PP E PSOE: PAURA DEL DIALOGO

La dichiarazione a favore della iniziativa della Sinistra Indipendentista basca sottoscritta da una ventina di personalità internazionali, tra le quali La Fondazione Nelson Mandela, Desmond Tutu, Frederick De Klerk, John Hume, Albert Reynolds, nella quale si chiede un alto al fuoco ad ETA e una risposta conseguente al Governo spagnolo, è stata silenziata dai mezzi d’informazione spagnoli  e reazioni stizzite da parte del PSOE e del PP. Idoia Mendia, socialista, portavoce del Governo autonomo basco, ha detto che la dichiarazione non “apporta nulla di nuovo”.  Per Mendia “non è sufficiente una dichiarazione di alto al fuoco” da parte di ETA e che “la fine del terrorismo deve essere il punto di partenza  e non di arrivo”. Da parte sua il Partido Popular, alleato dei socialisti nel Governo autonomo basco, sostiene che la posizione espressa nella dichiarazione è “una prospettiva enormemente sfuocata della realtà ed una  formulazione già superata”. Per l PP la dichiarazione significa porre “un prezzo politico alla fine di ETA” e che “la scommessa dei democratici non è negoziare con ETA, ne darle parte della ragione” bensì “combattere  terroristi e sconfiggere tutte le loro pretensioni


Related Articles

Öcalan still hopeful process can progress

Extending her bairam greetings to the people in the province of I?d?r on Wednesday, BDP (Peace and Democracy Party) parliamentary group deputy chair Pervin Buldan talked about the most recent meeting she, together with ?dris Baluken, held with Kurdish leader Abdullah Öcalan in ?mral? prison.

According to Öcalan – Buldan said – the fact that no life has been loss, due to the unilateral PKK ceasefire, has been the only positive side of the resolution process going on for the last one year now.

Buldan said Öcalan believed the Turkish state and government should form the necessary legal ground if they want guerrillas to lay arms down and to get back into the society. “I still feel hopeful about this process which however requires some urgent legal arrangements from the government’s side.

UNA NECESSARIA RUPTURA DEMOCRATICA

Che la questione basca sia una questione di stato per la Spagna lo spiega la storia. Con la morte di

EGIN DEZAGUN BIDEA (COSTRUIAMO IL CAMMINO)

Tutto quello che circonda le e i prigionieri politici, i loro famigliari, i loro amici e le loro amiche è più che mai presente nel nostro Paese. La presenza, degna e costante, di questo entourage avvicina agli occhi della società basca la realtà delle e dei prigionieri politici baschi. Prigionieri e prigioniere politiche che si trovano dispersi nelle prigioni dello Stato spagnolo e francese. Con la lampada tra le mani e il fazzoletto al collo, ci hanno reso consapevoli che le violazioni subite dai loro cari sono una tappa da superare. Ci hanno aperti gli occhi, alle stesso modo in cui le Madri e Nonne di Plaza de Mayo fecero in Argentina, ci hanno illuminato e mostrato il cammino. Ora il nostro popolo è pronto a intraprendere la sua strada. Aprendo una nuova fase nella quale i famigliari, gli amici e le amiche delle e dei prigionieri politici non cammineranno da soli e sole. Tra tutti e tutte, costruiamo il cammino.

1. LA POLITICA PENITENZIARIA DEVE SITUARSI NEL CONTESTO DEL PROCESSO DI RISOLUZIONE

L’eccezionale politica penitenziaria applicata alle e ai prigionieri politici baschi risponde a criteri repressivi e di utilità. Un esempio di ciò è la politica di dispersione applicata da più di 20 anni, così come le situazioni d’eccezione che si sono moltiplicate durante l’ultima decada. Mantenere in carcere chi ha compiuto la sua condanna, non liberare le e i prigionieri politici gravemente malati, la scomparsa della libertà condizionata o l’applicazione a stento della libertà provvisionale, l’isolamento o il ricatto costante. Offrendo benefici in cambio di pentimento e nel caso in cui ci si nega, essere punito con misure assolutamente crudeli: isolamento, solitudine, allontanamento, trasferimenti assolutamente arbitrari, attacchi, percosse…

Le misure per rafforzare questa politica d’eccezione si sono via via moltiplicate.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment