LA KNESSET BLINDA LA RESITUZIONE DELLE ALTURE DEL GOLAN E GERUSALEMME EST

Loading

Gara. Il Comitato Affari Interni della Knesset approvò ieri, per cinque voti contro due, un progetto di legge che dovrà essere adesso approvato dal Parlamento e nel quale si esige al Governo israeliano che nel caso di voler procedere alla ritirata e restituzione dei territori occupati e mantenuti per legge sotto la propria sovranità, come le Alture del Golan o Gerusalemme est, questa decisione deve essere sottoposta previemanete referendum.

La polemica legge, che cerca di bloccare qualsiasi iniziativa per restituire le Alture del Golan a Siria e Gerusalemme ai palestinesi, stabilisce che qualsiasi accordo di pace che includa una proposta in tal senso può essere approvata solo dalla maggioranza assoluta della Camera -61 dei suoi 120 deputati – e da una consultazione popolare. Non c’è ancora una data per la sua votazione in parlamento, però potrebbe svolgersi la prossima settimana, secondo la agenzia AFP.

Una volta approvata la legge, dovrà svolgersi un referendum entro 180 giorni, indicò Europa Press. Solo nel caso che 80 deputati o più sostengano la misura adottata si potrà evitare lo svolgimento del referendum.

Israele occupò l’altopiano del Golan alla Siria; Gerusalemme est e Cisgiordania, alla Giordania; Gaza e il Sinai all’Egitto. Da questi due ultimi territori si ritirò nel 2005 e nel 1982, rispettivamente. Di quelli che rimangono ancora sotto occupazione israeliana, le Alture del Golan e Gerusalemme est vennero annessi attraverso una legge nel 1981 e nel 1980, rispettivamente, però questa situazione non è riconosciuta dalla comunità internazionale. Siria esige la restituzione totale delle Alture del Golan come parte di trattato di pace con Israele e i palestinesi reclamano il settore est di Gerusalemme, capitale del loro futuro stato.

Tentativo fallito di Netanyahu.

Dalla meta degli anni 90, deputati israeliani hanno cercato di portare avanti una legge come quella che adesso si studia alla camera. Il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, aveva chiesto che si ritardasse la votazione di ieri, al che il presidente della Commissione, Yariv Levin (Likud) si è opposto fermamente, ha informato l’agenzia EFE. La stampa locale ha segnalato che Netanyahu vuole evitare ripercussioni internazionali che l’approvazione di questa legge potrebbe comportare.

Hamin Oron, deputato del partito Meretz, ha avvertito che se questa legge verrà approvata dal parlamento, ne siriani, ne palestinesi vorranno iniziare a negoziare seriamente con Israele essendo coscienti delle difficoltà di recuperare il loro territori attraverso questa via. Karmel Shama, del Likud, considera che “fino ad ora l’Esercito difendeva il Golan dai nemici esterni, e questa legge è destinata a difenderlo dai nemici interni”.

La versione iniziale di questo progetto di legge venne elaborata durante il mandato del primo ministro Isaac Rabin ed è stata revisionata in tutti questi anni fino alla sua versione attuale.

 FONTE: http://www.gara.net/paperezkoa/20100715/210318/es/La-Knesset-blinda-devolucion-Altos-Golan-Jerusalen-Este


Related Articles

FREEDOM FLOTILLA: CONSEGUENZE DELL’AGGRESSIONE

Loading

Da Infopal http://www.infopal.it/ UN’AZIONE PREMEDITATA? PMC. Oltre alle morti e ai numerosi feriti, ancora sparsi tra vari ospedali in Israele,

ARNALDO OTEGI: ALLEANZA STRATEGICA INDIPENDENTISTA E PROGRESSISTA

Loading

RES PÚBLICA ha ottenuto una intervista in esclusiva con Arnaldo Otegi. In carcere dal 13 ottobre del 2009 accusato assieme ad altri  otto esponenti della sinistra indipendentista di contribuire alla elaborazione del documento di discussione nella sinistra indipendentista che è stato approvato alcune settimane fa. In esso si sancisce le vie esclusivamente politiche e democratiche per la costruzione, senza alcun tipo di violenza ed ingerenze, di un processo democratico. Un altro punto qualificante del documento è la creazione di un polo progressista e di sinistra indipendentista.

D: Il Tribunale di Strasburgo ha sancito l’illegalizzazione di Batasuna approvando, di fatto la Ley de los Partidos. A cosa attribuisce questa decisione? E’ la giustizia della Unione Europea cosi politicizzata come lo nello Stato spagnolo?

R: In primo luogo dobbiamo segnalare che se anche è vero che ci ha deluso profondamente questa decisione, è una decisione che ci aspettavamo. Ci ha deluso, in primo luogo, perché giuridicamente è una sentenza povera, poco argomentata e che ha sorpreso molti esperti in diritto per la sua scarsa costruzione giuridica, un fatto non abituale nella Corte di Strasburgo. Questo dato e che non fosse stata accettata per essere discussa nella Grande Camera (composta da 17 giudici ndt), nonostante fosse stata la stessa sezione del tribunale che decise di accogliere la denuncia a proporre  il trasferimento della causa alla Grande Camera vista la sua importanza (fatto questo a cui si oppose il regno di Spagna), ci porta a dire che ci sono state grandi pressioni da parte dello Stato spagnolo che hanno potuto influire in questa decisione. Noi sappiamo che per lo Stato spagnolo il conflitto politico basco è la principale questione di stato incluso a livello internazionale. Inoltre lo Stato spagnolo non è uno Stato che si caratterizzi per il suo rispetto verso istituzioni internazionali ed i principi d’indipendenza dei poteri giudiziari etc. Il profilo delle persone che abitualmente vengono nominate come giudici della Corte di Strasburgo lo testimonia; l’attuale giudice prima di essere nominato aveva collaborato con il PSOE o la Fondazione per la Libertà. Ed il suo predecessore era stato in precedenza rappresentante dello Stato nella Corte. Certamente non va a nominare giudici di riconosciuto prestigio ed imparzialità per esercitare una carica come è il caso di altri stati con un’ ampio trascorso democratico. Inoltre il fatto che non si senta vincolato dalle decisioni della

Prisoners in Turkey on 67th day of hunger strike against isolation

Loading

PKK and PAJK prisoners entered the 67th day of hunger strike against isolation.
Solidarity hunger strikes are being carried out in Maxmur Camp and Lavrio Refugee Camp in Greece.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment