Molto oltre le elezioni municipali e provinciali

Molto oltre le elezioni municipali e provinciali

Il movimento della sinistra indipendentista è molto profondo. Pretende alterare i parametri del conflitto e portare i confronto su vie esclusivamente democratiche.

Inaki Iriondo

Presentare il dibattito che sta per concludere la sinistra indipendentista come un risposta a presunte urgenze elettorali, è un esercizio di cinismo tattico da parte di Alfredo Perez Rubalcaba (Ministro degli Interni spagnolo) e di tatticismo cinico nel caso di Antonio Basagoiti (presidente del PP basco). Il ministro degli Interni sa di prima mano che se la sinistra indipendentista avesse dato priorità al suo interesse di stare nelle urne per la necessita di avanzare verso un quadro politico con nuove regole del gioco, democratiche, aveva nelle sue mani nel 2007 l’opportunità di farlo. Rubalcaba sa che questo non è l’obiettivo, però gli conviene centrare su questo l’attenzione. In quanto a Basagoiti, è cosciente che se le elezioni si avranno in condizioni democratiche le sue aspirazioni verranno seriamente ridimensionate e cerca premere sul Governo spagnolo affinché non lo consenta. Tutti sanno che la sinistra indipendentista aspira non solo a misurarsi nelle urne per ottenere i migliori risultati possibili,  ma che  la sua sopravvivenza non dipende da questo. Altrimenti, ripassate gli auspici del 2003 sulla imminente scomparsa di Batasuna, senza rappresentazione municipale e provinciale e senza le conseguenti sovvenzioni e verificate  la realtà attuale.

Il movimento della sinistra indipendentista è molto più profondo.La sua pretensione è di alterare i parametri attuali del conflitto, nei quali considera che lo Stato si trova perfettamente comodo, e portarlo ad un nuovo stadio dove il confronto si sviluppi unicamente ed esclusivamente per vie democratiche. E la sua base sta concludendo il dibattito sulle formule più adeguate da mettere in pratica

In questo contesto si inscrive l’ultimo comunicato d ETA. E soprattutto degno di nota che una organizzazione che storicamente ha difeso la sua condizione di avanguardia scriva adesso che “la sinistra indipendentista, che è il motore della lotta di questo popolo, ha parlato ed ETA fa sue queste parole.”. Non era questo il momento per attendersi annunci di tregue o fine della lotta armata che, è certo, come si dice nel comunicato, di per sé non comportano senza altro ancora, che ci sia un processo democratico. Essenziale è osservare che l’interesse per creare dissidenze o scissioni non ha dato frutti e, per tanto, le conclusioni che la sinistra indipendentista ottenga dal suo dibattito interno – che sarà reso noto tra alcune settimane-, dovranno essere quelle che indicheranno il cammino futuro sotto la direzione che sta tracciando la base sociale di Batasuna.

 

http://www.gara.net/paperezkoa/20100119/177924/es/Mucho-mas-alla-elecciones-municipales-forales


Related Articles

Court accuses MA journalist Aslan of “spreading provocative reports”

The investigation against journalist Mehmet Aslan has been concluded. The journalist is now charged with “membership of a terrorist organization” and “spreading provocative reports”.

Ocalan: il Kurdistan alle soglie di una nuova rivoluzione?

Il leader kurdo Abdullah Ocalan scrive dal carcere di Imrali Per riuscire a comprendere la questione kurda è necessario dare

KURDISTAN AUTONOMIA DEMOCRATICA – Norman Peach

Gennaio 2011- Il Congresso della Società Democratica ha presentato un nuovo progetto per riorganizzare la convivenza dei  popoli turco e

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment