700 BAMBINI NELLE CARCERI TURCHE

Loading

I bambini, le principali vittime della guerra, sono quelli che continuano ad essere arrestati e ad essere soggetti a tortura, maltrattamenti durante la loro detenzione in carcere. Di seguito riportiamo alcuni articoli che dimostrano la drammatica situazione dei minori kurdi: Ceylan Onkol fatta a pezzi da una granata, Hasan Dundar, emofiliaco, condannato a 4 anni di prigione ed i casi dei minori nel carcere di Maltepe.
Sono passati 9 mesi dall’uccisione di Ceylan Onkol.
A seguito della richiesta degli avvocati e della famiglia di Ceylan è stata aperta una indagine per accertare la verità su chi e perché abbia lanciato la granata che ha dilaniato la piccola Ceylan. Il rapporto degli esperti comunque cela il nome dell’assassino. Nel rapporto si afferma che Ceylan avrebbe sbattuto contro la granata con un oggetto molto pesante e che senza quest’impatto la granata non sarebbe esplosa. La caratteristica delle granate è che, prima di produrre l’impatto, mentre sono in volo, hanno un sibilo molto fastidioso. Testimoni affermano di aver udito questo sibilo prima dell’impatto. Se poi, come afferma il rapporto, fosse veramente stata Ceylan a causare l’esplosione colpendo la granata, avrebbe dovuto avere quantomeno ferite su mani e piedi. La tesi del rapporto secondo la quale la granata non è stata lanciata contro Ceylan ma sarebbe esplosa a causa di un urto accidentale, trovandosi già sul posto, comunque sembra non reggere.
Continuano maltrattamenti e torture contro i minori kurdi in carcere
Ci sono prove di torture contro i minori nel Carcere tipo E di Maltepe. La sezione di Istanbul della Associazione per i diritti umani  ha chiesto di porre fine alla drammatica condizione dei minori rinchiusi in celle di 6 mq. Il direttore della sezione, Meral Cildir, ha affermato che i minori sarebbe sottoposti a dure torture nel carcere. Quelli che poi divengono maggiorenni sono posti in celle singole e i minori malati non vengono per niente curati. Cildir ricorda anche che i piccoli detenuti, oltre a dover subire le violenze della polizia, debbono subire anche le violenze da parte degli altri detenuti. Il direttore, ricordando infine che i minori sono in sciopero della fame, ha concluso: “Chiediamo a tutti di fare qualcosa per fermare il trattamento inumano compiuto contro questi piccoli corpi”.
Hasan Dundar (13) condannato a 4 anni
I minori continuano ad essere condannati per il lancio di pietre. Hasan Dundar, già incarcerato all’età di 13 anni, è stato di nuovo arrestato dopo essere stato rilasciato. Il ragazzo, che già ha trascorso 4 mesi nel carcere di Adana, è stato condannato a 4 anni nonostante che sia gravemente ammalato (emofilia).
MINORI E CARCERI: IL DRAMMA KURDO IN IRAN
Dopo l’esercito turco, anche quello iraniano ha ucciso due giovani che stavano attraversando il confine tra Turchia ed Iran nei pressi di Urmiye (Dalamber). Le due vittime sono Zanyar Braimi (14) e Sahap Bigzade. I soldati, che hanno ferito altre tre persone, hanno ucciso anche 60 cavalli e ne hanno portati via almeno 20. Negli ultimi 6 mesi sono almeno 32 i kurdi uccisi dalle guardie di confine iraniane.


Related Articles

KUKUTZA – Iñaki Egaña

Loading

          Estuve hace unas pocas semanas en Val Susa (Piamonte), invitado a una zona de conflicto

COME SE NIENTE FOSSE

Loading

Marco Revelli
La verita? su quanto sta accadendo in Val di Susa, e sul suo significato generale, sta tutta in una quarantina di ore. Nel breve spazio che va dal sabato pomeriggio al lunedi? mattina. Sabato, una valle intera – un popolo – molte decine di migliaia di persone, anziani, giovani, donne, bambini, contadini, operai, piccoli imprenditori, commercianti, “popola- zione”, riempiono le strade, i campi circostanti, le rotatorie e i borghi, per dire no al Tav. Pacificamente, con volti sorridenti e idee chiare in testa. Lunedi? mattina – come se niente fosse – una colonna di uomini armati marcia, secondo programma, sull’area- simbolo di Clarea, sui terreni di proprieta? comune risparmiati dal primo blitz del 27 giugno 2011 e diventati il simbolo della resistenza, per occuparli. Indifferenti a tutto, muovono per spianare la Baita che ha ospitato in questi mesi l’anima della valle, come se con le ruspe potessero cancellare le ragioni di tutti. In mezzo, un uomo che cade da un traliccio, folgorato, e solo per miracolo non perde la vita.

ETA, REAZIONI INTERNAZIONALI

Loading

          Le reazioni alla dichiarazione di ETA sulla fine della su attività armata, sono improntate alla

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment