LIBERI I KURDI ARRESTATI IN ITALIA

Loading

Il tribunale del riesame di Venezia ha ordinato la scarcerazione degli ultimi sei kurdi arrestati quasi tre settimane e accusati di aver organizzato dei campi di addestramento per giovani reclute da mandare in Kurdistan a combattere con il Pkk, il partito dei lavoratori del Kurdistan. Il tribunale del riesame aveva già scarcerato la settimana scorsa quattro cittadini kurdi e oggi, con la scarcerazione degli altri arrestati, ha confermato sostanzialmente che non c’era motivo sufficiente a giustificare il carcere. Le indagini della Digos di Venezia avevano portato alla presunta identificazione di campi di addestramento ideologico. Il procuratore della repubblica di Venezia, Borraccetti, già il giorno degli arresti, aveva sottolineato come non fossero state trovate armi e come in Italia i giovani kurdi coinvolti non venissero addestrati militarmente ma solo, appunto, ‘ideologicamente’. La decisione di oggi nei fatti ridimensiona e non di poco l’inchiesta: l’accusa era associazione con finalità di terrorismo.


Related Articles

CULTURE, ONE OF THE PILLARS OF DEMOCRATIC CONFEDERALISM

Loading

Tev-çand (tevgera demokratik ya çand û hunerê mezopotamya- democratic movement for mesopotamian culture and art) was born within the kurdish

27 GENNAIO, PAESE BASCO ANCORA SCIOPERO GENERALE

Loading

 

 

 

 

 

 

Dopo quello del 29 giugno contro la riforma della legge sul lavoro, le organizzazioni sindacali basche ELA, LAB, EHNE, HIRU, ESK, che rappresentano la maggioranza sindacale nelle province basche, hanno promosso un nuovo sciopero generale contro la riforma delle pensioni che in questi giorni è oggetto di un serrato dibattito tra Governo, sindacati, UGT e CCOO, e CEOE, l’associazione industriali spagnoli. Come scrive Joserra Bustillo su Diagonal “ le ragioni dell’opposizione alla riforma si centrano su tre aspetti essenziali: l’ampliamento del computo per calcolare il valore della pensione da 15 a 20 anni; l’ampliamento del periodo contributivo per ricevere la pensione completa da 35 a 40 anni e l’aumento dell’età pensionabile da 65 a 67 anni. Inoltre le organizzazioni che hanno promosso lo sciopero respingono i limiti posti ai prepensionamenti, il congelamento delle pensioni per il 2011 o la promozione che si sta facendo delle assicurazioni private con la possibilità che migliorino ancor più le loro agevolazioni fiscali”. E’una agenda separata, ormai quella della maggioranza sindacale basca.UGT e CCOO hanno scelto di fatto dal 1977 con i Patti della Moncloa, la politica di concertazione lavorando, in questi ultimi anni, per la creazione di “contratti collettivi nazionali superando quelli esistenti provinciali che, nel contesto spagnolo, significherebbero  annullamento della maggioranza sindacale basca che dagli anni 90 ha rappresentato una spina nel fianco alle politiche neoliberiste dei diversi Governi spagnoli ed autonomi baschi. 

Un ruolo quello sindacale che è stato stigmatizzato dal “ministro” degli Interni del Governo autonomo basco, il socialista,  Alfonso Ares, il quale contestando la nacessita dello sciopero generale ha accusato “ELA e LAB di voler essere l’avanguardia nella lotta al Governo basco”. Di certo questa mobilitazione generale sta trovando considerevoli consensi. Scontata l’adesione delle forze politiche per la sovranità e progressiste basche come Eusko Alkartasuna, Alternatiba, Aralar e Sinistra Indipendentista. Quest’ultimo movimento nel dare l’appoggio allo sciopero sottolinea che “l’attuale riforma delle pensioni non risponde ad alcuna logica economica ne sociale. Non pretende garantire le pensioni ne dei più giovani ne delle persone anziane, solo vogliono che le banche facciano affari con le nostre pensioni”. Del resto lo stesso Emilio Botin, presidente del Banco de Santander, la principale holding finanziaria dello Stato spagnolo che nel 2009 chiuse con un utile di quasi 9 miliardi di euro, ha più volte affermato la necessita della riduzione delle spese dello stato, e della riforma delle pensioni che assieme alla “contrattazione collettiva centralizzata” sono “misure necessarie e opportune”. Che la grande banca faccia sentire la sua voce condizionate non è una novità ma in questa epoca di crisi questa azione diventa una necessita. Come ricorda Miren Etxezarreta, cattedratica emerita di Economia Applicata de la UAB, “ Il settore finanziario fu il causante immediato dell’ incendio e  adesso i finanzieri comandano: i grandi agenti economici dettano le politiche”

Mary Lou McDonald becomes new Sinn Fein President

Loading

Today, Saturday, Mary Lou McDonald officially replaced Gerry Adams as President of Sinn Fèin

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment