SINISTRA INDIPENDENTISTA A CARTE SCOPERTE

La nuova iniziativa della sinistra indipendentista basca che è stata presentata sabato a Pamplona, definisce definitivamente gli ambiti in cui il movimento basco vuole articolare la sua strategia politica. Al rinnovato appoggio alla iniziativa di 20 personalità internazionali che chiedono a ETA la dichiarazione di un alto al fuoco ed al Governo una risposta conseguente, la sinistra indipendentista ha aggiunto una valutazione sul dialogo tra le parti fallito nel 2007. In questo contesto la sinistra indipendentista considera che la repressione del Governo spagnolo e la risposta armata di ETA impediscono una soluzione dialogata al conflitto. Le reazioni politiche non si sono fatte attendere. Il movimento per la mediazione politica Lokarri ha sottolineato come questa dichiarazione sia un passo in avanti importante verso l’assunzione delle vie politiche e democratiche della sinistra indipendentista. Nulla di nuovo, per ora da parte dei partiti PSOE e PP e del governo spagnolo. IL PP attraverso il suo presidente nella Comunità autonoma basca, Basagoiti, ammette che non servono questi pronunciamenti ma solo “l’adesione alla Costituzione spagnola e la richiesta di perdono per le vittime provocate da ETA”. Idioa Mendia, portavoce del governo autonomo basco, guidato dal PSE con l’appoggio del PP, ha detto che “sorprende che la sinistra indipendentista non chieda direttamente a ETA di abbandonare la violenza una volta per tutte se questo è quello che stanno dicendo nel fondo”. Il Governo spagnolo non ha fatto dichiarazioni ufficiali. Solo il Ministro spagnolo Josè Blanco in una intervista apparsa oggi sul quotidiano basco “Deia”, rinnova il rifiuto di Madrid alla decisione della sinistra indipendentista definendola “un travestimento”. “O condanna la violenza o sarà condannata alla illegalità. La democrazia non può permettersi che in politica ci sia gente che giustifica l’ eliminazione di chi la pensa differentemente. Potranno rivestire le loro vecchie idee con nuovi indumenti però o condannano la violenza o non faranno politica”


Related Articles

PACO ETXEBARRIA GABILONDO: ESUMARE DIGNITA’ E GIUSTIZIA (PRIMA PARTE)

Professore di Medicina Legale e Forense nella Università del paese Basca (UPV-EHU). Presidente della Sezione di Antropologia della Società di

Sonia Jacinto, Miren Zabaleta, Arkaitz Rodriguez, Arnaldo Otegi…..

Tra meno di un mese saranno trascorsi due anni dalla operazione di polizia che portò all’arresto di 10 esponenti della sinistra indipendentista basca tra cui Sonia Jacinto, Miren Zabaleta, Arkaitz Rodriguez e Arnaldo Otegi. Operazione diretta dal giudice Baltazar Garzon che cadrà in disgrazia di li a poco a causa del sistema politico che con tanto impegno e ardore si era impegnato a difendere. Quello nato dalla assoluzione del regime franchista. E quella ultima operazione contra la sinistra indipendentista racchiude simbolicamente il senso di una vicenda politica che oggi evidenzia anche a chi “non ha voluto vedere in questi anni” i termini della questione. Una democrazia che non poteva evolversi, quella spagnola, vista l’origine viziata dalla omertà politica istituzionale dell’origine franchista. La sinistra indipendentista, unica reale e concreta contestazione a questa mancata origine costituente democratica sia spagnola e di conseguenza basca delle istituzioni politiche, che sceglie di abbandonare la strategia politico militare e di lanciare/accettare la sfida sul terreno strettamente politico.

IL GOVERNO SPAGNOLO CONTRO LA LEGALITA’ DI SORTU

Era una delle ipotesi più probabili quella di un rifiuto da parte del Governo spagnolo di José Maria Zapatero della

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment