Bay?k: Kurdish National Congress should be grounded on a democratic model

Speaking to Yeni Özgür Politika daily about the Kurdish National Congress, and the reasons for its repeated postponement, KCK (Kurdistan Communities Union) Executive Council co-president Cemil Bay?k said that the KDP’s (Kurdistan Democrat Party) refusal of the co-chair system, and south and north Kurdistan’s insistence on having an equal number of delegates constituted an obstacle to the gathering of the Congress.

Bay?k underlined that the Congress should be grounded on not impositions but on a democratic model which -he said- is a platform above parties and should represent all tendencies in a democratic way.

Referring to the attitude of the KDP which -he said- refused the co-chair system and insisted on the presidential system, and south and northern Kurdistan’s demand to have equal number of delegates to the Congress, Bay?k underlined that; “This makes no sense and cannot be fair. We have already highlighted our suggestion that all decisions must be made on the basis of an agreement by all sides. Southern Kurdistan’s demand to have equal number of delegates with northern Kurdistan indicates a different intention”.

Bay?k remarked that some international and regional powers, including some Kurdish circles, didn’t want the gathering of the Kurdish National Congress in a way different than what they demand.

 

Related Articles

Pres.o.s. vascos, medidas carcelarias de excepción – Oihane Larretxea

        Gara. Las condiciones represivas que sufren los presos políticos vascos en las cárceles españolas y francesas

JOSEBA SARRIONAINDIA, SCRITTORE BASCO

Joseba Sarrionaindia (1958) scrittore poeta e saggista basco ha vinto il Premio Euskadi della letteratura , che istituisce il Governo della Comunità Autonoma Basca, per il libro  “Moroak gara behelaino artean?”.  La giuria ha motivato l’assegnazione del premio sottolineando che “era un opera molto solida formalmente, una grande opera, molto documentata, anche nella sua originalità. Passeranno gli anni e l’opera potrà convertirsi in un classico della cultura basca”.

Il libro affronta un epoca quella della guerra colonialista spagnola in Marocco negli anni 20 attraverso  la descrizione di personaggi e visioni personali sulle culture e il mondo.

Sarrionaindia è considerato un referente della letteratura basca contemporanea. La sua prolifica opera ha  attraversato la poetica il romanzo la saggistica passando per una scrittura letteraria sperimentale. Il suo lavoro è stato riconosciuto non solo dai numerosi lettori e lettrici che attendo la sue opere ma anche dalla critica letteraria come il  Premio de la Critica di narrativa in euskera,  istituito dalla Asociación Española de Críticos Literarios che concesse il premio a Sarrionaindia nel 1986, por Atabala eta euria (Il tamburo e la pioggia), una collezione di racconti e nel 2001  per Lagun izoztua (L’amico congelato), il suo primo romanzo.

Il premio Euskadi che ha una dotazione di 18.000 euro più 4000 euro se l’opera viene tradotta, non verrà dato a Sarrionaindia secondo quanto è stato annunciato dal Governo di Patxi Loepz. La motivazione è data dal fatto che Joseba Sarrioanidia è profuogo dal 1985 quando fuggi dal carcere di Martutene (San Sebtstian) con Inaki Pikaebea ambedue militanti di ETA. Dal 1985 Sarrionaindia scrive dall’ esilio senza che ufficialmente si conosca dove si trovi.

La notizia della concessione dell’ennesimo premio a lo scritto basco ha sollevato il consueto acceso dibattito sui mezzi d’informazione spagnoli. Curiosamente sul quotidiano della destra spagnola, La Razon, ad un articolo dal titolo “Governo basco concede premio a profugo di ETA”, un lettore commenta laconicamente: “Il Premio della Critica di narrativa in euskera è un premio che concede l’Associazione Spagnola dei Critici Letterari nel’l ambito del concorso annuale del Premio della Critica alla migliore opera in prosa scritta in esukera. Nel 1986 venne concesso a Joseba Sarrionaindia per “Atabala eta euria” e nel 2001 lo concessero un’altra volta per “Lagun izoztua”.  Non sarà che è un gran scrittore?”

TRADIZIONE E SINCRETISMO di Joseba Sarrionaindia (1984)

Le attuali culture non sono alberi radicati nella terra che tendono i loro rami al vento senza muoversi dal loro luogo. Oggi, come mai nella storia, il mondo è aperto e ci sentiamo parte non solo della nostra terra natale ma di tutto questo mondo, al quale

“Our” Martin McGuinness

MARTIN McGUINNESS’S contribution to the struggle for Irish freedom and sovereignty for over 40 years has been immeasurable.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment