VINCONO SINN FEIN E DUP NEL NORD IRLANDA

L’astensionismo l’ha fatta da padrone nelle elezioni per il Nord Irlanda. Secondo dati finali si è recato alle urne il 54.5% degli elettori (le precedenti elezioni per l’Assemblea nel 2007 avevano visto un’affluenza del 62.9%). Risultati parziali perché l’altro aspetto che ha dominato queste elezioni è stato il caos nello spoglio. ?Quanto ai deputati, DUP (Democratic Unionist Party) e Sinn Fèin si sono contesi la maggioranza dei 108 seggi che compongono l’Assemblea per il Nord Irlanda. ?In testa il DUP, che si conferma il partito unionista di maggioranza in Nord Irlanda e anche il primo partito nell’Assemblea. Avrà dunque il diritto di eleggere nuovamente il primo ministro. Secondo il Sinn Fèin che potrà contare sul vice premier. Insomma situazione immutata rispetto alla precedente Assemblea.?Sia il DUP che il Sinn Fèin hanno aumentato i loro voti, grazie anche al forte astensionismo. In particolare si sono astenuti gli elettori unionisti come rivela il tonfo dell’Ulster Unionist Party. ?Il caos però ha caratterizzato lo spoglio delle schede. Oltre al rinnovo dell’Assemblea per il Nord si rinnovavano anche i consigli comunali e si votava per il referendum sulla riforma elettorale. ?Lo spoglio è cominciato tardissimo venerdì mattina (si è votato giovedì). Panico per centinaia di schede che risultavano ‘disperse’ e che sono state recuperate inzuppate d’acqua. Gli scrutatori hanno perso ore a asciugare le schede con degli asciugacapelli facendo slittare ulteriormente l’inizio del conteggio. ?Sabato notte a spoglio finalmente concluso la nuova Assemblea per il Nord d’Irlanda appariva assai simile a quella appena decaduta. Con i due partiti di maggioranza usciti entrambi rafforzati. ?Il DUP infatti è arrivato a 38 seggi (ne aveva 36). Il Sinn Fein ha raggiunto quota 29 (aveva 28 deputati). Collasso per l’Ulster Unionist Party che si ferma 16 seggi (nel 2007 ne aveva 18), per il Social Democratic and Labour Party con 14 seggi (ne aveva 16 nel 2007). Meglio è andata all’Aliante Party con 8 seggi (ne aveva 7). In termini percentuali i due partiti di maggioranza del governo condiviso del Nord si attestano sul 29.9% il DUP e 26.9% il Sinn Fèin. ?Con questi risultati Peter Robinson, attuale primo ministro unionista sarà riconfermato. E infatti ieri era particolarmente in forma. “Questo successo – ha detto – significa solo una cosa, che la gente apprezza la strada che abbiamo imboccato. La gente vuole vedere una comunità unita, una società unita nella condivisione del governo pur mantenendo le proprie differenze”.?Anche il Sinn Fèin ritornerà a Stormont con il suo vice primo ministro. Martin McGuinness ha detto di voler però vedere “una maggior cooperazione in questa nuova legislatura da parte dell’Ulster Unionist Party e dello SDLP”, una stoccata ai due partiti del governo condiviso usciti malconci da queste elezioni. “Poco collaborativi”, ha detto McGuinness “e per questo puniti dai loro elettori. Mi auguro che imparino la lezione. Se possiamo governare insieme – ha aggiunto ironizzando sulle non poche difficoltà di un governo condiviso – io e Peter Robinson, sono convinto che possano farlo anche loro”.?Soltanto dopo lo scrutinio delle schede per il rinnovo dell’Assemblea per il Nord verranno aperte le urne per lo spoglio delle schede per il rinnovo dei consigli comunali. Sarà interessante vedere i risultati delle amministrative. Anche considerata la bassa affluenza alle urne. Per quanto riguarda il referendum sulla modalità di elezione dei parlamentari a Westminster, gli elettori del nord Irlanda hanno votato per mantenere l’attuale sistema del ‘chi primo arriva passa’ seppure di misura (56.3%) rispetto al nuovo sistema proposto.


Related Articles

Belfast Mayor: Everybody must contribute to a peace with justice

Donostia. Sinn Fein mayor of Belfast, Máirtín Ó Muilleoir, opened on Thursday the international conference “Building Peace Starting at Local Level” organised in Donostia/San Sebastian (Basque Country) by the Donostia city council.

How municipalities can turn peace and reconciliation work into something genuinely lasting?

We must build peace with justice, and that’s a job for everyone. Sometimes big governments talk of peace, but they actually work very little for it. So you have to work for peace with the people, the communities, cities, nations. In Belfast I believe we are all connected .

You said at the opening of the Donostia’s conference that your Belfast has changed a lot after the Good Friday agreement of 1998. How?

Fifteen years have passed. The first time I walked in the Belfast City Council as a councillor it was in 1987, and back then peace was a project. The big change since the 1994 IRA permanent ceasefire is that now in our city there is no more war. The end of the years of conflict has brought many benefits and some of them are related to the 1998 peace agreement. Now we have a government that is just and in which all parties are represented. Peace itself is rewarding, but sometimes it presents many challenges. It has brought improvements in labor, industry, tourism … this is a great reward for those who support the peace process, but I think there is work which still needs to be done and to be consolidated.

The clash between two communities was much harder in Ireland than in the Basque Country, for example. How do you transform all that negative energy into a positive one?

Although the intensity of the conflict was greater, the Basque Country’s conflict is also a great shadow for Europe. There have been many years of political conflict here, many people lost their lives. I think we should be positive all the time and always see the glass half full if we want peace to win. But peace requires progress, and I know the great difficulties there are in Euskal Herria. However, those who believe in peace achieved democratically, rather than violence, will be rewarded. In Belfast we follow that path to political change and get more benefits for our people. Time will help peace prosper, and even if a political segment is against peace, I think we will find more and more people interested in this cause.

Afghanistan tra guerra, violenza, insicurezza

Il 20 gennaio 2010 è uscito il rapporto 2009 di Human Rights Watch. L’Afghanistan nel 2009 è stato un altro

Kurdish journalist died in Serêkaniyê

Free press worker Vedat Erdemci died in an air raid on Serêkaniyê on the third day of the Turkish invasion.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment