800 ARRESTI IN KURDISTAN IN 2 SETTIMANE

Secondo il rapporto publicato dall’Associazione per i diritti umani Oltre 800 persone sono state arrestate dal 19 aprile 2011, quando l’Alta Corte per le Elezioni (YSK) decise di ecludere 7 candidati indipendenti del BDP. Due persone hanno perso la vita e 880 sono state prese in custodia.
Il 20 aprile lo studente Ibrahim Oruc è stato colpito a morte dalla polizia durante le manifestazioni contro la decisione di veto del YSK.
Il 27 aprile durante una manifestazione per la morte dello studente, un’uomo di 60 anni, Kaz?m Seker è morto per un attacco di cuore a causa dei lacrimogeni sparati dalla polizia.
308 persone sono state ferite. Di questi, 299 sono manifestanti e 9 di loro sono membri delle forze di sicurezza. Otto persone sono state ferite da proiettili sparati dalla polizia e gendarmeria, quattro bambini sono stati feriti da proiettili di plastica, 251 persone sono state attaccate dalla polizia con manganelli, pugni e calci di fucile.
Le forze di sicurezza hanno attaccato per 28 volte le tende per la soluzione democratica.
Il 26 aprile la polizia ha attaccato 12 tende per la soluzione democratica in città diverse. Le tende sono state istituite dal BDP, il Congresso della Società Democratica (DTK) e le Madri per la pace, per chiedere una soluzione democratica al conflitto curdo. Le tende, in particolare a Dersim, Izmir, Adana e Mersin, sono state perquisite dalle forze di sicurezza nelle prime ore del mattino.
La polizia ha sequestrato tutto ciò che si trovava nelle tende. Decine di persone sono state prese in custodia. Durante il raid della polizia il cantante Ferhat Tunc, candidato indipendente per il BDP, è stato leggermente ferito. Il famoso artista ha rilasciato una dichiarazione alla stampa poco dopo il raid. “Stanno cercando di spaventarci. – Ha detto Tunc – Ma non abbiamo paura e metteremo la nostra tenda ancora e ancora. Il governo dell’AKP ci sta spingendo verso il conflitto. Non abbiamo intenzione di abbandonare le nostre iniziative per continuare a dare una possibilità alla pace. Noi non rinunciamo a cercare una soluzione pacifica, nonostante l’uso del terrore contro di noi. “
Con una drammatica marcia indietro, IL 22 APRILE l’Alta Corte per le Elezioni (YSK) ha deciso che alcuni candidati indipendenti curdi potrebbero effettivamente partecipare alle elezioni del 12 giugno.
Con un verdetto che annulla parzialmente la decisione di escludere 12 candidati indipendenti, l’YSK ha dichiarato che Harun Özcan, Mehmet Hatip Dicle, Leyla Zana, Mehmet Salih Yildiz, Ertu?rul Kürkçü, Gülten K??anak e Sebahat Tuncel che sono stati tutti precedentemente esclusi potrebbero ora correre alle elezioni. La decisione dell’YSK arriva dopo la valutazione dei ricorsi da parte dei candidati. Si dice due altri ricorsi sono ancora in fase di valutazione, mentre altri due sono stati respinti.  Migliaia di persone hanno occupato le strade per contestare la precedente decisione di escludere i candidati curdi, ci sono stati scontri, feriti, un manifestante ucciso e imprecisati arresti.


Related Articles

PALESTINA: GIORNO DEL PRIGIONIERO

TeleSUR. I palestinesi hanno commemorato sabato  il giorno del prigioniero, favore dei sette mila prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane a

La Fiom fuori dalle fabbriche

Firmato l’accordo della vergogna. Loris Campetti Siglato l’accordo Fiat. Il sì di Fim, Uilm, Ugl, Fismic e Associazione Quadri a

GUARDIA CIVIL ARRESTA 10 MILITANTI INDIPENDENTISTI

Sono passate poche ore dalla sentenza che annulla la chiusura manu militari, sette anni fa, del quotidiano in lingua basca

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment