Maialen fa storia: una donna vince il campionato dei bertsolari

Otto ore con gli occhi incollati al palco per ascoltare gli otto finalisti del campionato dei bertsolari, ovvero i cantastorie baschi. Alla proclamazione di Maialen Lujambio campionessa il Bec di Bilbao pieno all’inverosimile (ventimila persone) è esploso. Maialen infatti è stata la prima donna a vincere il titolo di campione di questa insolita tenzone. La ‘txapela’, il basco del campione non era mai stata posta in testa a una donna. Il bertsolari è il vecchio cantastorie basco. Ma il bertsolarismo non è soltanto una tradizione: è certamente una forma di comunicazione alternativa, in un paese dove spesso l’informazione viene bloccata, ma è anche una attività che sempre più ha permesso ai giovani di mantenere forte il legame con la lingua, l’euskera. Il pubblico al campionato (che si svolge ogni quattro anni) era soprattutto giovane. Ci sono scuole dove si impara a diventare bertsolari. Il bertso ha sue regole, metriche e ritmiche ma soprattutto è improvvisazione. Ai bertsolari viene dato un tema su cui comporre versi. Nel campionato ci sono ‘gare’ che vedono coinvolti due o anche tre bertsolari alla volta. In un’atmosfera di festa ma anche di grande tensione e emozione. Si ride con i temi proposti, ma ci si commuove anche. Maialen Lujambio ha fatto storia, titolavano i giornali il 14 dicembre, il giorno dopo la finale del campionato. E la storia continua.


Related Articles

Sinn Fein Martin McGuinness announces retirement

Sinn Fein’s Martin McGuinness has effectively retired from politics after announcing he will not be standing for re-election in the

Venezuala: censura contro bolivariani

Nuova Colombia. Cristina González, Direttrice di “La Radio del Sur” (network di centinaia di radio sudamericane), giornalista e militante della

Nationalists in the North of Ireland protest PSNI

An egregiously insensitive example of PSNI harassment has led to a surge in nationalist support for disbandment of the hated police force.

A small number of survivors and families of victims of an infamous loyalist atrocity were set upon last week as they gathered in a socially distanced manner to lay flowers on the memorial site where the killings took place, on Belfast’s Lower Ormeau Road.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment