contact with Haqqani insurgentsExclusive: US dealing with Haqqani clan – which has close ties to

Greece in Chaos

“They Are Stealing Our Lives” by NOËLLE BURGI “Who knows what tomorrow will bring?” people ask in Athens, Salonika and

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment