SPIRIT E TOMAHAWK, IN LIBIA SI PREPARANO LE NUOVE GUERRE

Poca cosa in confronto ai bombardieri strategici Usa B-2 Spirit, gli aerei più cari del mondo (2,1 miliardi di dollari ciascuno), impiegati contro la Libia. Concepiti per l’attacco nucleare, sono stati usati con armi non-nucleari contro la Serbia nel 1999 e l’Iraq nel 2003. Questi bombardieri stealth, invisibili ai radar, possono trasportare oltre 18 tonnellate di bombe in varie combinazioni: ad esempio, 16 «intelligenti» (a guida laser o Jdam) da 900 kg, o 34 bombe a grappolo Cbu-87 che rilasciano ciascuna oltre 200 mine. Ma il B-2 Spirit può trasportare anche 16 bombe nucleari B-61 o 16 missili nucleari Agm-129. Il fatto che questi bombardieri strategici siano di nuovo usati in una azione bellica reale, permette di migliorarne l’efficienza anche per un eventuale impiego in una guerra nucleare.

Lo stesso avviene con le centinaia di missili da crociera Tomahawk, che navi e sottomarini Usa e alleati stanno lanciando contro la Libia. Questi missili della statunitense Hughes, che costano 1,5 milioni di dollari l’uno, volano a bassa quota lungo il profilo del terreno e colpiscono l’obiettivo con testate di vario tipo, sia penetranti che a grappolo (ciascuna con centinaia di submunizioni). Queste testate, come molte altre, sono fabbricate con uranio impoverito che provoca successivamente disastrosi effetti per la salute e l’ambiente. Gli stessi Tomahawk possono essere armati con testate nucleari W-80: il loro uso in una azione bellica reale serve anche a perfezionarne l’impiego per l’attacco nucleare.

Che la guerra contro la Libia ne prepari altre, ben più pericolose, lo conferma Benjamin Netanyahu: in un’intervista alla Cnn il primo ministro israeliano ha detto che, se l’Iran non rinuncia al programma nucleare, ci vuole una «credibile azione militare per distruggere i suoi impianti nucleari». Tehran, pur non possedendo armi nucleari come invece le ha Israele, ha un potenziale militare ben maggiore della Libia: per attuare una «credibile azione militare» occorre puntare contro l’Iran armi nucleari ed essere pronti a usarle. In tale prospettiva gli Usa hanno già schierato nel Mediterraneo le prime unità della componente navale dello «scudo anti-missili», le navi lanciamissili Monterey e Stout. La seconda, intanto, lancia missili Tomahawk contro la Libia. Ma, assicura il presidente Napolitano, «non siamo entrati in guerra, è un’operazione dell’Onu».


Related Articles

Francia en guerra: breves apuntes desde la perspectiva del derecho internacional

El pasado 16 de noviembre las máximas autoridades francesas declararon que Francia se encuentra en guerra

LEYLA ZANA CONDANNATA AL CARCERE

Nuova condanna al carcere per Leyla Zana, ex deputata kurda che ha già trascorso dieci anni nelle segrete turche. L’accusa

Il Dtp reagisce all’illegalizzazione da parte della Corte Costituzionale

Al termine di una conferenza stampa emotivamente forte, Ahmet Turk, presidente del Dtp (partito della società democratica), illegalizzato venerdì dalla

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment