Ocalan chiede al PKK di prolungare cessate il fuoco

Loading

Ocalan called the new Turkish Parliament to immidiately start to work for creation of a new constitution and a solution to the Kurdish Question. He said if the Turkish Parliament will take steps he will lead the Kurdish guerillas to withraw out of Turkish borders. Ocalan insisted that the Turkish government and parliament should give him a hand to open his way to end the 30 year old war.

Ocalan repeated his demand for establishing a direct link with the guerilla commanders saying that this step is necessary for him to convince the Kurdish leaders for a peaceful solution.

Ocalan also gave information about his recent meeting with the Turkish delegation right after the elections. He said the meeting was focused on the constitutional reform and solution of Kurdish Question.

He called the Peace and Democracy Party for actively participating in reform process. Ocalan said the BDP should work closely with other political parties and should create a draft constitution.

Ocalan also said that Kurds also should be ready for a possible armed conflict with the Turkish state. On the other hand he emphasized the importance of seizing the chance of a peaceful solution to the Kurdish Question.

Ocalan called Kurdish guerillas to avoid any clashes with the Turkish army. He said guerillas will only defend themselves if attacked.

He also criticized the use of Molotov coctails during demonstrations saying that Kurdish youth should be careful to avoid any harm to civilians and their property.

Speaking about the general elections Ocalan said the outcome showed the importance of a unified opposition which he has been defending for years. He called the democrats and socialist to form an umbrella organization which will include BDP, socialists and democrats.


Related Articles

Paese Basco: lo tsunami Bildu irrompe nelle istituzioni – Marco Santopadre,

Loading

Radio Città Aperta. Se il voto amministrativo è stato caratterizzato dal crollo di un partito socialista che ha pagato le

Sinistra Indipendentista, Eusko Alkartasuna Alternatiba: NUOVO ACCORDO PER LA SOVRANITA’ E IL CAMBIO SOCIALE

Loading

Dopo l’accordo strategico firmato a Bilbao nel giugno 2010 tra Sinistra Indipendentista e Eusko Alkartasuna domenica scorsa  a Gasteiz (Vitoria) un nuovo passo è stato compiuto verso la creazione della convergenza per la “sovranità di sinistra e progressista basca”. Ad aggiungersi ai firmatari di Bilbao è arrivata Alternatiba,  una scissione di Ezker Batua, Izuierda Unida basca, che aveva sottoscritto anche la Dichiarazione di Gernika.

Nel palazzo dei congressi Europa, gremito di militanti delle formazioni politiche firmatarie, Pello Urizar (EA), Jone Goirizelaia (SI) e Oskar Matute (Alternatiba) hanno spiegato i motivi di questo accordo.

Urizar dopo aver rivendicato il ”diritto dei baschi ha disegnare il proprio vestito” ha rimarcato che ogni organizzazione pur mantenendo i propri obiettivi e identità lavorare anno in modo congiunto sui punti comuni stabiliti nel documento sottoscritto.

Urizar segnalò che “le organizzazioni firmatarie si compromettono  a perseguire il loro fini unicamente per vi pacifiche e democratiche” includendo “dal alvoro istituzionale alla disobbedienza civile”.

Jone Goirizelaia ha sottolineato che questo accordo arriva in un momento trascendentale dopo che ETA ha preso una “decisione senza precedenti e storica” con l’annuncio della tregua generale, permanente e verificabile.

La rappresentate della SI ha detto che si “è aperto la porta a una nuova fase politica” invitando al lavoro ed  a “essere perseveranti ed attivi” sapendo che non mancheranno “le provocazioni”. Inoltre ha riaffermato che i firmatari di questo accordo difendono tutti i diritti per tutte le persone e la legalizzazione di tutti i progetti politici, aggiungendo che verrà “svelato quanto di mercenario c’è nel conflitto”

Oska Matute è stato incaricato per sviluppare la parte dell’accordo che riguarda il modello socioeconomico. Considerando che “l’economia è il cuore della politica” i firmatari si compromettono nel “porre l’economia al servizio dei cittadini”. Dinnanzi alla dicotomia tra “difendere le persone e i loro diritti o il capitale e il suoi benefici” la scelta sulla prima opzione è inequivocabile. Matute ha colto l’occasione per annunciare l’appoggio di EA; SI, e Alternatiba allo sciopero generale che la maggioranza sindacale basca ha indetto per il 27 gennaio contro la riforma delle pensioni annuncia dal Governo Zapatero.

Euskal Herria ezkerretik

Il documento sottoscritto riguarda le quattro province di Hego Euskal Herria (province nello stato spagnolo)

Di seguito alcuni estratti:

1. Contesto della congiuntura

Euskal Herria si trova attualmente scossa da correnti sociopolitiche e socioeconomiche che incidono direttamente nella violazione dei diritti individuali e collettivi. Questa situazione è generata per tre motivi complementari: le strutture e politiche che hanno generato la crisi sistemica, le carenze democratiche degli stati spagnolo e francese e l’esaurimento dei quadri giuridici.

La ferma volontà di superare gli esauriti quadri giuridico politico attuali, che non rispondono ai desideri della maggioranza sociale del paese, la crisi del sistema socioeconomico e il quadro istituzionale artificiale, che limita i diritti individuali e collettivi della società basca e di Euskal Herria, ci ha portato all’impegno di lavorare in modo congiunto.

Alla negazione del diritto di Euskal Herria a definire il suo futuro come nazione, si unisce una situazione di profonda crisi del sistema, attaccando le basi del welfare state con il pretesto della crisi economica mediante la promozione di misure socioeconomiche regressive che influiscono sulla qualità della vita delle classi popolari.

TURCHIA: 270 ARRESTI IN UN GIORNO

Loading

Ancora decine di persone detenute in Turchia. A Istanbul ieri mattina oltre 100 esponenti del BDP (Partito della pace e

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment