ETA DICHIARA CESSATE IL FUOCO PERMANENTE

Loading

In un comunicato in video e scritto l’organizzazione di liberazione basca, ETA annuncia la proclamazione di un cessate il fuoco “permanente e generale che sarà verificabile dalla comunità internazionale”.L’Eta, dopo mesi di tregua di fatto, dunque, sancisce con questa dichiarazione il suo “fermo impegno per la creazione di un processo di pace che arrivi ad una soluzione duratura e alla cessazione del conflitto armato”.

Eta aggiunge nel comunicato che “è tempo di agire con responsabilità storica” e chiede a chi “governa in Spagna e in Francia” di “cessare le misure repressive e lasciare da parte, una volta per tutte, la loro posizione di negazione del paese basco”. L’organizzazione quindi conferma che continuerà “la lotta e gli sforzi instancabili per promuovere e portare a buon fine il processo democratico fino a quando non ci sarà una reale situazione democratica nel paese basco”.

Dichiarazione in video qui

 


Related Articles

QUANDO UN MINISTRO CHIAMA “BUGIARDI” I BAMBINI KURDI

Loading

Ancora una volta gli abusi nelle carceri turche raggiungono le prime pagine dei giornali. Anzi, a essere sinceri, non hanno

Press Council uphold complaint against Irish Independent

Loading

The broadcasting ban, which barred my voice from being heard on the British media, was one of the more bizarre responses of the British state to the conflict

APPELLO DEL BDP KURDO SUI CAMPI PROFUGHI SIRIANI IN TURCHIA

Loading

Il BDP ha fatto notare come i rifugiati siriani siano isolati e tagliati fuori dal resto del mondo. Una delegazione del Partito della Pace e della Democrazia (BDP) ha annunciato un rapporto riguardante il campo di rifugiati siriani nel distretto Alt?özü di Hatay. Nel giudicare il campo come un “campo di isolamento”, il rapporto afferma; “E’ inaccettabile usare i rifugiati siriani per ragioni politiche. Il Governo siriano dovrebbe trasformarsi in un governo democratico approvando modifiche legislative e costituzionali basate su principi democratici. Ci sono seri ostacoli nei confronti delle libertà di pensiero, espressione, differenti strutture e credi. Ad esempio, i kurdi sono il cinque percento della popolazione ma non posseggono ancora una identità”.Una delegazione del Partito della Pace e della Democrazia, composta del Vicepresidente del BDP Osman Ergin, dal vicepresidente del BDP di Diyarbak?r Nursel Aydo?an, dal membro del BDP Mihdi Perinçek e da amministratori provinciali e distrettuali del BDP di Hatay ha visitato il campo di 11mila716 rifugiati siriani sistemati nei campi dei distretti di Hatay di Yaylada??, Reyhanl? e Alt?nözü.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment