UN SABATO A ISTANBUL, SEDICI ANNI FA

Sedici anni fa, il 28 maggio 1995, un gruppo composto per la maggior parte da donne di differenti età si riunì in piazza Galatasaray, nella zona centrale di Istanbul chiamata Taksim, sedendosi di fronte alla scuola Galatasaray. Tenevano fra le mani ritratti prevalentemente di uomini di diverse età. Sulle fotografie il nome e una parola che sarebbe diventata nota anche agli stranieri, kayip, scomparso. Le Madri del sabato, come si sono definite per via dei loro incontri in piazza Galatasaray (e più avanti in molte altre piazze) ogni sabato, cominciarono le loro veglie settimanali 16 anni fa. Sono state molestate, attaccate, ferite, picchiate, arrestate. Ciononostante sono lì ogni sabato per reclamare giustizia per il loro parenti scomparsi. Lo scorso sabato Naside Ocak, sorella di Hasan Ocak (scomparso nel 1995) ha parlato del pianto silenzioso che i parenti degli scomparsi hanno sollevato dalle piazze del sabato per 16 anni.
La Ocak, osservando che la prima volta che si sono recati in piazza erano in 20, ha affermato: “Non abbiamo trovato ancora i membri scomparsi delle nostre famiglie ma ci siamo fatti conoscere, abbiamo imposto la nostra presenza ed esistenza a coloro che non ci riconoscevano. Abbiamo continuato la nostra azione contro coloro che ci hanno accusato, che ci hanno chiamato terroristi 16 anni fa. Non abbiamo potuto portare i colpevoli in tribunale ma abbiamo posto un freno alla scomparsa di persone in detenzione. La nostra lotta continuerà fino a che ai responsabili non verrà presentato il conto. Tre generazioni sono presenti qui per cercare i loro cari scomparsi. Non desisteremo dalla nostra lotta anche se dovesse continuare per 10 generazioni”.
Hanife Y?ld?z, il cui figlio è scomparso in detenzione nel 1996, ha cominciato il suo discorso ricordando il marito che ha perso la vita nella ricerca degli assassini di suo figlio. Ha così dichiarato: “Coloro che hanno fatto ogni genere di promessa nelle riunioni elettorali non ci hanno restituito i nostri cari. Hanno parlato di una politica di iniziative ma hanno approvato progetti assurdi. Non hanno trovato gli scomparsi. I responsabili della scomparsa dei nostri cari sanno dove trovarli, non certo noi”.
In riferimento agli attacchi sugli studenti a Dolmabahce, Hanife Y?ld?z ha dichiarato quanto segue: “Ci attaccheranno nello stesso modo qualora mettessimo in atto un sit-in là? Io non chiedo che mio figlio che è stato sacrificato da loro. Sapete cosa significa per una famiglia non conoscere il luogo di sepoltura del proprio bambino? Io lo chiedo alla gente che possiede una coscienza, non alle autorità dello stato. Muoviamoci insieme e resistiamo a questo sistema”.
Hasan Ocak era un attivista politico.
Aveva partecipato alla rivolta nel distretto di Gazi (Istanbul) nel 1995. Fu dopo questa sommossa, il 21 di marzo, che Hasan fu rapito dalla polizia politica. Cinque giorni più tardi, dopo essere stato duramente torturato, fu ucciso per strangolamento con un filo metallico. Si è aggiunto alla lista di persone scomparse in custodia. Alla fine di una imponente battaglia portata avanti dai suoi amici, compagni e familiari, nonché dei parenti di altri scomparsi, il suo corpo fu recuperato il 19 di maggio del 1995.


Related Articles

OGGI SCIOPERO GENERALE BASCO (VIDEO)

La maggioranza sindacale basca ELA, LAB, STEE-EILAS, ESK, EHNE e Hiru, sta valutando positivamente la risposta allo sciopero generale indetto,

La crescita spinge la Cina verso l’abisso sociale -Dabid Lazkanoituburu

GARA . E’ possibile coniugare un processo di industrializzazione che comporta una crescita economica annuale a due cifre, con una

COLOMBIA, UN NOME UNA GARANZIA –Stella Spinelli

Peacereporter. Bogotà ha scelto Baltasar Garzón, il giudice spagnolo grande inquisitore e fautore della repressione poliziesca, quale consulente per i

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment