PALESTINA: GIORNO DEL PRIGIONIERO

TeleSUR. I palestinesi hanno commemorato sabato  il giorno del prigioniero, favore dei sette mila prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane a causa della resistenza contro l’occupazione israeliana. Migliaia di uomini, donne e bambini hanno partecipato alla manifestazione convocata dalla organizzazione per la liberazione della Palestina nella piazza Al-Manara di Ramallah in appoggio ai reclusi.

Sulle strade adiacenti alla piazza erano appese bandiere palestinesi e manifesti con messaggi per i prigionieri sui quali si assicurava che non verranno lasciati soli e che la lotta per raggiungere la liberazione nazionale continuerà. Il primo ministro di Hamas, Ismail Haniyeh, ha colto l’occasione per esigere la liberazione di tutti i suoi connazionali prigionieri. “assumiamo le nostre responsabilità e obblighi politici, informativi e legali con nostri prigionieri nelle carceri israeliane . Nessun può chiudere gli occhi mentre i prigionieri continuino ingiustamente reclusi”.

La settimana scorsa i prigionieri palestinesi hanno iniziato  uno sciopero della fame  per chiedere un miglioramento delle loro condizioni. Una delle donne presenti alla manifestazione, Tuhaira Graibi Zeit, denunciò che suo figlio, Raed Zeit, un ragazzo di 17 anni, fu condannato dalla giustizia israeliana a 20 mesi per il presunto lancio di pietre alle forze di sicurezza israeliane, però, secondo la madre, nel processo militare l’esercito “non presentò nessuna prova”. Zeit, denunciò che da due mesi le autorità israeliane non hanno permesso nessun contatto con suo figlio, “è un ancora un bambino, sta soffrendo,  e non so nemmeno se sta seguendo lo sciopero della fame”. Degli oltre settemila palestinesi prigionieri in Israele, 34 sono donne, 270 minori e 780 sono condannati all’ergastolo.

Le autorità palestinesi stimano in 200 il numero dei prigionieri morti nelle carceri ed attribuiscono le morti a “la tortura, mancanza di attenzione medica o assassinio deliberato”

L’ultimo caso si verificò venerdì scorso quando Muhamand Ahmad Hamad, un giovane palestinese di 26 anni è morto mentre si trovava detenuto in una delle carceri israeliane, dove scontava una condanna con la ‘accusa di aver  cercato di uccidere un cittadino israeliano.

Almeno 14 prigionieri sono stati sottoposti a regime di confinamento solitario per un periodo di cinque anni, secondo la denuncia del Ministero palestinese dei Prigionieri che aggiunge inoltre l’esistenza di 1500 casi di prigionieri di origine palestinese che stanno soffrendo gravi malattie mentre Israele non fornisce loro “adeguato trattamento medico e limita frequentemente i medicamenti per mitigare il dolore”.

L’accensione della simbolica Candela della libertà di fronte alla case dei genitori di Nael Barghouthi, che dopo 33 anni di carcere in Israele è considerato  il prigionieri politico che sta scontando la pena da più anni nel mondo, è stato dato inizio alle celebrazioni del Giorno del Prigioniero nella zona di Kober (vicino a Ramallah).

Nella Frangia di Gaza decine di persone, tra loro famigliari di prigionieri e dirigenti politici, hanno innalzato una tenda da campagna dinnanzi agli uffici della Mezza Luna Rossa a Gaza capoluogo attuando un giorno di sciopero della fame in solidarietà con i prigionieri.

Venerdì scorso, Hamas e Yihad Islamica hanno organizzato manifestazioni di massa nel centro e nel sud della frangia di Gaza per esigere ad Israele la liberazione di tutti i


Related Articles

Three co-mayors taken into custody in Amed

Co-mayors of Amed Metropolitan Municipality Selçuk Mızraklı, Kayapınar, Bismil and Kocaköy Municipality have been arrested.   Amed Metropolitan Municipality co-mayor

The State was preparing the end of the soldiers in PKK captivity

Some of the soldiers and policemen killed in the Turkish airstrike on Gare warned back in 2018 that the Turkish state was disregarding their lives and putting them in danger.

The Turkish army bombed a detention center in Gare that held soldiers, police officers and MIT agents captured by the guerrillas, killing thirteen of the inmates.

ABDULLAH OCALAN: LA CONGIURA CONTRO I KURDI

Questo è il testo del secondo articolo pubblicato su il manifesto e su Gara il 13 febbraio 2010. (Here the

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment