HONDURAS: MASSACRO E BARBARIE NEL BAJO AGUAN – Giorgio Trucchi

Corruzione e saccheggio

La finca El Tumbador fa parte di una delle tante “storie nere” che hanno contribuito all’usurpazione delle terre in Honduras da parte di latifondisti senza scrupoli.  Quando Temístocles Ramírez de Arellano, portoricano nazionalizzato statunitense, è stato obbligato a vendere allo Stato i suoi 5.724 ettari nel Bajo Aguán, quelle terre sono state passate all’Istituto nazionale agrario, Ina, per fini di Riforma Agraria. Su queste terre il governo dell’Honduras ha installato il tristemente famoso Centro Regionale di Addestramento Militare (CREM), luogo in cui durante gli anni 80 esperti statunitensi hanno addestrato nell’arte di ammazzare le tenebrose truppe honduregne, salvadoregne, guatemalteche e la Contra nicaraguense Perfezionando tecniche di corruzione e appellando alla Legge di Modernizzazione Agricola, promossa all’inizio degli anni 90 per scardinare la riforma agraria iniziata nelle precedenti decadi, i latifondisti riuscirono ad impadronirsi illegalmente di queste terre, cominciando a seminare palma africana. Quando le famiglie contadine si resero conto dell’esistenza di una scrittura con la quale la Procura Generale della Repubblica passava le terre all’Ina, cominciarono a organizzarsi e a progettare il loro recupero. 

“L’Ina ha già misurato le terre della finca El Tumbador. Ha definito che fanno parte di ciò che è stato il CREM e che devono essere consegnate ai contadini, i quali dovranno pagare solamente il valore dei miglioramenti fatti in questi anni – ha detto Esly Banegas, coordinatrice regionale del Coordinamento delle organizzazioni popolari dell’Aguán, Copa -. 
Ciò che è accaduto è assurdo. Ci sono già negoziazioni in corso e lo stesso Facussé ha accettato che quelle sono terre fiscali destinate alla riforma agraria. I contadini del Mca sono stati costantemente perseguitati e minacciati e quello che abbiamo visto ieri è un’evidente dimostrazione che il potere in Honduras è in mano ai gruppi economici egemonici. Sono loro che comandano nel paese”, ha affermato Banegas. 
Anche per il Movimento unificato contadino dell’Aguán, Muca, il massacro perpetrato dalle guardie di Miguel Facussé dimostra la debolezza e la connivenza del governo di Porfirio Lobo con l’oligarchia nazionale. “Il regime di Porfirio Lobo, i ministri della Sicurezza e della Difesa e Miguel Facussé sono i principali responsabili di quanto è accaduto. Vogliono seminare il terrore nella regione per fermare le lotte per la terra, e hanno già avvisato che militarizzeranno nuovamente la zona – ha detto Juan Chinchilla, dirigente del Muca -. 
Il Muca si solidarizza con i compagni e le compagne del Mca. Siamo indignati per questo nuovo massacro e per l’inettitudine di questo regime. Esigiamo che si indaghi a fondo. Basta con l’impunità!”, ha rimarcato Chinchilla
Di fronte a questa situazione, il Mca si prepara per ciò che potrà accadere nei prossimi giorni. 
“Siamo feriti. In dieci anni ci hanno assassinato più di 20 compagni. È una campagna del terrore, per spaventarci, per farci rinunciare alla difesa dei nostri diritti sulla terra. Ci stiamo preparando e stiamo prendendo le misure necessarie e non ci fermeranno”, ha concluso Santos Cruz.  

FONTE © (Testo Giorgio Trucchi  – Lista Informativa “Nicaragua y más” di Associazione  Italia-Nicaragua – www.itanica.org )

 


Related Articles

?emdinli marks the anniversary of the bomb attack on Umut Bookstore

People in Hakkari’s (Colemêrg) ?emdinli (?emzînan) district have closed their shops today to mark the eight anniversary of the bomb

APPELLO: NO TAV BENE COMUNE

I sottoscritti, cittadini ed esponenti indipendenti di quell’area politico-culturale che ancora si indica come sinistra, sentono il bisogno di esprimere

LETTURE SULL’ INDIPENDENZA DEL KOSSOVO

La sentenza della Corte di giustizia della Aja che riconosce legittimità alla dichiarazione d’indipendenza unilaterale del Kosovo del 2008 che

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment