DIRIGENTI BASCHI RINVIATI A GIUDIZIO

Loading

Arnaldo Otegi, Rafa Díez, Sonia Jacinto, Arkaitz Rodríguez, Miren Zabaleta, Amaia Esnal, Txelui Moreno y Mañel Serra esponenti della sinistra indipendentista basca, arrestati il 18 ottobre scorso, sono stati rinviati a giudizio dal giudice della Audiencia Nacional Balatazar garzon. Gli imputati hanno respinto le conclusioni del giudice istruttire spagnole, che gli accusa di integrazione n organizzazione terrorista, sostenendo che il loro lavoro era politico ed ebbe come risultato la proposta di Alsasua. Uno degli imputati, Txeleui Moreno, ha lanciato un appello alla base sociale della sinistra indipendentista affinché prosegua nel cammino intrapreso, “dobbiamo proseguire, questa è la strada e non un passo indietro”, ha detto Moreno. Queste dichiarazioni sono state effettuate alla stampa, poco prima di entrare nella Audiencia Nacional. assieme agli altri impuntati in carcere dal 18 ottobre scorso. Moreno ha aggiunto che “il Ministero degli Interni con il nostro arresto ha cercato di intralciare dibattito aperto nella sinistra indipendentista. Ma non c’è riuscito. Anzi – ha proseguito – ha dato più forza alla militanza ed alla partecipazione affinché il dibattito si concludesse positivamente”. L’esponente basco ha anche rivolto un messaggio al governo spagnolo affermando che “ci piacerebbe sapere fino a che punto è capace il Governo spagnolo di accettare questo processo democratico e che la maggioranza possa decidere ciò che vuole”. Infine, interpellato da un giornalista se condannava o meno l’uso della violenza da parte di ETA, Txeluui Moreno ha risposto  che la sinistra indipendentista ha già definito che “il processo democratico deve darsi in assenza di violenza ed ingerenze esterne, ci piacerebbe sapere se il Governo accetta anch’esso queste premesse di assenza di violenza ed ingerenze”, considerando l’attuale politica del Governo Zapatero contro la sinistra indipendentista come uno “scontro duo e puro”.


Related Articles

KURDI IN PIAZZA, UN FERITO

Loading

Migliaia di kurdi hanno marciato attraverso la città di Hakkari contro l’arresto di 11 persone ma sono stati attaccati dalla

PROCESSO ALLA DISSIDENZA BASCA: LA MISERIA SECURITARIA

Loading

La richiesta del pubblico ministero di una condanna a 10 anni di carcere per i 9 esponenti della sinistra indipendentista

OCALAN SCRIVE A MANDELA

Loading

Il leader kurdo Abdullah Ocalan ha inviato una lettera a Nelson Mandela. Ecco il testo: E’ la lotta che ha

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment