Concorso di video sull’Apartheid Israeliano

ITISAPARTHEID.ORG,, in collaborazione con la Campagna popolare Palestinese contro il Muro del Apartheid (STOP THE WALL), annuncia il primo concorso internazionale annuale di video su l’apartheid israeliano. Il concorso è appoggiato da ANMCLA, tra le altre organizzazioni solidali con la causa palestinese. Sono invitati a presentare video brevi (meno d 5 minuti) sul tema “Apartheid Israeliano”. I video devono riflettere, la natura, le realtà e/o le conseguenze della politica di apartheid in Israele, nei territori occupati di Cisgiordania e Gaza e contro i rifugiati e rifugiate palestinesi nella diaspora. Si chiede anche di fare conoscere l’iniziativa tra le reti di solidarietà locali e mezzi d’informazione scritti ed in Intrenet.

La scadenza per la consegna dei lavori è il 20 giugno 2010. Nella web ufficiale del concorso: http://www.itisapartheid.tv/ si possono trovare informazione in inglese ed il formulario per l’invio dei lavori


Related Articles

COLPI DI STATO A LA TURCA

Una cinquantina di generali e colonnelli turchi in pensione e in servizio sono stati arrestati ieri in una nuova operazione di polizia. Gli arresti sono stati ordinati dai giudici che indagano su due presunti piani di colpi stato, Balyoz (mazza) e Kafes (gabbia). Anche questi golpe rientrerebbero nelle operazioni clandestine di Ergenekon, la cosiddetta gladio turca. I due piani per rovesciare il governo risalgono al 2003 e 2004.

Tra gli arrestati ci sono nomi di spicco della nomenclatura dell’esercito turco. Personaggi di un passato molto recente e che una volta in pensione avrebbero continuato a esercitare pressioni e potere nel tentativo di sconvolgere la vita politica turca. Il generale Ibrahim Firtina (un cognome simbolicamente indicativo, tempesta), comandante dell’areonautica in pensione, già interrogato a gennaio nell’ambito dell’inchiesta Ergenekon. Firtina è stato arrestato a Ankara ma la polizia ha perquisito abitazioni e eseguito ordini di cattura in quattordici città. Tra gli arrestati anche il generale Engin Alan, salito alle cronache per aver guidato l’operazione che nel 1999 ha portato all’arresto del leader del Pkk (Partito dei lavoratori del Kurdistan), in Kenya. Ma Alan aveva già diretto anche l’operazione Yarasa (pippistrello) che portò alla cattura di uno dei comandanti del Pkk, Semdin Sakik. Quindici anni fa Alan era stato attaché militare a Baku e era stato implicato in un tentato colpo di stato contro l’allora governo dell’Azerbajan. In uno dei documenti relativi al golpe ‘Cage’, rinvenuti dalla polizia nel computer del colonnello in pensione Levent Bektas, Alan è definito “partner fidato”.

Il colpo di stato denominato Balyoz è venuto alla luce a gennaio, grazie alle indagini e alle rivelazioni del quotidiano Taraf. Forse il golpe più elaborato, perché oltre al rovesciamento del governo, a diversi omicidi (gli obiettivi erano giornalisti, politici) prevedeva anche un attentato a una delle più grandi moschee di Istanbul durante la preghiera del venerdì. Balyoz aveva anche una sorta di sotto-golpe, denominata Oraj (bufera) che prevedeva l’abbattimento di un jet turco per alimentare i dissidi con la Grecia .

Hasankeyf still in danger

Hasankeyf, an ancient city in the province of Batman, is facing the risk of being submerged into water because of

SETTE NUOVI ARRESTI NEL PAESE BASCO

Il giudice Pablo Ruiz, che sostituisce Baltazar Garzon,nella Sala n. 5 della Audiencia Nacional, ha emesso sette mandati di cattura

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment