NUOVI ARRESTI CONTRO SEGI

 Ennesima operazione di polizia contro l’organizzazione giovanile basca SEGI, ordinata dal giudice dell’Audiencia Nacional, Grande Marlasca. Dal novembre dell’anno scorso questa è la terza retata contro il movimento giovanile basco. Il 19 novembre 2010, 35 giovani vennero arrestati in diverse località del Paese basco mentre un’altra decina verranno arrestati nell’ambito della stessa operazione nei mesi successivi in Francia e Italia. Nell’ ottobre scorso altri 14 arresti mentre questa mattina sono 8 le persone arrestate. Tra esse due giovani avvocati. Le accuse sono sempre di natura ideologica vale a dire l’appartenenza ad una organizzazione considerata “illecita” dalla Audiencia Nacional nel 2005 e “terrorista” dal Tribunal Supremo spagnolo nel gennaio del 2007. Nonostante migliaia di giovani siano protagonisti anch’essi del processo politico messo in atto dalla sinistra indipendentista, le autorità spagnole, siano esse politiche che giudiziarie, continuano a colpire nel mucchio diffondendo l’idea che “si è colpito il vivaio dellETA”. Con questo pretesto che non ha trovato in questi mesi riscontri probatori sono finite in carcere dal ottobre del 2009 più di 250 persone accusate di appartenenza a organizzazioni politiche considerate “affini a ETA”


Related Articles

SINISTRA INDIPENDENTISTA: AUTODETERMINAZIONE, POLITICA PACIFICA E DEMOCRATICA. MADRID ED ETA, DIALOGATE.

Dopo il pronunciamento di 20 personalità internazionali a favore del dialogo per la soluzione del conflitto basco spagnolo, la sinistra

PJAK: PRONTI ALLA PACE SE IRAN FA PASSI CONCRETI

Haci Ahmedi è il leader del PJAK (Partito della Libera Vita del Kurdistan). Lo abbiamo intervistato mentre si trovava a

ABERRI EGUNA: FOTOGRAFIA DI UN PAESE

Dal 1932, il giorno di Pasqua, viene celebrato in Euskal Herria, il giorno della patria. Como avviene ormai da anni

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment