CENTINAIA DI VITTIME IN CILE

Loading

Continua a salire il numero di vittime del terremoto che ieri ha colpito il Cile. Sono oltre 200 i morti fin ad ora accertati. Il ministro degli Interni Edmundo Perez Yoma afferma che “siamo di fronte ad un cataclisma di proporzioni storiche”. Il terremoto è stato di 8,8 gradi della scala Richter e secondo gli esperti è stato 50 volte più forte di quello che poche settimane fa ha devastato Haiti e il secondo più potente degli ultimi 20 anni, dopo quello di 9,1 gradi Richter registrato nel dicembre 2004 sulle coste dell’Indonesia e che provocò lo tsunami che uccise 220.000 persone.  Sotto i numerosi palazzi crollati ci sono centinaia di persone. Argentina, Perù, Colombia, Bolivia e Venezuela hanno annunciato l’invio di aiuti e soccorsi. Il Cile si trova in una zona altamente sismica. Nel il 22 maggio del 1960 a Valdividia, a sud di Santiago, un terremoto di 9,5 gradi della scala Richter provocò la morte di 3 mila persone. Fu il più potente terremoto mai registrato nel mondo.

 


Related Articles

Haiti: ricostruzione di mercato o solidale? L’esperienza cubana

Loading

La comunità internazionale si è impegnata a contribuire con 5 miliardi e trecento milioni di dollari per la ricostruzione di

PILLAR – Iñaki Egaña

Loading

          La escenificación de la política como fuente de ingresos, particulares o gremiales, ha tenido en

SINISTRA BASCA: VERSO UN NUOVO PROGETTO POLITICO E ORGANIZZATIVO (documento)

Loading

Questo secolo è iniziato con grandi trasformazioni sociali ed economiche, con grandi mutazioni nella evoluzione dei popoli e culture di

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment