ERDOGAN INCONTRA I ROM

ERDOGAN INCONTRA I ROM

Loading

Il premier turco Recep Tayyip Erdogan ha incontrato domenica la comunità rom. Un incontro voluto dal primo ministro nell’ambito della cosiddetta ‘iniziativa democratica’, cioè il pacchetto di proposte per concedere più diritti alle cosiddette minoranze etniche. In realtà l’iniziativa era nata come ‘iniziativa kurda’, il tentativo del governo turco di affrontare la questione kurda. In realtà l’iniziativa non è mai decollata, e le proposte di pace anche del presidente del PKK, Abdullah Ocalan, non sono neppure state rese pubbliche. Quanto alle proposte del partito BDP, che ha preso il posto dell’illegalizzato DTP, non vengono prese in considerazione da Ankara. Così Erdogan incontra i rom, perchè se l’iniziativa democratica è una semplice operazione di maquillage, bisogna far vedere comunque che qualcosa accade. In realtà domenica non è accaduto nulla, perchè i problemi principali dei rom, casa e scuola, non sono stati affrontati dal premier. Che ha puntato tutto sull’emotività, giocando la carta del ‘siamo tutti turchi’. Retorica mista a nazionalismo, dunque per un incontro che poteva davvero essere storico. Ma è chiaro che  l’obiettivo di Erdogan è quello di tenere buona l’Unione europea (che prontamente si è congratulata con il premier turco per l’iniziativa di apertura) e non certo quello di affrontare le questioni reali che riguardano la popolazione.


Related Articles

TALKING PEACE – ES

Loading

Normal 0 14 En cada conflicto la creación del imaginario del enemigo es un factor determinante para la consolidación del

Turchia: fosse comuni nella regione kurda

Loading

 

 

Newala Kasaba, due parole che il popolo kurdo ha in testa come se fossero state scolpite nella loro mente. E in effetti è così. Newala Kasaba concentra in sé la maggior parte di ciò che è stata la guerra sporca contro il popolo kurdo. Newala Kasaba è un ampio campo collinare, alla periferia immediata di Siirt. Potrebbe essere una discarica. E infatti si possono trovare immondizie. Ma basta camminare a piedi per pochi metri per capire che questa terra nasconde qualcosa di più raccapricciante e orribile. Come sacchi della spazzatura, stanno venendo a galla, però non contengono spazzatura. Pezzi di vestiti rivelano ciò che è veramente nascosto sotto questi campi. La gente di Siirt conosce da molto tempo quale verità è stata sepolta qui per essere occultata ancora una volta, nelle intenzioni di coloro che commisero l’orrendo crimine di rapire gente, torturarla, ucciderla e infine scaricare e seppellire i loro corpi come fossero spazzatura. Newala Kasaba è un enorme cimitero, un cimitero dove sono stati sepolti gli orrori della guerra dello Stato turco contro i kurdi. Ma la verità non può essere sepolta per sempre. E infatti coloro che sono stati sepolti stanno lottando per uscire, per ricordare a tutti gli orribili, crudeli crimini commessi dallo stato turc
Si dice che più di 100 corpi sono sepolti a Newala Kasaba. Alcuni dicono che potrebbero essere anche 200. Tra questi si dice sia qui anche uno dei fondatori del PKK (Kurdistan Workers Party), Mahsun Korkmaz.

Early elections to be held on 12 December in the UK

Loading

The House of Commons passed legislation for an early Westminster election to be held on 12 December. PM Boris Johnson has

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment