JOSU MARTINEZ

Loading

PROVA PROVA PROVA

Normal.dotm 0 0 1 222 1268 .. 10 2 1557 12.0 0 false 14 18 pt 18 pt 0 0 false false false /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:”Tabella normale”; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-parent:””; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:12.0pt; font-family:”Times New Roman”; mso-ascii-font-family:Cambria; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”; mso-fareast-theme-font:minor-fareast; mso-hansi-font-family:Cambria; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:”Times New Roman”; mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

Come in ogni conflitto anche in quello basco spagnolo l’informazione gioca un ruolo determinante nel creare opinione e consenso. Il dibattito nella sinistra indipendentista sta provocando una ridda di voci e informazioni che cercano di sminuire l’importanza del dibattito in corso. Governo, magistratura e mezzi d’informazione fanno a gara nel forzare un’immagine funzionale a mantenere i parametri del conflitto come negli ultimi decenni. Almeno così si può dedurre da una serie di fatti di queste ultime settimane. Gli ultimi episodi, in ordine di tempo, sono l’arresto, in Portogallo, di due presunti militati di ETA a bordo di un furgone che trasportava dieci chili di materiale esplosivo. Secondo il quotidiano El Pais, l’arresto è avvenuto dopo che il furgone aveva forzato un posto di blocco nei pressi di Zamora in Spagna. Lo stesso quotidiano spagnolo in un editoriale afferma che “questo episodio conferma gli allarmi delle settimane scorse del Ministro degli Interni Rubalcaba su un possibile attentato di Eta”. In realtà i mezzi d’informazione sottolineano che il furgone non era predisposto per essere azionato e che invece trasportava  materiale “per creare una base in territorio lusitano”.  Nulla quindi a che vedere con ipotetici attentati a breve termine, come affermato da Rubalcaba,  e non viene spiegato il perché un commando dell’ ETA avrebbe attraversato tutto il territorio spagnolo per creare una base in Portogallo quando il materiale esplosivo era composto da elementi acquistabili anche nel paese lusitano. 

 

 


Related Articles

RAFA DIEZ IN LIBERTA’

Loading

L’ex segretario del sindacato basco LAB, verrà scarcerato dopo aver depositato una cauzione di 30 mila euro. Diez era stato

Droni USA contro curdi

Loading

      Fonti curde denunciano l’utilizzo dei droni Usa Unmanned Aerial Vehicles nelle operazioni militari che l’esercito iraniano sta

NUS in solidarity with Bogazici University

Loading

NUS National President Larissa Kennedy said the student body, which represents some 600 affiliated further and higher education institutions across the country, has a proud track record of international solidarity.

”NUS UK has from its outset been an internationally engaged national union that seeks to organise for social justice in solidarity with other students across the world,” she said.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment